Anonimo
Anonimo ha chiesto in Arte e culturaStoria · 2 anni fa

Mi aiutate con storia che non sono bravo?

Devo rispondere a delle domande di storia del mio manuale di prima superiore. Potreste darmi una mano rispondendo brevemente ma correttamente in modo completo? Chi è capace ovviamente.

L'argomento è "L'espansione dell'occidente", principalmente sulle scoperte geografiche e sulle civiltà del centro e sud america.

Le DOMANDE sono:

"Scoperte geografiche"

1- Quali furono le motivazioni economiche delle scoperte geografiche?

2- Quali furono le monarchie interessate a trovare una nuova "via per le Indie"?

3- Quali erano le caratteristiche delle imbarcazioni utilizzate per le scoperte geografiche?

4- In che cosa consisteva la superiorità europea nel XVI secolo?

5- In che modo avvenne la scoperta dell'America?

6- Quali furono le principali spedizioni alla fine del Quattrocento?

"Civiltà del centro e sud america"

1- Quante persone abitavano l'America centrale e meridionale all'arrivo degli Europei?

2- Com'era organizzata la società maya?

3- Quali erano le caratteristiche dell'Impero azteco?

4- Che caratteristiche aveva la religione azteca?

5- Come era organizzato l'impero inca?

6- Quali innovazioni tecnologiche furono realizzate dal popolo incaico?

Grazie mille a chi mi aiuterà rispondendo :* :*

1 risposta

Classificazione
  • 2 anni fa
    Migliore risposta

    1. Le motivazioni economiche delle scoperte geografiche furono la ricerca di nuove rotte commerciali per approvvigionarsi di spezie (pepe, cannella, chiodi di garofano, noce moscata ecc.), molto usate nella gastronomia e nella farmacopea europee, un fabbisogno crescente di oro e argento per sostenere l'economia in crescita degli Stati europei, la competizione fra le monarchie atlantiche per trovare nuove fonti di reddito e possedimenti per accrescere il proprio potere, la propria ricchezza e il proprio prestigio.

    2. Le monarchie interessate a trovare una nuova "via per le Indie" furono inizialmente quelle iberiche (Spagna e Portogallo), cui in seguito si aggiunsero i Regni di Francia e Inghilterra e la Repubblica delle Sette Province Unite (gli attuali Paesi Bassi).

    3. Le imbarcazione utilizzate per le scoperte geografiche erano caratterizzate da vele latine e vele quadre per sfruttare i venti favorevoli, da qualsiasi parte provengano (in modo da navigare anche di bolina), dalla barra del timone e dal cassero, che favoriva la manovrabilità del veliero in qualsiasi condizione atmosferica fornendo riparo al timoniere. Si trattava di navi molto agili e robuste (caracche, caravelle, galeoni) in grado di affrontare le correnti e le traversate oceaniche.

    4. La superiorità europea nel XVI secolo era innanzitutto scientifica e culturale, cosa che si tradusse in superiorità militare. L'uso della bussola e dell'astrolabio per determinare la posizione in alto mare, l'utilizzo a fini bellici della polvere da sparo, la capacità di tracciare mappe accurate e la supremazia europea nella cantieristica navale permisero a Portoghesi, Spagnoli, Inglesi e Francesi di attraversare gli Oceani Atlantico e Indiano (e in seguito l'Oceano Pacifico) per raggiungere le Isole delle Spezie evitando l'intermediazione ottomana, persiana e veneziana nel commercio di questi beni preziosi.

    5. La scoperta dell'America avvenne il 12 ottobre 1492, durante un viaggio di esplorazione finanziato dalle Corone di Castiglia e di Aragona. Il navigatore genovese Cristoforo Colombo, che cercava una rotta occidentale per raggiungere il Catai e il Cipango (gli attuali Stati di Cina e Giappone), sovrastimando l'estensione della massa continentale eurasiatica, si imbatté per caso nelle isole delle Antille e ne prese possesso in nome dei Re di Spagna.

    6. Le principali spedizioni alla fine del Quattrocento furono quelle dei portoghesi Bartolomeu Dias, che doppiò per primo il Capo di Buona Speranza (1487-88) e Vasco da Gama (1497-99) che raggiunse l'India, e quella di Cristoforo Colombo, che approdò nell'attuale isola di Haiti (1492-93).

    1. Si calcola che l'America centrale e meridionale all'arrivo degli Europei fossero popolate da una popolazione che complessivamente superava i venti milioni di persone, concentrate per lo più nella Valle del Messico e nel Perù. Le giungle della Mesoamerica e del Brasile erano abitate da gruppi tribali in lotta fra loro.

    2. La società maya era organizzata gerarchicamente: la piramide sociale aveva al vertice un re, seguivano i sacerdoti, i guerrieri, gli artigiani, i mercanti e infine i contadini e gli schiavi.

    3. L'impero azteco era una confederazione di regni che riconoscevano la supremazia della Triplice Alleanza fra le città di Tenochtitlan, Texcoco e Tlacopán, che governavano congiuntamente sull'attuale Messico centro-meridionale, imponendo tributi in natura (cacao, stagno, pezze di stoffa, ossidiana, pelli di animali ecc.) ai popoli vassalli. Era una monarchia assoluta. L'imperatore governava coadiuvato da un gruppo di consiglieri.

    4. La religione azteca era estremamente sanguinaria e prevedeva il ricorso a sacrifici umani. Si credeva che gli dei si nutrissero del sangue delle vittime sacrificali. Le divinità principali erano Quetzalcoatl, Huitzilopochtli, Tlaloc. La carne dei sacrificati veniva consumata dal popolo e dai sacerdoti.

    5. L'impero inca (Tawantinsuyu) era diviso in quattro grandi province (suyu), identificate grosso modo con le direzioni dei quattro punti cardinali. Ogni suyu a sua volta era suddiviso in huamani e questi ultimi in saya.

    6. La principale innovazione tecnologica del popolo incaico fu la costruzione di gigantesche opere murarie realizzate con incastro a secco di grandi blocchi di pietra, senza l'ausilio di malta (come la fortezza di Sacsayhuaman). Gli Inca portarono a termine anche un'estesa rete stradale con ponti sospesi, per permettere il passaggio delle truppe, dei viaggiatori e dei messaggeri in ogni angolo del loro vasto impero.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.