Insensatezza dei limiti di velocità e autovelox ?

Premetto che sono cosciente del fatto che la velocità è causa di incidenti, ma mi riferisco al modo in cui è gestita la sicurezza stradale, che penso proprio sia a ca**o:

- Abbiamo limiti di velocità extraurbani e autostradali che sono roba da addormentarsi alla guida (quelli urbani sono secondo me gli unici sensati)

- Per rispettare questi assurdi limiti si mettono (raramente) degli autovelox che "se la prendono" (fanno cassa) con qualcuno a caso (qualcuno a caso, perché i limiti non li rispetta quasi nessuno), indipendentemente se stava andando a una velocità che gli permetteva di avere comunque tutto sotto controllo o stava correndo a ca**o da ignorante senza curarsi di probabili ostacoli che potrebbero sbucare

- La patente e la possibilità di guidare bolidi viene data a tutti (qualche limitazione solo per le moto, ma niente di che), con esami di guida a prova di deficiente, indipendentemente se uno sa veramente cosa significhi guidare o creda di giocare alla play station, l'importante che sappia fare qualche metro senza spegnere l'auto...

- Questi ultimi commettono le peggio cose al volante e non sanno distinguere dove si può premere di più sull'acceleratore da dove è pericoloso farlo, quando è il momento e quando no (tipo sorpassi azzardati), sarebbero capaci di ammazzarsi anche col ciao

- I morti per incidenti sono numerosi, prova che questi metodi di sicurezza sono insufficienti

Io mi fido molto di più di uno che va a 300 in un rettilineo autostradale deserto e sa

Aggiornamento:

quello che fa (ecco, molti a sentire ste cose si scandalizzano e fanno di tutta l’erba un fascio, vi ricordo che in Germania queste cose si possono fare legalmente e fanno pure meno incidenti di noi), piuttosto di un ignorante che a 110 e col cellulare in mano mi si incolla al paraurti mentre la strada non permette di andare più di così.

In conclusione, secondo me finche si darà la possibilità di guidare qualsiasi mezzo a chiunque sia apparentemente in grado di intendere e di volere come si fa

Aggiornamento 2:

adesso e si continueranno a produrre veicoli in grado di superare i 20 Km/h, le vittime della strada continueranno a essere numerose.

Se si vuole risolvere il problema bisogna NEGARE questa possibilità e responsabilità a chi non la saprebbe portare avanti in sicurezza ! Vuoi guidare la BMW ? Si fa un test approfondito in cui dimostri di saper controllare l’auto, te stesso e non sei un ca**one che preme l’acceleratore senza ritegno come alla se fosse alla play ! Non sei in grado di capire tutto

Aggiornamento 3:

questo ? Allora potrai guidare al massimo un ciao (o meglio la bicicletta), per il tuo bene e quello degli altri.

Voi cosa ne pensate ? (per favore date una risposta seria e motivata, altrimenti fate a meno)

1 risposta

Classificazione
  • 4 anni fa
    Risposta preferita

    Ronaldo, dopo che hai scritto una pagina di domanda, meriti risposte sensate! Hai individuato solo parte dei problemi, in quanto quello che scrivi è giusto. La strada non può e non deve essere solidale: chi non ha le capacità non la deve usare! La suora che guida il pulmino o il vecchio col cappello non devono andare nemmeno a 20km/h perché costituiscono intralcio e pericolo per altri utenti. Però si pensa che la strada sia di tutti e che tutti hanno diritto a guidare. Errore: se non sei capace a portare un treno, mica te lo fanno guidare, no? Se non sei capace di staccare gli occhi dal tuo smartphone, non puoi guidare! Io sono un pendolare e tutti i giorni ne vedo di belle: gente che si sposta di corsia all'improvviso perché ha visto una buca, gente che guida sulla corsia di sorpasso a 60 all'ora per km e km (e sono costretto a sorpassarli a destra a mio rischio e pericolo), gente che si immette da una strada laterale all'improvviso mentre stai arrivando, pedoni che attraversano dove gli pare, ciclisti in gruppo, motociclisti che fanno lo slalom... Il problema della velocità è un falso problema: chiaro che quando vai a 180 dove tutti gli altri vanno a 40, sei un pericolo! Ma il concetto di strada a scorrimento veloce non viene mai rispettato: si appestano le strade di semafori, attraversamenti pedonali, svincoli inutili, si crea traffico e disordine perché non c'è logica nella pianificazione. Solo, se ci scappa un morto allora si abbassano i limiti di velocità rendendoli ridicoli, e si piazzano autovelox, come se il problema fosse la velocità. Ma se l'automobilista, prima di uscire in sorpasso, avesse guardato, non ci scappava il morto: cosa c'entra la velocità? Non parliamo poi degli "scooteristi" in città, quelli che d'estate guidano con i calzoncini corti e gli infradito. Pensano di non avere obblighi da rispettare, sorpassano a destra, a sinistra, sfrecciano, ti tagliano la strada, mandano messaggi... La realtà è che se si togliesse la patente a chi non sa guidare (e non a chi va troppo veloce), a chi ha comportamenti seriamente pericolosi (si distrae, non guarda, va troppo piano, non sa posteggiare...), o a chi non conosce minimamente il codice della strada (si dovrebbe rendere obbligatorio un esame ad ogni rinnovo), ci sarebbero molti meno pazzi in circolazione, si ridurrebbe il traffico e l'inquinamento e saremmo tutti più rilassati. Ma la colpa è anche dei legislatori e degli amministratori: le strade fanno schifo, si riducono i limiti di velocità in maniera ipocrita invece di mettere in sicurezza le strade, non si fanno strade a scorrimento veloce, non si investe sulla cultura della guida sicura, etc...

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.