Ma l'umilta' dove e' andata a finire?!?

Tutti devono vantarsi di se stessi,anche tra amici tutti devono sentirsi in dovere di primeggiare e fare gli scienziati sulle cazzate... Io non riesco,tendo sempre trovare il buono in tutte le cose... Eppure molti mi giudicano gratuitamente senza sapere nulla di me,perche' appaio tranquilla .Non ho problemi a stare con chi la pensa diversamente da me,ma odio l' arroganza ,mi fa incazzare e ancor di piu'il fatto di trovare le parole per rispondere,troppo tardi!

12 risposte

Classificazione
  • 4 anni fa
    Risposta preferita

    Vorrei raccontarti la mia storia.

    Quando ero in terza media (ti parlo di vent'anni fa) lo psicologo della scuola ci ha sottoposto a dei test di logica e vocabolario per valutare le nostre capacita', nulla di eclatante, ma servivano da aiuto agli insegnanti per decidere meglio quali indirizzi consigliare per proseguire gli studi, oltre ai voti naturalmente

    In questi test ho ottenuto dei punteggi abbastanza alti, nulla di eccezionale, ma cmq mi sono classificata prima tra i miei compagni, cosi' il coordinatore di classe ha avvicinato i miei genitori per dire che da una valutazione complessiva di test e rendimento scolastico avevo tutte le carte in regola per riuscire bene sia al classico che allo scientifico, dovevo solo scegliere.

    I miei erano orgogliosi io, da sempre considerata l'eterna seconda dopo mio fratello anche, ho commesso solo un fatale errore: Dirlo ai miei compagni.

    Dato che per tre anni mi avevano trattato come immondizia su cui sputare volevo una piccola rivincita, lo so e' stato stupido... ma avevo tredici anni.

    Mi hanno letteralmente SBRANATO ripetendomi all'ossessione che ero una *****, non valevo niente, insulti, aggressioni costanti, alla fine ero talmente avvilita che ho scelto una scuola superiore molto piu' facile, che mi ha aperto ben poche prospettive, e di cui mi sono ampiamente pentita.

    Hai ragione, ci sono persone che si credono senza avere capacita', ma ci sono anche persone DAVVERO brave, che come tentano di far emergere le loro capacita' vengono SOFFOCATE e AGGREDITE dall'invidia altrui perche'"Hei, se ti sei laureato in corso con 110 e lode non crederai di avere speranze di fare carriera vero? Hai solo avuto fortuna/leccato culi"

    Io non mi credo migliore di NESSUNO perche' sono intelligente, sono quella disponibile ad aiutare sempre, ma non posso nemmeno negare di essere intelligente perche' altrimenti alla gente viene mal di fegato, ti pare?

    L'umilta' non consiste solo nel non credersi migliori, ma anche nel saper accettare, senza acredine o invidia, che un'altra persona possa avere doti che noi non abbiamo.

    Un paio di giorni fa sono andata al ricevimento dal mio professore di Letteratura Italiana (sto facendo una seconda laurea), una persona con una cultura mostruosa, un accademico con alle spalle anni di carriera e riconoscimenti e mi ha detto testuali parole "Ammiro la sua velocita' nel fare collegamenti, vorrei averla io"

    Questa secondo me e' VERA umilta'; lui non nega di essere intelligente, o di essere stato costante sui libri mentre i suoi compagni si grattavano, va orgoglioso di esere quello che e', eppure arrivato in cima riesce a complimentarsi con una ragazzina di quarant'anni piu' giovane e che non ha un millesimo della sua cultura ed esperienza, per una capacita' che gli fa difetto.

    Io ho passato gran parte della mia vita a sentirmi mortificata per le mie capacita', per cui dovrei solo ringraziare Dio, e a sentirmi dare della "arrivista competitiva" solo perche' non voglio passare quarant'anni della mia vita a prendere ordini dietro una scrivania, ma cercare di realizzarmi e fare un minimo di carriera senza MAI essere scorretta e fare del male a nessuno.

    Sai cosa ho capito ultimamente? Che le persone che ce l'hanno tanto con me hanno doti superiori alle mie, con la differenza che io, anche se ho paura, mi butto nella mischia e cerco di fare del mio meglio, loro non riescono a fare un passo perche' sono troppo terrorizzate dalla loro ombra per capire che in una competizione leale (l'unica che conosco e accetto) di me, farebbero polpette.

  • 4 anni fa

    dal punto di vista di una intelligenza cosmica che con algida e fredda supercognizione osservasse le cose dall'alto l'umiltà viene semplicemente catalogata come una vantaggiosa strategia

  • 4 anni fa

    Su internet è pieno di "seduttori" che postano le proprie foto vestiti da pagliacci,

  • Anonimo
    4 anni fa

    Non serve rispondere i fatti contano non le chiacchiere

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 4 anni fa

    Bisogna essere piu umili

  • 4 anni fa

    io ho un amico così, sempre competitivo.. È talmente pesante che ho iniziato a chiamarlo "Heavy Metal", cioè metallo pesante.. Ogni volta che lo chiamo così torna umile e tranquillo..

    io farei così, lo scienziato lo/a chiamerei Albert (Einstein) quello poco umile lo/a chiamerei Donald (Trump).. Quello che vuole primeggiare lo chiamerei Fabrizio (Corona) e via dicendo... Tanto per divertirsi un po'..

  • Enri
    Lv 7
    4 anni fa

    Uh, mi è sembrato di leggere la mia testa

  • Anonimo
    4 anni fa

    se scherzano ci sta pure,se fanno seriamente hai ragione,non ti piace che la tua vita sia di dominio pubblico,non ti svendi,come me che piace fare tanto il misterioso

  • 4 anni fa

    Sarà perché fai schifo e io, umilmente parlando, sono una Divinità Oscura con i controcazzi rotanti che giostraiamadonna levati.

  • Adam
    Lv 5
    4 anni fa

    I rapporti umani ci fanno giudicare la vita e il mondo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.