? ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 3 anni fa

URGENTE!!! DISCORSO SULL'EUTANASIA E ABORTO?

a scuola devo fare un discorso sull'eutanasia e l'aborto, mi servono alcune frasi e idee... se possibile anche tutto il discorso. GRAZIE IN ANTICIPO

2 risposte

Classificazione
  • 3 anni fa
    Migliore risposta

    La medicina deve far costantemente violenza alla natura.

    Da una parte, c’è il diritto di ciascuno sulla propria vita, come sulla propria morte: nessuno può impedirmi di uccidermi. Su questo ho un diritto inalienabile. E ciò non costituisce problema. Il problema, il caso di coscienza è invece, dall’altra quello del medico. Il problema dell’eutanasia si riassume appunto nel diritto del medico di prescrivere qualcosa che ucciderà il paziente. Perché il compito del medico, in realtà, non è questo. Non bisogna sacralizzare la vita come fosse qualcosa da preservare in tutti i casi, ma neppure l’eutanasia, perché così facendo si sacralizza l’idea di male incurabile. Non vi sono mali a priori incurabili. Vi sono solo malattie che allo stato attuale delle tecniche non si possono guarire.

    Non ci sembra mai necessario morire. è evidente che l’uomo non è preparato a vivere con familiarità qualcosa che crede di poter rimandare. Si tende a pensare che teoricamente non c’è morte naturale. Anche a novant’anni occorre comunque un piccolo incidente.

    La morte sotto certi aspetti, è un’espressione della rinuncia alla vita: il malato non ha più la forza di vivere.

    Ipotizzando che l’eutanasia venga riconosciuta, lei pensa che le persone possano compiere quel gesto?

    Ogni decisione che uno pende, è sempre istantanea, relativa al momento della giornata, allo stato in cui si è quando si è presa. Salvo rare eccezioni, quando si tratta di una decisione maturata dietro riflessione. Come nel caso di coloro che decidono di suicidarsi.

    Imparare a soffrire:

    Non s’impara a soffrire. Solo ci s’abitua, si crea un’assuefazione. E poi si bara col dolore, per renderlo sopportabile. Un uomo si adatta alla propria sofferenza e così gli diventa familiare.

    “Un vivente è in vita e questo fino a quando non è morto, e ciò fino all’ultimo secondo”.

    Istinto di sopravvivenza e dolore:

    Come si articola la dialettica fra istinto di sopravvivenza e disperazione davanti al dolore?

    La disperazione, cioè la completa rinuncia all’avvenire, è un sentimento appena sopportabile che la maggior parte degli uomini non ha conosciuto. Quando uno dice: “sono disperato”, in quel momento non lo è. Chi vive ancora, conserva sempre una speranza, quantomeno quella di vivere un istante in più. Fa parte della vita. la speranza è legata al fatto d’essere. La disperazione in sé è talmente contraria all’essere da richiedere la morte immediata.

  • 3 anni fa

    eutanesia e aborto, due tecniche che mettono fine a una vita. la seconda una vita che deve ancora nascere, sviluppare e diventare adulto per scoprire questo mondo con le sue pecche e i suoi pregi. il primo è mettere fine a una vita e a sconfiggere una malattia che ti fa soffrire le cosidette pene dell'inferno e che ti umilia. non è facile come argomento, specie per chi lo deve trattare e non ha avuto mai a che fare nè con le nascite e neppure con le malattie. spesso i ben pensanti pensano che morire è una decisione che deve rpendere solo il loro dio, ma lo stato è laico come anche gli ospedali e i medici, e le persone che soffronto spesso non vogliono vedere i loro cari soffrire e l'eutanesia diventa una scorciatoia ma anche un modo per decidere della propria vita come hanno sempre fatto. credo che non sia facile prendere quella decisione ma la sofferenza ti indica cosa fare e ti spinge a quella decisione. l'aaborto è una scelta che invece fa sempre la donna e in alcuni casi anche l'uomo imponendo alla sua donna di abortire perchè non desidera avere bambini. ancora oggi si crede che abortire sia uccidere, beh in un certo senso è così ma la scineza dice che tu togli dal ventre materno un embrione dove ho ha un cuore e neppure un cervello funzionante. io non so se questo è vero, ma se da una parte sono per questa pratica dall'altra non lo efettuerei mai poichè per me la vita è importante ma esistono comunque delle eccezioni che non bisogna mai trascurare dato che a spingere una donna o una ragazza a scegliere quella strada sono motivi sempre importanti. non posso aiutarti oltre. ciao

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.