Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 2 anni fa

Ho bisogno di parlare con qualcuno :( ...?

Sono un ragazzo di22 anni. Alle elementari e alle medie, ero timido, grasso e con gli occhiali. Gli altri mi prendevano in giro e i bulli facevano anche peggio. Gli "amici" mi cercavano quand' erano soli, ma in altre occasioni si schieravano tranquillamente contro di me. Poi a 14 anni ho cambiato paese insieme ai miei. Inizialmente tutto normale. Stranamente mi sentivo apprezzato. Poi ho incominciato a frequentare una compagnia composta piu' che altro da vicini. Col tempo hanno cominciato a prendermi in giro pesantemente. Ad esempio, anche se tra di noi per loro ero un ragazzo carino, davanti agli altri no, ed è successo spesso che fermavano ragazze sconosciute per chiedere se avevano mai visto ad uno più brutto di me... Ma anche tanto altro. Negli ultimi mesi credo di essermi un po incattivito e forse ho incominciato anche a offendere. Le risposte non servivano a niente. Loro continuavano. :"Ah si? Almeno io qualche femmina in vita mia l' ho avuta." Finche non mi umigliavano non erano contenti. La rabbia ancora oggi e' tanta e sto male. Non li frequento piu' da circa 4 anni. Le prese in giro di questi ragazzi, hanno fatto si che praticamente tutti quelli nel mio paese si disinteressassero a me, al massimo mi prendono in giro pure loro... Anche ragazzi/e che inizialmente ridevano e scherzavano tanto con me... Anche i cugini... Ho tanta rabbia ogni giorno e mi sento uno schifo. Nessuno mi vuole, tutti mi scartano, non vogliono avere a che fare con me. Al massimo ridono di me.

8 risposte

Classificazione
  • Masaki
    Lv 6
    2 anni fa
    Migliore risposta

    Stessa mia condizione, per quanto riguarda quello di cui hai parlato.

    Tranne il fisico, io ero magrissimo (e lo sono ancora...)

    Io venivo spesso emarginato da tutti, preso in giro e a volte picchiato o deriso dai bulletti "di turno"

    Non avevo amici. Come hai detto tu, le persone mi avvicinavano solo quando erano sole.

    Eccetera...

    Io verso i 15 anni non ne potevo più.

    Cambiai scuola e nella nuova mi chiusi totalmente nei confronti di tutti.

    Mi andò bene. In quella classe c'era uno più sfigato di me che appagava tutte le esigenze dei bulli in quella classe.

    Così, fortunatamente, riuscii a respirare e a starmene tranquillo.

    Ma sempre chiuso, senza parlare con nessuno.

    Mi chiamavano asociale. Però era meglio così, perchè sapevo cosa sarebbe successo se gli avessi dato confidenza.

    Verso le prime settimane nella nuova scuola, decisi di stare a guardare, imparare e capire dove sbagliavo nei rapporti con gli altri.

    E' stata la cosa più giusta che io abbia mai fatto in tutta la mia vita.

    Guardando il tipo più sfigato di me, capii che quello che gli succedeva se lo era cercato lui.

    Era lui che andava a fare amicizia con gli altri, lui che instaurava discorsi e cercava nuove amicizie con tutti quelli della classe nonostante lo prendessero in giro di continuo o lo ignorassero peggio di un cane randagio.

    Solo che a causa della sua goffaggine e impacciatezza, oltre che per i suoi difetti fisici e altro, finiva sempre o per infastidire o per fare figure di merdà.

    Tirandosi addosso il "piacere" dei bulletti di turno.

    In quel momento, mi ricordai che effettivamente anch'io, nella vecchia scuola, cercando di farmi degli amici, riuscivo invece ad attirare l'attenzione dei bulli su di me.

    Pian piano capii sempre più cose, tanto da poter dire che se ora fossi bravo in italiano potrei scrivere un libro che salverebbe dal bullismo e da qualsiasi altro problema scolastico chiunque.

    Adesso, per provare a indirizzarti sulla "via giusta"... ascoltami.

    Se hai ancora problemi con delle persone che ti prendono in giro, risolvi nel modo più efficace possibile i problemi con loro.

    Per farlo, in genere, dovresti valutare la tua situazione e prendere una contromisura adeguata.

    Non potendoti aiutare più di tanto, ti dico che il miglior modo per risolvere i problemi tra "bulli" e te è iniziare a ignorarli.

    In caso poi ti cerchino loro, usa il cervello e trova sempre un modo per tagliar corto i discorsi con loro e stargli alla larga.

    Non parlarci più con chi ti prende in giro. E' la peggior cosa che potresti fare.

    Adesso, per quanto riguarda la tua "solitudine", hai 2 soluzioni per poterti sentire meglio.

    Ma prima vorrei dirti che se sei grasso, faresti molto bene a spendere qualcosa per andare in palestra e farti spiegare da un tutor come fare per tornare in forma.

    E' una cosa che forse sottovaluterai, ma a livello psicologico ti darà molta più sicurezza, felicità ecc...

    Il primo metodo è perdonare tutto ciò che ti hanno fatto gli altri e dimenticare.

    Prenditi un mese (o più), rifletti ogni giorno sul perdono e cerca di fare cose piacevoli evitando di pensare a cose negative.

    Se può farti piacere, va da uno psicologo/a e parla con lei.

    Anche solo per avere qualcuno con cui finalmente sfogarsi. Velocizzerà sensibilmente la questione del perdono.

    Quando sarai pronto a poter "riconciliarti con gli altri" trova qualcuno che ti "assomiglia".

    Non dovrebbe essere difficile, basta che frequenti un gruppo di persone come al lavoro o in un corso di... che ne so... lingue? arti marziali? sport magari?

    Diventagli amico se vuoi, ma non stargli troppo attaccato. Non essere assillante.

    In realtà basterebbe solo starsene in un gruppo in cui tu ti trovi bene. Ma se proprio vuoi un amico...

    Impara a parlare con gli altri con la stessa scioltezza con la quale "loro si parlano tra di loro" (le virgolette perchè non trovo le parole giuste, è l'una di notte oh)

    Bene, da qui dovresti saper andare avanti da solo, con questo metodo.

    Il secondo è quello che ho scelto io.

    Solitudine.

    Per poter scegliere questa strada, devi avere molto autocontrollo e devi saperti amare e avere fiducia in te stesso.

    E' molto importante, perchè se no diventerai uno strambo, egocentrico cretìno rompiballe che prova gusto nel far soffrire gli altri.

    Il motivo per il quale l'ho scelta è perchè ci tengo al mio onore.

    I miei problemi non si limitavano solo a me e ai miei "aguzzini".

    Anche la mia famiglia era trattata male, da tutte le persone nel mio paesino.

    Non è stato assolutamente piacevole.

    Perciò, per me e per la mia famiglia io non posso perdonare chi ci ha trattato come ha fatto e tornare alla società come un povero cagnolino affamato.

    Per poter seguire questa strada, devi assolutamente avere ciò di cui ti ho parlato prima. Ma sono sicuro che non sceglierai questo metodo.

    Io te lo scrivo comunque, tanto ormai...

    Beh, diventa amico di te stesso. Vivi per te e te soltanto.

    Accetta la solitudine. E' la miglior cosa che un uomo possa avere in questo mondo.

    Porta pace, calma, controllo e felicità.

    L'unica persona di cui ti potrai fidare, l'unico tuo amico, l'unica persona che ti abbia sempre voluto bene.

    L'unico che ti abbia sempre difeso, ascoltato, consolato, dato forza, volontà...

    Sei tu.

    Capirai che la vita è la tua e solo tu potrai aiutarti nei momenti bui.

    Sei tu l'unica luce che hai a disposizione.

    Sii forte, fallo per te

    (E basta, non mi va di scrivere altro, sono stanco)

    Wow, è uscito un tema.

    Beh se l'hai letto tutto, ti prego di dirmi cosa ne pensi e quale metodo hai scelto (in caso tu ne abbia scelto uno dei due).

    Per non perdere la tua anonimia, aggiorna la domanda.

    Vai su modifica (pulsante blu in parte alla tua domanda) e poi aggiorna e scrivi.

    Non ti do ne mail ne altro, lo sai, ho scelto la seconda

    • Masaki
      Lv 6
      2 anni faSegnala

      Hahahah risposta più lunga della mia storia su YA

  • 2 anni fa

    E' una situazione complicata...mi dispiace. Spero che i link che ti ho copiato di seguito ti potranno essere di aiuto.

    https://www.jw.org/it/cosa-dice-la-Bibbia/famiglia...

    https://www.jw.org/it/cosa-dice-la-Bibbia/famiglia...

    https://www.jw.org/it/cosa-dice-la-Bibbia/famiglia...

  • Anonimo
    2 anni fa

    Posso capirti solo a che a differenza tua io a scuola scappavo per non stare con la gente e non avevo problemi ho sempre amato la solitudine quando sto con gli altri ho piú la sensazione di vuoto che quando sto da sola.

    Comunque puoi frequentare qualche chat tipo badoo uscire con qualche ragazza

    Una volta feci un appuntamento al buoio con un ragazzo e incontrammo un suo amico per strada il quale lo guardó come se non fosse possibile che uscisse con una ragazza e il tipo che stava con me tutto felice lo salutava

    Anche se non mi interessava ero contenta magari di aver fatto una buona azione

    Puoi iniziare a far girare nuove voci nel paese facendoti vedere con qualche ragazza.

    Comunque questi sono i classici problemi adolescenziale se fossi in te io me ne andrei e andrei a lavorare da qualche altra parte

    I paesini sono tremendi

  • Anonimo
    2 anni fa

    La gente é malata , tu non hai fatto niente di male

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Trova un modo per sfogare questa rabbia, fai uno sport, fai qualcosa, esprimila, dipingi, scrivi un libro, leggi, prendi questa rabbia e trasformala in energia costruttiva, è l'unica cosa sensata da fare. Sconsiglio di essere una persona incazzata, cerca sempre di mantenere la tua personalità e un certo carattere, impara a capire quando essere dolce e impara a capire quando dire di NO. Comunque si, hai frequentato persone infime e renditi conto che chiunque se preso di mira da tutti non può farci nulla, non è una tua colpa, è sfortuna e un problema della società in parte, perché se le persone tengono rapporti solo per convenienza è un problema della società (su questo punto non mi perdo troppo però haha) comunque differenziati da quelle persone, vivi per i valori e non per la convenienza, perché alla lunga sono le persone di valore quelle più stimate, non quelle che appena c'è un problema non sanno neanche come affrontarlo! Comunque la sofferenza è una cosa che fortifica tanto, è come se prima di soffrire vedessi la vita normalmente, mentre dopo aver sofferto la vedessi in HD, capisci dinamiche che prima non esistevano neanche.. Cerca di reagire in modo sano e costruttivo, ti auguro il meglio!

  • 2 anni fa

    Purtroppo hai conosciuto gente di merdà,lasciamelo dire.

  • Anonimo
    2 anni fa

    @Trotterellandotrottelli .. Sono comunque solo...

    @Masaki Forse non ci siamo capiti o non hai letto bene la domanda. È da 4 anni che sono solo e sto solo !! ... Cambiare in cosa? Se ti riferisco all' essere grasso, non lo ero più neanche quando uscivo con gli ultimi "amici" che ho avuto. Non riesco neanche in nessuna maniera a trovare lavoro. Nella mia zona ho cercato dappertutto, e ho cercato a piedi !! .. Niente.. I ristoranti mi chiedono il numero e poi non mi chiamano, stessa cosa i bar. Mando CV agli annunci, nei siti delle aziende ecc. Non posso Neanche andare a lavorare in un paese limitrofo. Mia madre prende 400 euro al mese e fa la badante tutta la giornata. Siamo 2 fratelli.. Mio padre non lavora dopo 35 anni fatti in fabbrica, la fabbrica ha chiuso. A 61 anni figuriamoci. La luce ce la paga mia nonna e mangiamo con l' aiuto della Caritas. Non posso uscire dalla mia zona perché non ci sono soldi per viaggiare. Quindi i miei, non sono solo problemi sociali purtroppo.

    • Masaki
      Lv 6
      2 anni faSegnala

      Allora non hai specificato bene ciò che volevi sapere.
      Prossima volta, focalizza meglio la tua domanda su ciò che ti interessa veramente. Anche perchè all'ora in cui ti ho scritto inizialmente, non avevo il cervello completamente acceso. Ho letto, quello ho capito e quello ho scritto. Grazie :D

  • ?
    Lv 7
    2 anni fa

    Cosa devo dirti oramai?Sei irrecuperabile,hai già passato una brutta adolescenza.Devi solo cercare di vivere ed essere felice,anche se in teoria è impossibile dopo 18 anni suonati.Buona fortuna,ne avrai bisogno.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.