Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 3 anni fa

in questo periodo sono triste e stressata, non sono contenta della mia vita anche se da fuori può sembrare tutto ok...?

ho vent'anni e non sto bene neanche a casa mia coi miei genitori...se potessi andrei via di casa ma non posso ancora andare a vivere da sola...in questo periodo sono triste e stressata, non sono contenta della mia vita e vorrei dedicarmi di più ai miei studi...qualcuno ha dei consigli su cosa posso prendere? ad esempio la valeriana in gocce serve?

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    3 anni fa
    Migliore risposta

    Sarà che sul mio fisico fanno effetto solo i farmaci chimici e potenti, ma in genere i rimedi erboristici (soprattutto se si tratta di cose che hanno a che vedere con l'umore o il sonno) sono talmente blandi e lievi che ottieni dei risultati solo per un ''effetto placebo'', nel senso che sei talmente convinto che ti aiuterà che non hai dei benefici perchè l'hai preso ma perchè ti aspetti in anticipo che funzioni e ti comporti di conseguenza.

    Nel caso della valeriana in particolare, io avevo provato a prenderla 2-3 anni fa per l'ansia e l'insonnia, una volta avevo preso un intero blister di compresse ma nè mi sono addormentata nè ero più tranquilla.

    Se il problema è serio solo i veri farmaci su prescrizione medica garantiscono qualcosa (e poi non tutti comunque perchè certi hanno anche effetti collaterali o danno dipendenza, quindi devi trovare quello più adatto a te); se invece si tratta di una fase passeggera, non ne vale la pena di riempirsi di pastiglie, basta adottare degli accorgimenti nella propria routine quotidiana e dare tempo al tempo.

    Per esempio l'andare da uno psicologo, il cercare di evitare contrasti in casa, il prendersi delle pause ogni tanto e il pianificare la propria giornata in modo da dedicarne una parte allo studio e una al tempo libero, possono aiutare.

    Quando sei triste, analizza i motivi per cui lo sei e trova delle soluzioni. Per esempio: non vai d'accordo con i tuoi genitori? Capisci il perchè, parlane con loro e trovate degli accordi insieme per stare tutti meglio (ricordati che dove c'è affetto o amore, si trova sempre un compromesso). Se sono dei loro comportamenti a darti fastidio, faglielo presente e chiedigli di smetterla o di limitarsi nell'opprimerti o nel giudicarti continuamente.

    Quando sei in ansia, fermati un attimo, fai un bel respiro profondo e sospendi l'attività che stai facendo per una decina di minuti in modo da rilassarti (magari facendo qualcosa di piacevole come leggere un libro o ascoltare un po' di musica).

    Nello studio, organizzati in modo di essere efficiente e veloce a studiare e fare i compiti, così ti avanzerà del tempo per fare quello che vuoi e alleggerire la giornata.

    Poi ci sono anche cose che tutti dicono di fare ma che non fanno sempre tutti, tipo dormire abbastanza, mangiare in modo sano, bere molto per tenersi idratati e fare un po' di movimento. Sono piccoli accorgimenti che sembrano insignificanti ma che invece migliorano l'andamento generale dell'umore.

    Se vuoi degli altri miei consigli spassionati, visto che il mio umore è patologico e se voglio rimanere stabile devo impegnarmici, tieni anche un diario. Non significa che devi scrivere un poema ogni giorno, basta che metti la data, disegni una faccina per riassumere l'umore di oggi e aggiungi in 2-3 righe se è successo qualcosa di particolare. Quando non hai niente da scrivere, mettici semplicemente delle ragioni per cui tutto sommato la tua vita non è un disastro, basta davvero poco, come un ''oggi mi sono divertita a portare a passeggio il cane al parco'', ''ho fatto un giro in città e ho visto delle belle cose nelle vetrine'', ''ho preso un bel voto a scuola'', ''ho mangiato una fetta di torta che era buonissima'', ''ho letto un libro che mi sembra interessantissimo''. Piccole cose stupide che però a fine giornata ti fanno capire che anche nella vita di tutti i giorni capitano delle cose belle e degne di nota. E questa cosa ti allena anche ad essere più positiva.

    Altre due cose che per me (ma anche per gli altri) dovrebbero essere importantissime, è darsi degli obiettivi da raggiungere (obiettivi fattibili e semplici, non cose astronomiche impossibili) e il non rimproverarsi troppo. Hai fatto una cosa sbagliata? Hai ottenuto un brutto risultato in qualcosa? Sei arrivata in ritardo o hai fatto una brutta figura? Non stare lì delle ore a criticarti per quel che hai fatto o non hai fatto, ormai è successo e tra 10 anni non te lo ricorderai nemmeno più, quindi è inutile che continui a sminuirti o a prendertela con te stessa, usalo come imput per fare meglio domani. E, comunque, domani è un altro giorno e si vedrà.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 3 anni fa

    Purtroppo verso i 15/20anni molta gente attraversa periodi del genere, io non ne farei una tragedia, non pensarci troppo, studia, ma anche esci in compagnia, passerà tranquilla.....

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 3 anni fa

    Ciao prova le caramelle rescue rimedy sono molto meglio della valeriana le trovi in farmacia

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 3 anni fa

    Idem con patate.

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.