Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 3 anni fa

Soffro di solitudine. Qualche consiglio?

Ultimamente sto iniziando realmente a capire il significato del proverbio "Solo come un cane".

Vorrei avere qualcuno al mio fianco che mi consoli da questa mia tristezza debilitante, un amico, una ragazza, un parente, ma niente, non c'è nessuno. Di amici ne ho solo tre, tutti di città diverse dalla mia, di una ragazza nemmeno l'ombra e di parenti, forse, ancora peggio, da anni sono in estremo conflitto con la parte paterna della mia famiglia, sapete, sono visto un po' come la pecora nera della famiglia, ed è davvero interessante il modo col quale divenni tale, è bastato solamente decidere di non fare ciò che loro volevano, ciò che la FAMIGLIA faceva da sempre, fanculo, non sto agli ordini di nessuno, se ho obbiettivi diversi dai loro non può che fregarmi di meno. Sembra che il mondo mi stia crollando addosso ed insieme ad esso tutte le aspettative più rosee che avevo per il futuro. Ho parlato di tristezza debilitante prima, già, e c'è un motivo. Ogni santa volta che voglio fare un qualcosa per migliorarmi o semplicemente un qualcosa per divertirmi, mi assale questa tristezza che mi impedisce di fare tutto. Vorrei realizzare un corto? scrivo la sceneggiatura, Storybordo il tutto e poi? Ricordo che per fare ciò in maniera egregia, dovrei avere un fonico, un attore che non sia io,e sapete la cosa bella? Non ho nessuno, ecco nessuno, per l'appunto, solo come un cane.

Se avete anche il più spassionato dei conigli, vi invito a darmelo, non so più cosa fare.

Grazie in anticipo

Aggiornamento:

Mi chiamo Marco ed ho 16 anni

2 risposte

Classificazione
  • Jack
    Lv 4
    3 anni fa
    Risposta preferita

    Non entro nel merito della questione psicologica (la paura della solitudine quando è invalidante deve essere trattata in un percorso serio di psicoterapia per lavorare sulle cause vere e profonde e oltre tutto se uno soffre molto di solitudine non ha un buon rapporto con se stesso e starà male anche se fosse circondato da migliaia di conoscenti o amici), preferisco darti un consiglio pratico: devi trovare un interesse, qualcosa che ti piaccia davvero tanto (tu parli della musica, ma pensa pure ad attività come cose da fare all'aria aperta, uno sport, un'attività di volontariato...), così potresti iniziare a frequentare ad esempio un gruppo scout, o dei corsi di equitazione o un corso base per aspiranti volontari della Croce Rossa ... ci sono tante possibilità di questo tipo tra le quali puoi scegliere quella che più senti tua. Forse all'inizio ci sarà da pagare delle piccole quote, o fare come ti dicevo dei corsi, ma in ogni caso non sarai da solo, ma con persone che condividono i tuoi stessi interessi. Così, senza neanche accorgertene, avrai modo di partecipare a pizze o serate di ritrovo dalle quali potranno nascere conoscenze e amicizie (ci tengo a distinguere, non ti illudere, gli amici veri si contano sulle dita di una mano, anche se noi dobbiamo essere aperti a conoscere e frequentarci con tutti). In ogni caso è fondamentale imparare a stare bene da soli con se stessi, anche per evitare di entrare in un rapporto di dipendenza con altre persone. Ci deve animare un grande amore verso se stessi (non egoismo/narcisismo) e allo stesso tempo un'apertura ad arriccirsi reciprocamente con gli altri.

  • Anonimo
    3 anni fa

    ''solo'' 3 amici?? se sono amici VERI 3 sono più che sufficienti e potrebbero bastarti per il resto della vita, se sono solo conoscenze allora è diversa la cosa... comunque potresti parlare con loro su internet o tramite cell se abitate lontano.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.