Lacrime durante la preghiera?

Ho letto che succede abbastanza spesso nelle persone che pregano che si mettono a piangere, anche a me succede, in realtà non è un piangere "tipico", sono piuttosto lacrime dovute a una strana sensazione di quando mi sento particolarmente concentrato nella preghiera e accade soltanto quando in quel momento ho molta fede e sento l'attenzione di qualcosa, lacrime di una sensazione vicina alla commozione piuttosto che di sofferenza, è difficile da spiegare. E' solo suggestione o potrebbe essere una questione più spirituale? Perchè succede?

10 risposte

Classificazione
  • 1 anno fa

    -Ci sono le lacrime perchè ci addoloriamo dei nostri errori, desideriamo pentirci, l'umiliazione addolcisce il cuore che si "scioglie in lacrime"

    -Ci sono le lacrime del "timor di castigo" quelle del coccodrillo che piange al momento e poi continua a fare le stesse cose sbagliate.

    -Ci sono le lacrime della tristezza del malvagio che quando satana lo ha ben bene ingannato, legato prima con corde sottili poi con catene mortali perde qualsiasi speranza e corre verso l'autodistruzione. (vedi i porci che si gettano dalla rupe dopo che gli spiriti immondi pur di avere un corpo, ne presero possesso, dopo che furono scacciati da degli indemoniati per opera di Gesù).

    -Ci sono le lacrime della gratitudine del servizio dato e ricevuto; quando ci riempie del puro amore di Cristo, la carità. Perchè "quando siamo al servizio dei nostri simili, non siamo che al servizio del nostro Dio" (Cit.) "Signore quando mai ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare? [...] forestiero e ti abbiamo accolto? o nudo e ti abbiam vestito? [...] In verità vi dico che in quanto l'avete fatto ad uno di questi miei minimi fratelli, l'avete fatto a me." (Matteo 25:37-40)

    -Ci sono infine le lacrime della Gioia, quando lo Spirito Santo ci permette di capire Lui, le Sue vie; Ci da quella sapienza, (Giacomo 1:5-6) luce e conoscenza delle Sue verità, scritture, dottrine, principi, leggi eterne, insomma la verità di ogni cosa.

    P.S. Le lacrime fanno fisiologicamente bene, molto bene, abbassano il livello di stress, puliscono i dotti lacrimali... muovono l'economia perchè consumano fazzolettini di carta... ;)

  • 1 anno fa

    Anche durante la defecazione sono possibili le lacrime (secondo una barzelletta, perché lo str*nz* era troppo grosso)

  • 1 anno fa

    nei film porno sono definite lacrime, ma si tratta di schizzi spermatici.

  • 1 anno fa

    SAME i feel you i cri everitim

    apOSTOli nudi

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 anno fa

    Forse sono lacrime di consolazione... ad ogni modo attenzione sempre. Ti consiglio di leggere le regole di discernimento di San Ignazio di loyola. Le lacrime Dio le da , ma bisogna prima che si capiscano alcune cose:

    https://www.youtube.com/watch?v=FyaI98_oc1s

    Youtube thumbnail

    &t=1s

    http://www.rocciadisalvezza.it/scritti/esercizi_sp...

  • 1 anno fa

    replico quanto ho appena scritto poco fa rispondendo ad un'altra domanda riguardante la preghiera:

    l'esigenza di pregare è tutta psicologica e inerisce esclusivamente alla persona umana, e tra gli umani vi sono personalità che possono avere propensione alla ricerca spirituale ma non anche alla preghiera. Ci sono alcune persone "religiose" che arrivano a chiedersi che cosa è in sostanza la preghiera, rispondendosi che la preghiera è soltanto una nostra esigenza umana, e nemmeno di tutti gli esseri umani, e non può essere una richiesta che ci farebbe un misterioso sovrano dell'universo nascosto da dietro le stelle: costoro riterrebbero meschino un tale essere se davvero avesse questa esigenza che è tipica sulla terra dei sopraffattori e dei tiranni. Se esistesse un dio, costui non richiederebbe nemmeno la maiuscola nella umana scrittura, e di certo non richiederebbe la nostra preghiera. La preghiera è solo un’esigenza che hanno molti, ed è giusto che costoro preghino per sentirsi in tal modo più vicini al loro obiettivo spirituale. Ma la preghiera rimane solo un comportamento umano molto umano. E anche la preghiera, come tutti i comportamenti umani, ha una sua storia e una sua evoluzione. Ad esempio, nei millenni passati gli uomini pregavano in modo diverso dai modi correnti attuali, e innalzavano le mani al cielo separate tra loro. Nei secoli successivi all’imporsi e diffondersi del cristianesimo in europa, su influsso dei modi borgognoni della cavalleria medievale si diffuse un nuovo modo di pregare, che vedeva congiungere le mani, e ciò perché si andava imitando i modi in cui il signore feudale stringeva le mani di chi a lui si sottometteva: l’attuale modo di pregare cristiano a mani giunte ha tale origine.

    • certe forme esteriori infatti servono a noi non a Dio, tu mi insegni che il rispetto impone certe forme esteriori e a un Dio il ripetto è dovuto, non è optional, come lo è dovuto a un padre ed una madre terreni, chi manca di questa forma mentis ha già un "bug" in se stesso

  • 1 anno fa

    si può succedere io non riesco a controllare il flusso a volte poco e a volte abbondante ma al meno ritorno dritto a casa e mi riprendo altri pero dopo la preghiera vano a sparlare per il prossimo nel bistro del paese secondo me e molto meglio la sensibilità dalle chiacchiere assassine

  • Anonimo
    1 anno fa

    Suggestione...

  • 1 anno fa

    può succedere, a me capita a volte durante l'eucarestia e la via crucis

  • 1 anno fa

    Ciao io ho letto i libri di Paramahansa Yogananda un grande maestro mistico che amava Cristo Gesù e lui parla di gioia sempre nuova dello Spirito tale gioia commuove quando l anima riesce a sentire la presenza di Gesù Cristo ha una sensazione di dolcezza e gioia

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.