promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in SaluteDieta e fitness · 2 anni fa

Ormai per la gente "chiunque è affetto da dca", e basta che una ragazza stia attenta alla linea per gridate al disturbo alimentare?

3 risposte

Classificazione
  • Meanie
    Lv 4
    2 anni fa
    Risposta preferita

    La massa sa troppo poco, anzi, spesso non sa proprio nulla. Le persone sanno troppo poco sui disturbi alimentari (che da poco hanno cambiato nome, prima si chiamavano Disturbi del comportamento alimentare). Non sanno nemmeno in cosa consistano, altrimenti non direbbero: "Guarda, quella! E' anoressica" ad una ragazza che è evidentemente sottopeso. Non bisogna essere magrissimi per avere un disturbi alimentare, anzi, una persona può benissimo essere anoressica e, allo stesso tempo, essere sovrappeso, obesa o gravemente obesa. Ma le persone non lo sanno, per loro la formula è molto semplice: "Anoressia = estrema magrezza" ed "estrema magrezza = anoressia". Ecco, almeno della bulimia parlano meno, dato che è ancora più complicata da individuare.

    Una persona con un disturbo alimentare non è una persona che semplicemente ci tiene alla linea, è una persona per cui il peso (e non intendo il PESOFORMA, ma il NUMERO della bilancia) è la cosa più importante. La salute? La scuola? Il lavoro? Gli amici? La famiglia? Il divertimento? No, queste cose non sono più nulla. Chi soffre di disturbi alimentari mette tutto ciò da parte, l'unico obiettivo della sua vita, il suo sogno, diventa essere MAGRA, ma non essendolo mai, il suo sogno diventa semplicemente PERDERE PESO (indipendentemente dalla forma fisica, perchè non è mai abbastanza). Non necessariamente chi vuole perdere 10 Kg in una settimana soffre di disturbi alimentari, può essere semplicemente ignoranza. La persona che davvero ne soffre è quella che alla fine si mette sul serio a perdere quei 10 Kg, ma come? Non perdendo peso e vivendo normalmente la quotidianità, bilanciando ogni aspetto (amici, famiglia, studio/lavoro) nel giusto modo, ma rinunciando a TUTTO.

    Una persona che soffre di disturbi alimentari ha nella testa una sola frase "non sono abbastanza --> non è abbastanza", è questo che le distingue. Una persona che soffre di disturbi alimentari perde tutta la sua vita, perchè il suo obiettivo è uno solo (perdere peso), ma, purtroppo, è una corsa eterna, che porterà solamente al vuoto perchè quella soddisfazione dell'essere finalmente chi ha sempre voluto essere non la proverà mai. Una persona che soffre di disturbi alimentari ha una mentalità perfezionista, ovvero, vede sè stessa in modo perfezionistico. Cosa significa? Significa che vede solo due cose: l'essere enormemente grassa (in modo smisurato, essere gravemente obesa) e l'essere la perfezione (l'immagine che ha in mente). Significa, perciò, che la via di mezzo NON ESISTE. Perciò se sei obeso o sovrappeso oppure normopeso non ha importanza, la via di mezzo non esiste, perciò, non essendo all'estremità della perfezione e della magrezza ideale, ti attribuirai sempre all'estremità dell'enormità. Non so se mi spiego...Sostanzialmente ci si identifica solo in due modi: estremamente enormi oppure il proprio peso ideale. Ciò che non è quest'ultimo, perciò, sarà considerato come estremamente enorme (perciò se sei anche vicinissimo al tuo peso ideale, ti considererai comunque enorme, perchè il "vicinissimo", che è una via di mezzo, non esiste). Purtroppo, però, quell'immagine di corpo ideale non è incarnabile, perchè, appunto, è un IDEALE. Quindi ci si considererà SEMPRE e PER SEMPRE estremamente enormi. E non sto parlando di quelle ragazzine che si lamentano del proprio corpo dicendo "sono obesa/grassa/enorme", quando nemmeno lo pensano sul serio. Sto parlando di quelle persone che si odiano A MORTE per ESSERE enormi (perchè loro, dal loro punto di vista, non "si sentono" enormi, ma loro SONO enormi), quelle persone che desiderano DISINTEGRARE in mille pezzi il proprio corpo, perchè lo ODIANO A MORTE.

    Questi sono solo alcuni aspetti di chi soffre di disturbi alimentari. Perciò non è dato dal peso (come molti si limitano a pensare) e nemmeno dalle "parole", perchè una persona che soffre giunge ai FATTI, anche più estremi, perchè non è dettata da desiderio, nè da brama e, pensa un pò, nemmeno da volontà (come tutti pensano, è ora che la gente capisca che la frase "volere è potere" è la bugia più enorme che questa società possa raccontarci), bensì dalla DISPERAZIONE. E' questa che porta l'essere umano a fare così incredibili, insane, non la volontà.

    Le persone che soffrono di disturbi alimentari vedono solo una cosa: il numero, sentono solo una voce che dice: "ti odio, fai schifo, distruggiti, non sei mai abbastanza" e sono guidate solamente da una cosa: la disperazione.

    Ma questo la gente non lo sa, perchè non se ne parla come si dovrebbe, se ne parla sempre con superficialità, si sentono dire sempre le stesse identiche cose che si trovano anche su Internet (luogo in cui la realtà delle cose non la scopri, conosci solo in modo superficiale). Quindi, a questo punto, l'unico modo per capire è provare. Di conseguenza le persone che non hanno provato non sanno e, perciò, quando si tratta di questo argomento sparano di quelle stupidaggini assurde che non stanno nè in cielo e nè in terra.

    Non è da una domanda e da un desiderio di dimagrimento in un breve periodo di tempo che capisci se qualcuno soffre effettivamente di disturbi alimentari. Quante ragazze desiderano dimagrire? Quante desiderano dimagrire in poco tempo? Quante dicono di essere disposte a mangiare pochissimo per farlo? Tante. Quante effettivamente FANNO tutto ciò? Molte meno. Cosa distingue queste ragazze dalle altre? La disperazione (che, in questo caso, ha, appunto, portato a disturbi alimentari).

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • La gente è un po' esagerata, soprattutto in Italia, troppi ignoranti

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Luca
    Lv 6
    2 anni fa

    Stare attenti alla linea è una cosa, ed è giusto e saggio.

    Ma se leggi le domande che chiedono come si fa a scendere di 10 chili in una settimana, o se è corretta un'alimentazione di 500 kcal al giorno, solo di dca può trattarsi.

    Inoltre NESSUNO tra coloro che fa queste domande ti dice mai di che costituzione è, e c'è una differenza abissale tra il "peso forma ideale" di un longilineo ectomorfo e di un brachitipo endomorfo, il che significa che, oltre ad avere una dca, probabilmente è anche un cretino che ignora le problematiche.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.