heidi ha chiesto in Scuola ed educazioneUniversità · 3 anni fa

In seguito a quali conseguenze la Borghesia nel 700 si rafforzò sul piano sociale?

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    3 anni fa
    Migliore risposta

    Mi è familiare questa domanda. Posso chiederti se l'hai trovata su un libro scolastico e quale?

    Così magari ritrovo la risposta. Grazie :)

    Credo che la domanda sia connessa con la Rivoluzione Francese del 1789.

    Forse è questo l'argomento.

    Comunque a mio parere, le conseguenze che hanno portato ad un rinforzamento della borghesia settecentesca siano gli scambi commerciali più frequenti, anche con le Americhe e le Indie, nonchè il miglioramento dei trasporti e della conseguente diminuzione delle difficoltà sui viaggi.

    I nobili consideravano un tradimento se altri della loro stessa classe sociale si dedicavano al lavoro, mentre gli ideali del lavoro e della operosità erano tipici della borghesia.

    Essendo quest'ultima colei che si occupava del denaro e dei lavori di maggior prestigio, si rafforzò sul piano economico e sul piano sociale.

    Inoltre il bisogno di capitali si fa più pressante per gli investimenti e si vengono a creare altri istituti bancari.

    Il decollo dell'industria portò ad un ulteriore rafforzamento dell'economia e, per conseguenza, della borghesia.

    Si pensi anche alla rivoluzione americana e alla situazione delle colonie.

    Il settecento americano non era gravato dai feudi e dall'aristocrazia, bensì era prevalentemente borghese che ignora i privilegi di sangue, di nascita o del ceto di appartenenza, che da valore alla mobilità e all'individualità, all'operosità, all'intraprendenza e alla parsimonia. La classe dirigente non è più l'aristocrazia, ma proviene dagli affari, dai traffici e dall'imprenditoria.

    Tutto questo accresce il valore della borghesia anche sul piano politico.

    L'influenza che ebbe la Rivoluzione Americana in Francia fu potente.

    In Francia una persona che nasceva in un certo ordine non ne usciva perchè le gerarchie non erano determinate dalla ricchezza materiale o dal ruolo nella produzione ma da condizioni di status.

    Questo significa che avevano maggior valore il clero e l'aristocrazia.

    Il resto della popolazione riunito nel Terzo stato, invece, aveva poco valore decisionale e anche individuale.

    Nelle file del Terzo stato mancano i rappresentanti diretti dei contadini, degli artigiani, degli strati popolari urbani. E' la borghesia che ha il monopolio della rappresentanza.

    La prima fase della Rivoluzione Francese, infatti, fu costituita dalla rivoluzione parlamentare iniziata dalla protesta del Terzo stato agli Stati Generali. La borghesia medio-alta era formata sulle idee dell'Illuminismo.

    Fu proprio questo movimento culturale-letterario a posizionare le basi. La borghesia si rafforzò sul piano sociale anche grazie alle rivolte per acquisire maggiori diritti e alle idee illuministe diffusesi nel corso del secolo.

    • heidi3 anni faSegnala

      libro vecchio di storia, non ricordo il titolo.

  • Anonimo
    3 anni fa

    la Borghesia è sempre stata la Borghesia da che esiste, non ha bisogno di rafforzarsi,o c'è o non cè..o è nascosta come nell' Unione Sovietica CCCP,dove i "borghesi" erano gli alti funzionari di partito

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.