Fede ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 2 anni fa

Perchè sono triste?

Vedo tutto in maniera abbastanza negativa. Scuola, vita e compagnie. Sono molto giovane, le compagnie non mi mancano, ma nonostante ciò mi sento triste.

Diffido dei miei stessi amici, dei loro comportamenti, e in qualsiasi gruppo di amicizia in cui mi trovo mi sento lo sfigato. Vedo tutto in maniera più contorta, specialmente tutto ciò che mi circonda, gente che sparla di te non appena ti giri, pronta sbeffeggiarti in gruppo per farsi figo ma quando ci parli faccia a faccia si tramuta in angelo. Ho una sola persona di cui mi fido e parlo spesso di lui di queste cose, ma ciò non mo solleva in maniera significativa. Perchè ho questa visione del mondo?Premetto di non aver avuto un infanzia fantastica, sebbene penso sia il periodo più spensierato della mia vita, in cui tutto ciò facevo non importava a nessuno. Ora devo stare attento a come parlo, come

gesticolo e a come esprimo i miei gusti riguardanti cibo musica o altro. Non ho niente che mi rende particolarmente felice, una passione, nulla. Che fare?Avete qualche consiglio su come migliorare questa mia visione che ho del mondo?

5 risposte

Classificazione
  • Masaki
    Lv 6
    2 anni fa
    Migliore risposta

    Si.

    In breve, trova un nuovo punto di vista con il quale vedere la realtà.

    Diciamo che ti serve una chiave. In particolare, una chiave di lettura.

    Può essere una cosa qualsiasi, ma di grande importanza per te.

    Io per esempio, quando andavo a scuola, ho deciso un giorno di vedere la scuola come un gioco.

    Perchè più o meno così era: la scuola ha sempre avuto delle sue regole particolari.

    Dovevi stare con gente che poteva piacerti o meno, facendo cose di cui non ti importava molto e trovando sempre il modo di prendersi una sufficienza.

    Mi ricordo che mi aiutò molto, vederla così.

    Perchè all'inizio la vedevo troppo seriamente.

    O meglio, in prima ero totalmente in preda a quella dannata pubertà.

    In seconda ho deciso di impegnarmi al massimo nella scuola.

    Ma, essendo io una capra, ricevevo solo delusioni.

    Così poi, verso fine 2a/inizio 3a, decisi di applicare questa mia "chiave" alla scuola.

    L'ho fatto perchè non ce la facevo più, stava diventando troppo frustrante per me, vedere i soliti secchioncelli vantarsi dei loro 9 mentre io, nonostante tutto, prendevo massimo 7.

    E fu così che dalla 3a alla 5a non feci altro che cazzeggiare.

    Ora, non so se per fortuna o perchè effettivamente ero bravino, ma passavo tutte le classi col 7 senza mai studiare con impegno.

    A volte nemmeno studiavo. Me ne fottevo direttamente e decidevo o di fare ripasso col compagno di banco l'ora prima o di prepararmi i miei soliti bigliettini.

    Alla maturità stessa, qualche mese fa, invece che studiare come un dannato mi sono organizzato le mie ore di studio spalmandole "con leggerezza" per tutto il tempo che mi rimaneva.

    Nemmeno li rispettavo quegli orari, e a volte saltavo argomenti interi.

    Agli scritti della maturità, a parte il tema, ho copiato come un bastardò.

    E all'orale, mi è andata di cùlo.

    Uscito col 78. Senza aver studiato molto...

    Ti ho scritto tutto questo per dimostrarti come ogni esperienza che tu possa trovarti di fronte può essere cambiata anche in modo radicale da questa tua preziosissima chiave.

    Renditi conto che all'esame di maturità se la facevano tutti sotto.

    Io invece arrivavo di mattina per gli scritti in ritardo, imprecavo, mi sedevo, copiavo/scrivevo ciò che ricordavo e poi tornavo a casa (devo ammettere però che ho scritto più io di quanto abbia in realtà copiato. Ho anche studiato eh).

    Il mattino dell'orale ho tirato un porcone perchè avevo dimenticato di posticipare la sveglia.

    Non riuscendo più a dormire (ed essendo l'ultimo dell'ultima giornata di interrogazioni) andai a fare colazione, mi cambiai e andai a scuola.

    Lì c'era il gruppetto di chi si doveva fare interrogare prima di me. Tutti tesi.

    Io sono entrato nella loro stanza, ho preso una sedia e mi sono tranquillamente seduto in attesa del mio turno.

    Senza molta ansia ne preoccupazioni.

    E per fortuna, mi è andata bene. Nella vita ci vuole anche fortuna...

    O l'aiuto di Dio... chissà...

    Comunque, ti ho appena svelato uno dei segreti più importanti della vita.

    Trova la tua chiave. Usala su ogni cosa. Usa pure più chiavi, se necessario.

    Dopo tutto ciò che ti ho scritto dovresti aver capito cosa io in realtà intenda dire.

    Perciò, non ti resta altro che iniziare a vivere la tua vita come tu ritenga più giusto fare

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 2 anni fa

    Ciao,

    il pipistrello che vive sempre a testa in giù, vede il mondo all' incontrario......ma non appena sente il bisogno di nutrirsi, ecco che vola a testa in alto.......

    Tu, per fortuna senti questo bisogno di una vita diversa, un ambiente diverso e un gruppo di amici diversi...e questo vale tantissimo a dover cambiare vita, modo di pensare, di agire, di scegliere ....La tua visone del mondo in cui vivi è dunque esatta ma bisognerà o adattarsi o ribellarsi.....ma per far questo è necessario capire cosa gli altri vogliono da te e cosa tu pretendi dagli altri, facendoti accettare ed essere meno triste.

    Non hai una passione....non ahi nulla che ti rende felice....credo invece che devi cercare altri stimoli e chissà quale tuo talento ancora nascosto, possa farti felice. Auguri e ti saluto

    rocco

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 2 anni fa

    Allora ho avuto un periodo del genere anche io ci possono essere 3 motivi:

    1) nel gruppo c'è qualcuno che ti intimorisce o di cui hai paura del giudizio e per questo ti dico che devi alzare la testa e pensare da solo ( ma che me ne fotte) questa frase la devi usare per tutti e 3 i motivi devi camminare a testa alta,pensa che a me mi criticavano su come mi vestivo io all'inizio loro dicevano che non gli piaceva e non lo mettevo più ( è solo un esempio) e io da un giorno ad un altro ho iniziato a fottermene e se mi dicevano qualcosa dicevo " a me piace, deve piacere a me ...)

    2) DEPRESSIONE secondo me è un po' il tuo caso in questo caso ( SCUSA IL GIOCO DI PAROLE) devi svegliarti la mattina e sorridere a caso si e se vedi negativo pensa anche una sola cosa positiva anche la più scema, ascolta solo musica felice, con ritmo e non musica o triste o lenta e poi prova a non usare il nero, sono piccole cazzate che a me sono servite.

    3)PROVA A CAPIRE QUAL'è IL PROBLEMA E RISOLVILO CON LE COSE CHE HO SCRITTO PRIMA

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 2 anni fa

    Secondo me non sai chi sei, ti senti di vivere la vita di un estraneo e questo ti fa stare profondamente male...l'unico modo per affrontare la tristezza è quella di trovare il senso del proprio vivere, la propria identità. Ciò è difficile, ma se tieni duro troverai pian piano tutte le risposte. Buona fortuna, auguri per il tuo avvenire

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 🎵🎵 Certi peti regalano 

    un'emozione per sempre 

    momenti che restano così 

    impressi nella mente 

    Certi peti ti lasciano 

    una strisciata per sempre 

    Sgommate che restano così 

    nelle mutande della gente 🎵🎵 🎶

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.