Anonimo
Anonimo ha chiesto in SaluteOdontoiatria estetica · 3 anni fa

Dopo estrazione denti del giudizio?

Salve a tutti. In breve: ho portato l apparecchio ortodontico fisso per 2 anni e mezzo. Dopo averlo tolto ho messo un apparecchio di contenimento ogni notte per quasi 3 anni (manca 1 mese), come mi è stato detto dal dentista.

Da poco ho tolto 4 denti del giudizio i quali 2 inferiori eranno mezzi inclusi, e adesso ho alcuni dubbi...

1) Ora che ho tolto i denti del giudizio e tra circa 1 mese dovrei smettere di portare l apparecchio non è che i denti si spostano dato che ora c è più spazio? In più sarebbero più "liberi" di muoversi?

2) Dopo aver tenuto fermi i denti per 3 anni dite che è abbastanza tempo per far si che non ritornino come prima? Non vorrei smettere di portare l apparecchio per poi ritrovarmeli di nuovo storti..

1 risposta

Classificazione
  • 3 anni fa
    Risposta preferita

    1) Per una serie di motivi lunghi e complessi da spiegare, se i denti si muovono, lo fanno in genere verso l'avanti (mesializzazione), e solo raramente - ed in presenza di determinate condizioni - all'indietro (distalizzazione).

    Tuttavia ho detto IN GENERE, il che non significa che accada sempre.

    E poi occorre vedere se l'inturcuspidazione ottenuta con l'ortodonzia è stabile o no: è da qui che scaturiscono eventuali forze dislocanti.

    E veniamo quindi dritti alla seconda domanda:

    2) ho già risposto molte vole alla stessa domanda. Dipende. La stabilizzazione post-ortodontica serve solo per tre - quattro mesi ( NON ANNI ..... !!!!!!!!!! ) per dar modo all'osso alveolare di consolidarsi dopo lo spostamento dei denti. Pensaci: hai mai visto qualcuno che si è rotto un braccio o una gamba portare il gesso per tre anni ? Far portare al paziente un apparecchio di contenzione per tre hanni non ha ALCUN SENSO e incide indelebilmente il dentista che te lo fa fare con il marchio dell' INCAPACE. Il perché è molto semplice, anche se molto complesso da spiegare. I denti rispondono alla legge fisica che va sotto il nome di prima legge della dinamica o principio di inerzia (Newton) : se un corpo è in quiete, resterà in tale stato fino a quando non gli verrà applicata una forza. Significa che il dente è SEMPRE sottoposto a delle forze, e se la risultante vettoriale di queste è zero, rimane fermo, ma se è diversa da zero, si sposta. La terapia ortodontica applica delle forze, quindi sposta i denti. Fin qui è semplicissimo, ma adesso arrivano i problemi. Il problema principale è la DIAGNOSI ORTODONTICA che si fa prima della terapia, per studiare il caso. Se questa diagnosi non è stata fatta correttamente , includendo anche le valutazioni osteopatiche, posturali e kinesiologiche, e quindi non si è cercato di capire LE CAUSE della malocclusione, per poi andare ad eliminarle, capisci bene che al termine della terapia ortodontica, se chi te l'ha fatta ha pensato solo a mettere di denti diritti ma non ha pensato a rimuovere le cause, queste seguiteranno ad agire, seguitando a generare forze che risposteranno i denti esattamente dov'erano prima, anche se tu portassi una contenzione di cemento armato per dieci anni: appena tolta, patatrac sei al punto di partenza. Significa che la malocclusione era una valvola di sfogo che il tuo corpo aveva creato per smaltire queste forze. Oppure, ed è peggio, il corpo cerca altre valvole di sfogo: non è infrequente che durante e dopo la terapia ortodontica le persone (specie femmine) abbiano problemi di colonna vertebrale (scoliosi etc), o oculari, o altri ancora.

    Se invece la malocclusione era primaria e non determinata da null'altro che da se stessa, di nuovo la contenzione non serve a nulla, perché non c'è nessuna forza esterna da neutralizzare.

    Quindi, sia nell'un caso che nell'altro, la contenzione NON SERVE (se non per i primi tre - quattro mesi).

    INOLTRE, se la posizione dei denti ottenuta con l'ortodonzia, non è corretta dal punto di vista dell'intercuspidazione, cioè del modo in cui i denti si "ingranano" tra loro sotto con sopra, ogni volta che chiudi si creano dei contatti deflettenti che in poco tempo rispostano i denti in una nuova posizione in cui questo ingranaggio è più corretto.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.