Anonimo
Anonimo ha chiesto in SaluteDieta e fitness · 4 anni fa

Pancia gonfissima?

Ciao a tutti, da due mesi ho iniziato un corso di pasticceria e con questo fatto mangio dolci tutti i giorni, sia a lezione sia perché poi devo provare a fare dolci a casa. Normalmente la mia pancia appena mangio qualsiasi cosa si gonfia sempre, ma ora è diventata una vera e propria botte! Non sono ingrassata ma la pancia è gonfissima e non la trovo sgonfia nemmeno alla mattina! Potrei essere intollerante a qualche cibo?

2 risposte

Classificazione
  • 4 anni fa
    Risposta preferita

    Forse si, però per favore continua a leggere la mia risposta.

    1) Il fatto che la tua pancia presenti gonfiore "mangiando qualsiasi cosa" potrebbe essere una risposta da intolleranza ai due alimenti più diffusi: quelli a base di cereali (soprattutto frumento) e i latticini, senza tralasciare possibili e frequenti intolleranze aggiuntive per i lieviti (in particolare il lievito di birra, ma anche altri). E in pasticceria si usano abbondantemente sia il frumento che i latticini e assai spesso pure i lieviti.

    2) Tuttavia vi sono altre possibili cause o concause: ad esempio, mangiare troppo velocemente, deglutire molta aria mangiando (soprattutto se velocemente), una possibile costipazione (ossia un rallentamento dei movimenti intestinali, ma in tal caso noteresti anche stitichezza), o una digestione irregolare (che causa la formazione di gas assai rapidamente), ma la digestione irregolare può essere appunto conseguenza di tolleranze alimentari oppure di disturbi neurovegetativi (sei molto ansiosa?).

    Anche i pasti di grosse dimensioni possono causare gonfiore, e a parte le vere e proprie intolleranze, spesso alimenti ricchi di fibre come i legumi, nonché i cavoli, broccoli e altre verdure possonno farlo.

    I quattro consigli principali di comportamento sono questi:

    1) Ridurre i consumi di frumento in ogni sua forma, ma soprattutto pane, crackers e dolci, e ridurre anche i derivati del latte. Mangiare preferibilmente riso, patate e carote cotte; bere acqua "semplice", evitare bevande dolci elaborate, soprattutto le bibite gassate, evitare il cioccolato e il caffè, se bevi tè preferisci quello verde oppure deteinato. Meglio se eviti anche le gomme da masticare e i succhi di frutta commerciali.

    2) Assumere appositi fermenti lattici subito dopo in pasti: non sceglierne un qualsiasi tipo, ma fatti aiutare dal tuo medico; che potrebbe forse prescriverti anche dei test allergologici alimentari o più probabilmente sulle intolleranze alimentari, comunque su di ciò vedi subito più avanti al punto seguente 3.

    3) A proposito di medici: una visita da un gastroenterologo ed eventualmente anche una da un allergologo potrebbero chiarire assai meglio la tua situazione. Il gastroenterologo potrebbe richedere degli esami, mentre nel caso dell'allergologo lo farebbe sicuramente, in genere lui di persona. Comunque prima di ricorrere a questi specialisti, ripeto, parlane col tuo medico (anche dell'opportunità di tali ulteriori visite specialistiche).

    4) Il gonfiore all'addome puo' diminuire di molto con l'ESERCIZIO FISICO REGOLARE, a meno che non sia conseguenza di una seria intolleranza come nel caso del morbo celiaco, che però riguarda solamente il glutine e provocherebbe altri disturbi anche maggiori. Esiste anche una intolleranza al glutine che non è correlata al morbo celiaco, ma con esso in comune ha la cura: eliminare del tutto il glutine (che non è contenuto solo nel frumento, ma in quasi tutti i cereali tranne il Riso e il Mais, e in altri alimenti in cui viene aggiunto per aumentare il contenuto proteico, è presente in piccole quantità anche in alcuni medicinali). Si puo' verificare una eventuale intolleranza al glutine anche da sè stessi: per almeno 20 giorni evita ogni cereale tranne Riso e Mais e ogni altra possibile fonte di glutine (ovviamente sono compresi il pane, la pasta, i prodotti di pasticeria... tutti da evitare tranne la pasta di riso o di riso/mais senza glutine, e al posto del pane puoi usare i crackers al 100% di riso, quelli a forma di ciambelline rotonde di solo riso: evita anche il farro, l'avena, la segale: contengono meno glutine del grano ma lo contengono!). SE noti un deciso miglioramento, assai probabilmente si tratta di intolleranza al glutine.

    Altrimenti per verificarlo dovresti andare da un allergologo.

    Mi sembra di averti detto quasi tutto... ciao.

  • 4 anni fa

    Sicuramente

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.