Perché faccio fatica a pronunciare la parola "mamma"? Piccolo sfogo...?

Se devo nominarla preferisco non dire "mia mamma" ma "mia madre" perché mi sembra più distante, meno affettuoso. Anche quando parlo con lei evito di dire "mamma". Il solo pensare a lei mi provoca un certo fastidio (e quando penso a lei sostituisco la parola "mamma" con il suo... visualizza altro Se devo nominarla preferisco non dire "mia mamma" ma "mia madre" perché mi sembra più distante, meno affettuoso.
Anche quando parlo con lei evito di dire "mamma".
Il solo pensare a lei mi provoca un certo fastidio (e quando penso a lei sostituisco la parola "mamma" con il suo vero nome). Non prendetemi per pazza, ormai è da anni che va avanti questa storia. Lei non lo sa ovviamente.

Ho 25 anni e non abbiamo mai avuto un buon rapporto (e se lo abbiamo avuto non lo ricordo). Non è cattiva, non mi fa mancare niente ma vivere con lei è pesante. Sempre di cattivo umore, quando le rivolgo la parola sono sempre sul "chi va là" perché mi risponde sempre male e quindi preferisco non parlarle nemmeno, mi fa sentire inadeguata davanti alle altre persone (soprattutto parenti).
Non è che la odio ma non posso dire di stare bene con lei. Come ogni estate, va via per un mese in vacanza, per me è una vera e propria boccata d'aria. Difficile da spiegare, come se mi sentissi libera da un peso.
Ieri è tornata, aveva il muso. Oggi ha il muso, la prima cosa che ha fatto a pranzo dopo che non mi vedeva da un mese, è stato criticarmi.

Ripeto, non è cattiva ma secondo me è frustata per qualche motivo. Solo che fa ricadere questo suo modo di essere su di me e non riesco a vivere bene. A volte penso di andare da uno psicologo, so di essere un po' depressa e ho paura che la cosa si aggravi ma poi mi dico che passerà e quindi non vado.
Aggiorna: Quando ero piccola mi ha detto più di una volta "hai la cattiveria nel sangue". Poco tempo fa glielo ho ricordato ma lei ha negato. Avrei solo voluto una spiegazione, sono certa di non essermi inventata quella cosa, avrei voluto che mi spiegasse perché. Forse davvero non ricorda ma questo mi ferisce solo... visualizza altro Quando ero piccola mi ha detto più di una volta "hai la cattiveria nel sangue". Poco tempo fa glielo ho ricordato ma lei ha negato. Avrei solo voluto una spiegazione, sono certa di non essermi inventata quella cosa, avrei voluto che mi spiegasse perché. Forse davvero non ricorda ma questo mi ferisce solo di più perché significa che per lei era una cosa da nulla.
Aggiorna 2: Non sono la figlia perfetta. Vado all'università, lei vorrebbe che mi trovassi un lavoro insieme. Lo dice per il mio bene ma ho il terrore di andare fuoricorso poi. Non si tratta di soldi, è solo per esperienza (fin'ora ho lavorato part time come baby sitter ma non dà un granché in esperienza). Non sa che... visualizza altro Non sono la figlia perfetta. Vado all'università, lei vorrebbe che mi trovassi un lavoro insieme. Lo dice per il mio bene ma ho il terrore di andare fuoricorso poi. Non si tratta di soldi, è solo per esperienza (fin'ora ho lavorato part time come baby sitter ma non dà un granché in esperienza). Non sa che di nascosto pagavo la metà di tutte le rate universitarie. Non sa che mi sento triste, penso di mollare l'università, che ho un'autostima sotto i piedi.
Aggiorna 3: Ripeto, non è cattiva, non mi fa mancare niente in termini materiali, ma tra noi c'è una distanza incolmabile. Andare via di casa lo farei se potessi ma voglio prima di tutto costruire le basi per il mio futuro; se me ne vado adesso dovrò lavorare per pagarmi le spese (affitto ecc.. e sempre che trovi un lavoro... visualizza altro Ripeto, non è cattiva, non mi fa mancare niente in termini materiali, ma tra noi c'è una distanza incolmabile.
Andare via di casa lo farei se potessi ma voglio prima di tutto costruire le basi per il mio futuro; se me ne vado adesso dovrò lavorare per pagarmi le spese (affitto ecc.. e sempre che trovi un lavoro che me lo permetta), non riuscirò a star dietro l'università.
Aggiorna 4: Se invece continuo a stare qui finché non finisco l'università e mi concentro solo su quella, forse poi riuscirò a trovare un lavoro più "stabile" e a quel punto potrò andarmene davvero. Per questo stringo i denti e sopporto ma mi dispiace infinitamente vivere male un periodo della vita che dovrebbe... visualizza altro Se invece continuo a stare qui finché non finisco l'università e mi concentro solo su quella, forse poi riuscirò a trovare un lavoro più "stabile" e a quel punto potrò andarmene davvero. Per questo stringo i denti e sopporto ma mi dispiace infinitamente vivere male un periodo della vita che dovrebbe essere felice. Ormai sono triste almeno 6 giorni su 7 e quando dico triste, non intendo una cosa passeggera, ma molto profonda.
Aggiorna 5: @clara: pensavo di avere solo io la fissazione con il nome "mamma", cominciavo a pensare di essere anormale.
16 risposte 16