Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 3 anni fa

Sindrome di Asperger: a chi rivolgersi per appurarne effettivamente la diagnosi?

Sono sempre stata un tipo particolare; mia madre, scherzando, ha sempre detto che il mio modo di essere dipendesse dalle mie doti artistiche (e che la frequentazione dell'Istituto d'Arte avesse contribuito a solidificare la cosa); mia cugina mi ha sempre definita (senza cattiveria) "comportamentale"; alcuni miei compagni di scuola pensavano fossi un po' "sfigata" e i miei amici attuali mi reputano, con affetto, "particolare" (anche loro). Questi ultimi vedono il mio modo di essere come interessante, non ordinario, piacevole, ma determinate mie caratteristiche (o forse dovrei dire "limiti") mi creano un disagio costante non indifferente. Giorni fa sono incappata in un video su Youtube che parlava della sindrome di Asperger e di come riconoscerne i sintomi, e mi ci sono vista in pieno. Ho una difficoltà inverosimile a guardare le persone negli occhi; la mia non è una semplice incapacità dovuta alla timidezza (non sono affatto timida), ma vero e proprio disagio interiore; per colmare determinati disagi che le interazioni sociali mi procurano (e con "interazioni sociali" intendo anche il semplice scambio di due parole con una persona conosciuta), assumo posture e atteggiamenti innaturali, impacciati e imbarazzanti. L'interlocutore credo capisca ci sia qualcosa che non vada. La mia ansia sociale è radicata a tal punto da mettermi in uno stato di profonda angoscia e abbattimento alla sola idea di dovermi confrontare con altre persone in ambienti specifici. >

Aggiornamento:

< Ad esempio, fra venti giorni comincerò a frequentare l'università e stamattina sono già stata pervasa da mille pensieri che mi hanno convinta di non essere adeguata, che sarà un fiasco e che abbia fatto una emerita sciocchezza ad iscrivermi. Ho un peso del petto che sarebbe inaccurato definire semplice nervosismo. La mia è proprio angoscia e convinzione di una inadeguatezza latente e un fallimento annunciato. >

Aggiornamento 2:

< Non riesco a condividere gioie, interessi o obiettivi con altre persone. La cosa mi mette profondamente a disagio. Non voglio che le persone notino me e ciò che faccio. L'idea di essere invisibile per gli altri mi fa sentire al sicuro. Ho manierismi motori stereotipati e ripetitivi, e se non li faccio mi assale un enorme disagio (esempio: "scrocchiare" le dita o fare dei gesti specifici). >

Aggiornamento 3:

< Odio i cambiamenti. Mi mettono un'angoscia tale che sfocia sempre in una forma di depressione che mi conduce sempre all'isolamento autoindotto. Per me, i cambiamenti non costituiscono un semplice problema, ma un disagio emotivo senza fine. Determinati rumori mi pongono in una situazione di disagio estrema tanto da diventare ossessivi. Il mio udito è sviluppato in maniera eccessiva. È come se sentissi tutto in maniera amplificata. >

Aggiornamento 4:

< Ho sviluppato diversi disordini ossessivo-compulsivi che ho sempre preso sottogamba, ma che non sono affatto normali e ne sono consapevole. Mi capita di vivere dei veri eccessi si rabbia. L'ansia fa da padrona nella mia vita 24h su 24 (e, la maggior parte delle volte, per ragioni ingiustificate e amplificate dalla mia mente). Tendo spesso alla depressione (ma da fuori non si direbbe affatto). Ho un chiaro disturbo dell'attenzione e, a volte, di iperattività.

Aggiornamento 5:

@ i due anonimi e a Cecil: Capisco sia di difficile comprensione per voi, ma se la necessità di essere degli emeriti idioti è così forte da non poter resistere a scrivere commenti privi di senso, almeno fatelo sotto domande meno serie. Sappiate che vi ho segnalati. Nella speranza che possiate raggiungere il numero di segnalazione utili affinché i vostri account vengano sospesi e, eventualmente, cancellati.

4 risposte

Classificazione
  • 3 anni fa
    Migliore risposta

    Neuropsichiatra infantile se hai meno di 18 anni sopra i 18 dallo psichiatra

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • ?
    Lv 4
    3 anni fa
    • ...Mostra tutti i contatti
    • Torukh
      Lv 4
      3 anni faSegnala

      Noi siamo quelli che vengono rapiti dall'acqua che scorre indifferente.

      Senza noi gli uomini sarebbero ancora al neolitico...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    3 anni fa

    vai da un esorcista, é il diavolo

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    3 anni fa

    🙈🙉🙊

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.