GENTILMENTE, mi aiutate a DIRIMIERE questo PARADOSSO sull'IGIENE QUOTIDIANA?

Certamente, ognuno di noi si lava le mani PRIMA ed anche DOPO essersi recato alla toilette... però...

Ecco, però, quando appunto noi usufruiamo della toilette, spesso entriamo, facciamo quello che dobbiamo fare, ci rivestiamo e soltanto DOPO ci rilaviamo le mani... e quindi... per rivestirci, tocchiamo i nostri vestimenti ed indumenti con le mani ancora non lavate...

Quando siamo a casa nostra o a casa di qualcuno non c'è nessun problema poiché il lavandino è dentro la stanza da bagno e quindi possiamo spogliarci completamente, lavarci e poi rivestirci prima di uscire.

Però, se invece ci laviamo le mani soltanto dopo esserci rivestiti allora potremmo anche non lavarci punto le mani... O sbaglio?

Mi sono reso conto di queste pessime abitudini soltanto recentemente, da quando appunto ho visto i miei nuovi colleghi che entrano in bagno con le mani sporchissime, nere praticamente, fanno quello che devono fare e poi escono e riprendono il lavoro come se nulla fosse, toccando quindi gli stessi attrezzi che toccherai anche tu.

OK, in un ambiente di lavoro tipo un officina sai già a priori che è tutto sporco e quindi "non cambia molto", però, al di fuori del lavoro voi come fate?

il problema è appunto quando usufruiamo nella toilette fuori casa, dove spesso il lavandino è altrove.

Tenete sempre un paio di guanti monouso in tasca oppure non vi recate proprio in bagno se non potete disporre di tutte le vostre comodità?

Per favore, narratemi ultradettagliatissimamente, GRAZIE.

Aggiornamento:

Ringrazio TUTTI voi per le vostre ottime risposte: come sempre, difficilissimo sceglierne una sola.

Spero di rileggervi ancora ^_^

34 risposte

Classificazione
  • Migliore risposta

    Rinnovo il mio pensiero, che ti ho già espresso su Whatsapp: tu non stai bene :D

    Come sai, ho un cane e già questo basta per non farmi troppi problemi di sterilizzare ogni cosa, vestiti compresi.

    Sono inoltre cresciuta a contatto con la terra e con gli animali, pur abitando in centro a Roma e, per fortuna, posso vantare un sistema immunitario della madonna.

    Detto ciò, quando sto a casa mia, non mi preoccupo di lavarmi le mani, spogliarmi, rilavarmi le mani e vestirmi: sarebbe inutile, dato che ho sempre qualche pelo del cane addosso, specie ora che sta facendo la muta estiva, quindi faccio quello che devo fare e mi lavo le mani.

    Il problema nasce quando sto fuori.

    Non sto 12 ore senza pisciare come te, ma cerco il più possibile di evitare i bagni pubblici: mi fanno schifo.

    Ne consegue che, ad esempio, per i primi 3 giorni di mestruazioni non esco manco se mi pagano (i primi due giorni, si tratta di cambiarmi ogni ora e mezza-due).

    Se proprio non posso farne a meno, vado e basta, cercando un locale che mi sembra abbastanza pulito e che mi faccia presumere che anche il bagno lo sia (per quanto possa essere pulito, non lo sarà mai quanto quello di casa mia). Una volta dentro, evito la carta igienica in dotazione, preferendo i miei fazzoletti; poi tiro fuori dalla borsa le salviette detergenti e mi ci lavo le mani.

    Eccezione fa quel pub di cui ti parlo sempre su Whatsapp, che ha un bagno davvero pulitissimo, anche il sabato sera (lo puliscono ogni ora).

    Comunque, va bene l'igiene e va bene l'attenzione nel non farsi beccare un'infezione da EC o da legionella (che pullulano nei bagno degli autogrill in cui non vado manco se sto a morì), ma non è che si può pretendere di vivere in un mondo asettico: già quando paghi al pub la tua trappista ti stai passando sulle mani Dio solo sa cosa!

    A proposito, ieri non sei andato a sfondarti di birra?

  • Fish
    Lv 6
    2 anni fa

    Io entro nel bagno correndo, con le mani nei capelli, urlando : "Aiuto, aiutoooo ... ci stanno attaccando con il cloro !!! Ci bombardano con l'ammoniaca". I batteri, presi dal panico, si riversano in un caos delirante verso l'uscita calpestandosi e fagocitandosi a vicenda. A quel punto entro nel bagno e faccio ciò che devo in tutta tranquillità.

    Fonte/i: L'igiene ai tempi dell'ISIS.
  • Anonimo
    2 anni fa

    Ciao Over!

    Personalmente ovunque vada, mi muovo sempre con l' armamentario dei RIS..

    Come seconda ipotesi, opto per un più comodo e ginnico: scafandro da palombaro..

    Giuro! :)

  • 2 anni fa

    Over, ormai dopo tutti questi anni ho maturato la convinzione che tu sia un troll. Confessalo, cala la maschera, ti sentirai più libero!

    Come Trasabonda, non mi vergogno di dire che la mia igiene è alquanto discutibile e non mi schifo di nulla. Del resto, sono cresciuta in campagna, in mezzo agli animali, non mi sono mai fatta tanti problemi. La troppa igiene è DELETERIA, il nostro organismo ha bisogno di confrontarsi coi batteri in modo da diventare più resistente e, con questa scusa, faccio cose che voi overiani non potete neanche immaginare.

    Ma sono ancora viva!

    Pensa: non mi sono beccata nulla, né infezioni né malattie, niente di niente, sono sana come un pesce. Quando ero in India ho mangiato con le mani (non previamente lavate né disinfettate) in una bettola dove un tizio passava tra i tavoli con un ciotolone pieno di cibi (ignoti) e te li buttava nel piatto, sempre con le mani (nere). Si chiama thali e non è previsto l'uso di posate di alcun genere (tranne un cucchiaino per prendere le salse liquide). Pure in Cina ci sono andata giù pesante con lo street food, in condizioni di igiene quanto meno precaria. Tutto buonissimo e non ho avuto alcun disturbo.

    Perché non provi a fare come me? Magari è la volta buona che svolti!

    • pallanzogna
      Lv 7
      2 anni faSegnala

      Sì ma metti il link qui nei commenti per favore sennò capace che me la perdo

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Jade
    Lv 7
    2 anni fa

    Te l'avevo già scritto che mi sembri il detective Monk? Sì credo di sì. Comunque,i batteri sono ovunque e non è che ci puoi fare un granché..insomma, fino ad un certo punto. Io cerco di evitare i bagni pubblici, mi è capitato di trovare bagni in condizioni pietose e ho preferito tenermela, piuttosto..ma in linea generale non è che mi faccio grossi problemi. Ci sto attenta, sì, lavo bene le mani ma se mi metto a pensare a tutti i presunti batteri che si possono depositare sui vestiti poi non vivo più 😊 dovrei andare in giro con una tuta da indossare sopra mentre faccio plin plin e i guanti, insomma. Che poi, i vestiti si lavano e ci si cambia tutti i giorni, per cui..

    • Jade
      Lv 7
      2 anni faSegnala

      Penso sia una cosa mentale, ho sempre avuto una specie di blocco a farla fuori casa e di conseguenza raramente mi scappa (a meno che non stia fuori tutto il dì o sia in vacanza) e poi anni di abitudine a farla sempre alla stessa ora per cause di forza maggiore poi ti segna in qualche modo :)

  • Yassin
    Lv 5
    2 anni fa

    La carta igienica al posto del guanto? No?

    Maniaco..

    • Beh, ovvio, se però ci fosse la possibilità di un bidet meglio ancora così ci si lava direttamente lì le mani, per poi rilavarsele ANCHE nel lavandino.

  • 2 anni fa

    Uuuuuuhhh, come sei delicatuccio ed impressionabile!

    Se ti sentisse mia nonna novantaseienne ti farebbe passare un bruttissimo quarto d'ora.

    È proprio vero, non esistono più gli uomini di una volta! :(

    Forza&coraggio Over!

    Abbraccia anche tu la mia filosofia di vita, 'na volta bisogna morire ^.^ convertiti e ti godrai di più la vita!

  • Anonimo
    2 anni fa

    Faccio la pipì preventiva a casa prima di uscire,se poi scappa anche in giro preferisco farla nei campi all aria aperta ,i bagni pubblici mi fanno schifo

  • wanial
    Lv 7
    2 anni fa

    amuchina sempre dietro caro Over, se proprio devo usare i bagni pubblici , amuchina che adopero sempre

  • 2 anni fa

    1)Grazie a Dio non sono l'unico a farmi di questi problemi;

    2)Essendo avvantaggiato dal fatto di essere un uomo, non mi siedo mai ed in vita mia ho usato un bagno per fare la popò solo tre volte (ed avevo la diarrea);

    3)Sul lavarsi le mani, io evito il più possibile di toccarmi i vestiti quando le ho sporche, finché non me le lavo. E se proprio non posso, mi cambio non appena entro in casa, evitando che vengano a contatto con divani o letti. Persino i pantaloni cambio se sul pullman il sedile era visibilmente sporco (e sapendo il tipo di persone che ci sono su alcune tratte, certe macchie sono piuttosto preoccupanti).

    Quindi morale, mai portarti le mani alla bocca, main usare il cesso fuori casa e dividi i vestiti in "quelli con cui esci" e "quelli con cui te ne stai a casa". Ok, ammetto che ora vi sembrerò Sheldon Cooper, però ci vogliono certe accortezze.

    Per quanto riguarda il mare, a cui qualcuno ha accennato, io tornato a casa, dopo un bagno nel mare o in piscina, mi faccio una doccia rapida. Semplice.

  • Geo
    Lv 7
    2 anni fa

    La gente non chiude la porta perché altrimenti tocca la maniglia che qualcuno può aver toccato senza essersi lavato le mani.

    Io coi microbi ci vado d'accordo e non mi ci fisso, altrimenti non si vive. Certo, se c'è un'emergenza, un'epidemia in atto, le cose sono un po' diverse.

    Ma io mangio anche le cose che mi sono cadute a terra.

    Magari non il gelato, ma le mandorle sì.

    Per il bagno comunque il pericolo sono le infezioni da circuito orofecale. Basta non mettersi le mani sporche in bocca.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.