Cattolici cosa ne pensate del "fenomeno" Medjugorje?

6 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    3 anni fa
    Risposta preferita

    Già chiamarlo "fenomeno" significa secondo me partire con il piede sbagliato.

    Non sono credente e non penso niente del "fenomeno".

    L'unico collegamento che ho avuto con il "fenomeno", a parte qualcosa che ho letto o che ho visto in tv, è lo strano caso di un collega che tutti gli anni si recava sul luogo del "fenomeno" finchè un giorno si è ammalato di una forma di tumore che non lascia scampo. Contestualmente la sua famiglia si è dissolta, moglie uscita di senno e due figlie ancora adolescenti idem. Un disastro. Si è recato ancora una volta nel luogo del "fenomeno" e ha continuato le terapie che avrebbero dovuto al massimo prolungargli la vita di un mese o due. Non l'ho più visto per circa un anno ed ero convinto che fosse morto invece un giorno sugli scaffali di una libreria ho visto un libro dal titolo "non sono ancora una foto su una lapide" o qualcosa di simile. L'aveva scritto lui per raccontare la storia della sua inspiegabile guarigione e del completo ritorno alla normalità dell'intero nucleo famigliare. Lascio a te ogni considerazione su questo ulteriore "fenomeno". Io ho fatto solo da cronista, da cantastorie, e continuo a non pensare niente sia del "fenomeno" N. 1 che del "fenomeno" N. 2.

    @@@@Marco Tripoli, il tuo commento non c'entra una fava con quello che ho scritto, rasenta il fanatismo religioso e da un punto di vista scientifico l'oligofrenia. !!!! """"L'inganno sottile di Satana, del Maligno"""""" .......ma va a caghèr !!!!!!

  • 3 anni fa

    è una vicenda che la chiesa cattolica segue con parecchio imbarazzo

  • Anonimo
    3 anni fa

    che non esiste nessun fenomeno, capita anche tra quelli non credenti e che non vanno li di guarire ''miracolosamente'' da tumori o da altre malattie, anche se son casi molto rari accadono lo stesso indipendentemente dalla fede...

  • 3 anni fa

    hai scelto la parola adatta "fenomeno"... non dico altro!

    (non è rivolto a te, ma a quello che avviene che con Dio non ha nulla a che vedere)

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 3 anni fa

    Le apparizioni mariane non sono episodi extra-biblici: Maria è la donna vestita di sole descritta in Apocalisse 12,1-2. Anche i 10 segreti di Medjugorje non sono extra-biblici, essi sono descritti nei capitoli 14 e 16 del libro Apocalisse. Si parla di 3 avvertimenti e di 7 castighi che trovano un particolare precedente biblico nelle 10 piaghe di Egitto descritte nel libro del vecchio testamento dell’Esodo dal capitolo 7 al capitolo 12.

    Questi 10 flagelli apocalittici (così come le 10 piaghe egiziane) sono strettamente legati alla punizione dei malvagi che hanno violato i 10 comandamenti: i primi 3 rivolti all’amore di Dio e altri 7 rivolti all’amore verso il prossimo. L’analogia con l’Esodo non è banale poiché Maria è chiamata anche “Arca della Nuova Alleanza”, ovvero colei che custodisce dentro di se la parola di Dio fatta carne, così come l’antica arca dell’alleanza custodiva dentro di se la parola di Dio nei suoi comandamenti incisi nelle tavole.

    L’analogia è più evidente se pensiamo agli episodi futuri che sono narrati nel nuovo testamento: in questo momento storico siamo come il popolo di Israele che presto dovrà scappare dall’Anticristo (faraone) abbandonare Babilonia, la grande prostituta (Egitto), dirigersi verso la Nuova Gerusalemme (Terra Promessa). Quando il breve ma intenso regno dell’anticristo crollerà allora si manifesteranno i 10 segreti.

    Si elencano di seguito i 10 segreti di Medjugorje confrontando il testo dell’Apocalisse:

    1° segreto (1° avvertimento):

    Apocalisse 14,6-7: Poi vidi un altro angelo che volando in mezzo al cielo recava un vangelo eterno da annunziare agli abitanti della terra e ad ogni nazione, razza, lingua e popolo. Egli gridava a gran voce: «Temete Dio e dategli gloria, perché è giunta l'ora del suo giudizio. Adorate colui che ha fatto il cielo e la terra, il mare e le sorgenti delle acque».

    2° segreto (2° avvertimento):

    Apocalisse 14,8: Un secondo angelo lo seguì gridando: «È caduta, è caduta Babilonia la grande, quella che ha abbeverato tutte le genti col vino del furore della sua fornicazione».

    3° segreto (3° avvertimento):

    Apocalisse 14,9-10: Poi, un terzo angelo li seguì gridando a gran voce: «Chiunque adora la bestia e la sua statua e ne riceve il marchio sulla fronte o sulla mano, berrà il vino dell'ira di Dio che è versato puro nella coppa della sua ira e sarà torturato con fuoco e zolfo al cospetto degli angeli santi e dell'Agnello.

    4° segreto (1° flagello):

    Apocalisse 16,2: Partì il primo (angelo) e versò la sua coppa sopra la terra; e scoppiò una piaga dolorosa e maligna sugli uomini che recavano il marchio della bestia e si prostravano davanti alla sua statua.

    5° segreto (2° flagello):

    Apocalisse 16,3: Il secondo (angelo) versò la sua coppa nel mare che diventò sangue come quello di un morto e perì ogni essere vivente che si trovava nel mare.

    6° segreto (3° flagello):

    Apocalisse 16,4-6: Il terzo (angelo) versò la sua coppa nei fiumi e nelle sorgenti delle acque, e diventarono sangue. Allora udii l'angelo delle acque che diceva: «Sei giusto, tu che sei e che eri, tu, il Santo, poiché così hai giudicato. Essi hanno versato il sangue di santi e di profeti, tu hai dato loro sangue da bere: ne sono ben degni!».

    7° segreto (4° flagello):

    Apocalisse 16,8-9: Il quarto (angelo) versò la sua coppa sul sole e gli fu concesso di bruciare gli uomini con il fuoco. E gli uomini bruciarono per il terribile calore e bestemmiarono il nome di Dio che ha in suo potere tali flagelli, invece di ravvedersi per rendergli omaggio.

    8° segreto (5° flagello):

    Apocalisse 16,10-11: Il quinto (angelo) versò la sua coppa sul trono della bestia e il suo regno fu avvolto dalle tenebre. Gli uomini si mordevano la lingua per il dolore e bestemmiarono il Dio del cielo a causa dei dolori e delle piaghe, invece di pentirsi delle loro azioni.

    9° segreto (6° flagello):

    Apocalisse 16, 12-14: Il sesto (angelo) versò la sua coppa sopra il gran fiume Eufràte e le sue acque furono prosciugate per preparare il passaggio ai re dell'oriente. Poi dalla bocca del drago e dalla bocca della bestia e dalla bocca del falso profeta vidi uscire tre spiriti immondi, simili a rane: sono infatti spiriti di demoni che operano prodigi e vanno a radunare tutti i re di tutta la terra per la guerra del gran giorno di Dio onnipotente.

    10° segreto (7° flagello):

    Apocalisse 16, 17-21: Il settimo (angelo) versò la sua coppa nell'aria e uscì dal tempio, dalla parte del trono, una voce potente che diceva: «È fatto!». Ne seguirono folgori, clamori e tuoni, accompagnati da un grande terremoto, di cui non vi era mai stato l'uguale da quando gli uomini vivono sopra la terra. La grande città si squarciò in tre parti e crollarono le città delle nazioni. Dio si ricordò di Babilonia la grande, per darle da bere la coppa di vino della sua ira ardente. Ogni isola scomparve e i monti si dileguarono. E grandine enorme del peso di mezzo quintale scrosciò dal cielo sopra gli uomini, e gli uomini bestemmiarono Dio a causa del flagello della grandine, poiché era davvero un grande flagello.

  • Acq
    Lv 7
    3 anni fa

    A me, non me ne po' fregare di meno.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.