Un commento approfondito sulla scena alternative \ indie rock italiana?

Aggiornamento:

riguardo principalmente questi gruppi (luci della centrale elettrica , afterhours, teatro degli orrori, lo stato sociale).. per quanto strumentalmente la musica possa piacere le parole le trovo quasi imbarazzanti .. canzonette per 16 enni .. non vi pare ?

2 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Come dici tu purtroppo alcune sono band che si rivelano dopo un primo ascolto di un livello imbarazzante, questo purtroppo segue un po' l' andazzo disastroso di tutto il nostro paese dal punto di vista culturale, negli ultimi 15 anni.

    Le luci della centrale elettrica, benchè siano una band che ha avuto ottimi "natali", la produzione è stata di Giorgio Canali che è stato produttore e fonico della migliore musica alternativa italiana e francese degli anni 80, ma nonostante questo, eccetto i primi 2 album poi...purtroppo si è perso in comparsate soliste ed altre cose perché - giustamente - aveva perso anche la propulsione.

    Cmq fai conto che col vento favorevole una band mediamente valida fa circa 3 album belli prima di implodere. E in questo periodo non ci sono nè il vento favorevole nè le band valide.

    Afterhours...sono finiti, dopo una carriera gloriosa fra alti e bassi, il batterista e fondatore della band insieme ad Agnelli se ne è andato, e si capisce, Agnelli è andato a X factor...qualcosa di ripugnante. X factor è una delle cause per cui la musica emergente, non emerge. X factor, prendendo interpreti da dare alle major...distrugge il concetto di musica popolare. E' incredibile che "ideologicamente" Agnelli abbia accettato questa cosa.

    Cmq Agnelli lo capisco...anni fa fece varie iniziative, il TORA TORA, era il proprietario della Mescal, ma non è che si creò un movimento, complice la crisi del settore musicale. Internet ha contribuito a distruggere la musica emergente italiana in un modo molto complicato da spiegare.

    Il teatro degli orrori ha fatto 2-3 dischi che hanno girato molto in un periodo di vuoto cosmico...poi però anche loro hanno dovuto fare i conti con la "crisi". La maggior parte dei locali non sono più in grado di sostenere le band...e il costo di una band è elevatissimo per gli stessi componenti della band. Così lo stesso Capovilla ha deciso anche lui di fare dei readings nei teatri, recitando Carmelo Bene per tirare avanti. E adesso mi sembra che giri con una formazione ridotta.

    Lo stato sociale per esempio è già una band che ha una struttura più adatta alla sopravvivenza nel contesto attuale perchè sono più flessibili come strumenti, testi, arrangiamenti, non hanno il vero e proprio "handicap" della rigidità. Ed è per questo che riescono ad andare avanti bene, e come loro anche i FASK che però sono ancora più semplici.

    Concludendo, la scena musicale è cambiata e il rock è meno adatto di un tempo ad esprimere qualcosa di giovane ed innovativo. In Italia oggi ci sono 2 sole etichette discografiche emergenti di un certo livello.

    La gente ascolta musica elettronica o acustica o elettronico-acustica, e preferibilmente a un volume tale che si possa parlare.

    Il livello delle band è bassissimo, ma questo perché il pubblico non è in grado di ascoltare cose complesse, sia a livello musicale che di testi.

    L' unica band che è riuscita a ritagliarsi uno spazio e a mantenere una qualità alta, a mezza via tra il mainstream e l' underground sono stati i Baustelle.

    Il Mariposa ed ex Mariposa, Marta sui Tubi, i Ministri, gli Offlaga Disco Pax, e tutti quelli che sono usciti bene nella prima decade degli anni duemila, poi sono stati travolti dalla "crisi".

    A causa della semplicità con cui oggi si possono realizzare registrazioni e videoclip decenti, ci sono migliaia di band che propongono materiale musicale di bassissima qualità, band formate per l' occasione o band che registrano inviandosi file on-line senza neanche conoscersi.

    Una cosa che vorrei sottolineare è che questo calo del rock segue a un calo "sociale": la crisi dei locali, della vendita dei dischi, dei concerti, della produzione, la perdita del concetto di editore, il fatto che molti artisti storici siano passati a fare un lavoro controproducente (Agnelli, Morgan, Samuel), la concorrenza con l' estero, significa che il genere sta attraversando una fase difficilissima.

    Negli ultimi 7 anni la cosa più evidente è la velocità folle con cui le band vengono consumate, c'è proprio una tendenza all' exploit immediato e abbastanza forte, e con un certo investimento pubblicitario, seguito da un'oblio immediato. Questo porta le band a far uscire dischi con più flequenza, ma in tal modo i dischi sono meno curati. E questo anche perché al 99% ripeto dietro non c'è una direzione artistica solida. Unici sopravvissuti, Calcutta e Motta: ma solo perché dietro la direzione artistica nel loro caso c'è. E cmq Calcutta è mainstream.

    Ciò non toglie che ci siano in giro band molto interessanti e semi-sconosciute. O anche band straordinarie che non riescono a suonare.

    Suonano quasi tutti maschietti, con riduzione drammatica della presenza anche di band miste, cosa che aveva sbancato negli anni '90 e primissimi 2000.

    Progetti di donne interessanti fuori dal mainstream si contano sulle dita di una mano (Levante, La rappresentante di Lista, Testharde...ecc.) ma comunque non parliamo di opere straordinarie..

    Progetti con donne sorprendenti, non pervenuti, a meno di non voler credere che siano sorprendenti delle musiche che riprendono pedissequamente gli stili in voga a Londra o New York, rifatti alla bell' e meglio, solo perchè qui non esiste una scena "club". Pur capendo le necessità dei tempi mi sembra una cosa molto artificiale quando poi la ascolto.

    Cmq è veramente assurda la sproporzione tra maschi e femmine nelle band emergenti italiane, parliamo di 50 o di 100 a 1.

    Bello l' ultimo di NADA .

    Il sud anche non riesce a proporre come faceva in passato band emergenti di spessore. Al sud forse c'è l' unico vero esempio di "clubbing" italiano nella zona di Napoli.

  • Anonimo
    3 anni fa

    Levati

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.