Anonimo
Anonimo ha chiesto in SaluteDieta e fitness · 4 anni fa

ragazzi rispondete per favore a questa domanda. per favore vi do 10 punti?

allora per chi é magra, e non ha molto da perdere solo un 2 kg per sentirsi bene con se stessa, volevo sapere se mangiare cosi potrebbe far aumentare di peso.

colazione(non sempre a volte) biscotti di tipo integrale, farina grano saraceno o frumento ma comunque sempre integrali, senza cioccolato o creme, semplici ne mangio parecchi, da considerare che non bevo latte sono intollerante, ne mangio yougurt ne faccio uso di zucchero bevo solo caffe amaro.in alternativa ai biscotti mangio 3 kiwi o una mela (i biscotti li mangio quando ci sono perche non sgarro con alcun tipo di dolce visto che non amo ne le creme, ne le cose molto dolci) . pranzo sempre e soli verdura scondita. o insalata di lattuga e pomodoro con aceto di mele o spinaci al vapore, o segali al vapore oppure melanzane grigliate senza condimento o carciofi bolliti. (non mangio pasta perche non ne ho proprio voglia ne tanto meno grissini o pane ). successivamente mangio della frutta tipo mandarini o kiwi, mele o pere poche perche sono gia stitica di mio e ho notato che con le mele mi si gonfia la pancia e ho un blocco maggiore. cena niente o se ho un po di fame della frutta oppure insalata. ultimamente non ho tanta fame. la carne non la mangi xk sento puzza di selvaggio xD e non riesco piu a mangiarla. insomma io sgarro solo con i biscotto, e ho l'ansia di ingrassare. peso 47-48 kg x 1.58.... ditemi voi se i biscotti ingrassano

2 risposte

Classificazione
  • 4 anni fa
    Risposta preferita

    Secondo me non avresti da perdere altro! ma per rispondere alla tua domanda...

    «I biscotti integrali apportano una maggiore quantità di fibra rispetto a quelli preparati con farine raffinate. La fibra riduce l’assorbimento degli zuccheri e dei grassi presenti nel biscotto e riduce l’impatto glicemico» Tradotto: meno calorie da smaltire e meno rischio diabete. Non solo: è dimostrato che le farine integrali contengono micronutrienti che svolgono importanti funzioni: migliorano le difese immunitarie, riducono i processi infiammatori e contribuiscono a proteggere le cellule dai radicali liberi. E la fibra, oltre a svolgere un ruolo fondamentale nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e del tumore al colon, favorisce il buon funzionamento dell’intestino e aumenta il senso di sazietà.

    «Attenzione, però, a non confondere i veri biscotti integrali con prodotti che di integrale hanno ben poco», Leggi l’etichetta: per legge, gli ingredienti devono essere in ordine decrescente, in base alla quantità. Se la farina integrale è citata sulla confezione, quindi, corre l’obbligo di indicare in quale percentuale è contenuta. Verifica che non sia soltanto una piccolissima parte in un mare magnum di farine raffinate. La dicitura «multicereali o cinque cereali» non vuol dire necessariamente che i cereali siano integrali, ma solo che sono utilizzati tipi di chicchi diversi, mentre se trovi la scritta «ricco di fibra», a volte può significare che la crusca è stata aggiunta a farine raffinate.

    UNA MEDAGLIA A GALLETTE, PAVESINI E SAVOIARDI

    Via libera anche ai biscotti secchi. «Gallette, pavesini e savoiardi hanno meno del 13-15% di grassi e meno del 20% di zuccheri», dice Titta. «Sono anche più leggeri da digerire».

    Cautela anche con i cosiddetti light. «Spesso nascondono un trucco», «Contengono meno grassi, ma hanno più zuccheri o viceversa. Ti è d’aiuto la tabella nutrizionale».

    LE PORZIONI GIUSTE

    • Se sei abituato a mangiare biscotti a colazione, consumali tre volte alla settimana e non di più. E gli altri giorni della settimana? Puoi orientarti su una fetta di pane integrale con un velo di marmellata oppure di miele.

    • Se in casa siete in due, comprate un pacco da 300 grammi di biscotti e fatevelo bastare per una settimana intera. Il che vuol dire che mangerete quattro-cinque biscotti a colazione e a questi aggiungerete caffè, una tazza di tè, una spremuta o un frutto.

    • Evita frollini e gallette a merenda: se li hai mangiati a colazione, scegli un frutto come snack spezzafame.

    • L’indice di sazietà dei biscotti è piuttosto basso. Per non cadere in tentazione, orientati su una qualità non troppo saporita, che non causi l’effetto «uno tira l’altro».

    • Cerca di rinunciare ai biscotti nel primo mese di dieta.

    Buona Fortuna!

  • 4 anni fa

    Per un'alimentazione equilibrata servono proteine, carboidrati e grassi nelle corrette proporzioni e quantità.

    Andando ad approfondire il discorso, ci sono proteine "nobili" come quelle della carne che contengono tutti gli amminoacidi essenziali ed altre come quelle di cereali e legumi che hanno una composizione meno variegata.

    Allo stesso modo, ci sono carboidrati semplici come lo zucchero che vengono assimilati velocemente creando picchi nell'inidce glicemico e altri più complessi che hanno un effetto più diluito nel tempo.

    Anche i grassi non sono tutti uguali, tra saturi, inasaturi e polinsaturi.

    Nei grassi poi ci sono micronutrienti che non si trovano in almenti diversi, come le vitamine liposolubili.

    I vegani fanno la gioia delle multinazionali che producono integratori alimentari, perchè nonostante tutti gli sforzi per ottenere un menù nutrizionalmente equilibrato, alla fine salta sempre fuori qualche carenza da correggere a suon di pastiglie.

    Non che sia il caso di arrostire un cinghiale a colazione o mangiarsi un panetto di burro per merenda, però ricordati che sei un essere umano e non una farfalla o una pecora.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.