promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Arte e culturaFilosofia · 1 anno fa

Vorrei delucidazioni su questa frase, almeno per la parte che interessa la filosofia e la religione. Potete aiutarmi?

La scienza ─ a differenza della filosofia ─ non è omocentrica (nega l'idea che la realtà sia nostra schiava), tuttavia non è vero che rifiuta a priori il concetto di << creazione dal nulla >>!

Cioè, la religione (cugina della filosofia) parte dal presupposto che l'universo ruota attorno ad un re: l'uomo! La scienza invece ha messo in periferia questa umana figura.

3 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Dovresti dirci chi è l'autore se vuoi una quadro più generale. E' una tesi che non condivido in nessun modo e per più di una ragione, ma ci hai chiesto di spiegartela, non di commentarla.

    Secondo quanto scritto la filosofia sarebbe Omocentrica, ovvero centrata sull'uomo. Questo è probabilmente vero se si segue il filone centrale della filosofia dai sofisti, passando per Socrate attraversando i più grandi filoni della storia del pensiero occidentale. Che vuol dire? Vuol dire intanto che il tema centrale della filosofia è la ricerca della verità NEL SUO RAPPORTO A L'UOMO. Ovvero la domanda non è tanto cosa sia la verità, ma come l'uomo possa accedere ad essa (ricerca della verità appunto). Questo se escludiamo la teologia cristiana e dunque quasi tutta la filosofia medievale.

    Quello che tuttavia non condivido è che la scienza invece tratti i problemi da un punto di vista oggettivo. Si ponga vale a dire la domanda di come le cose stiano a prescindere dall'osservatore esterno. Si tratta di una visione arcaica della scienza, che ha per certi versi residui metafisici (l'idea che esista una realta in sé) e per altri pretese di un punto di vista neutro che non c'è.

    La conoscenza è interessata già a partire dalla percezione. Quando ascoltiamo il nostro cervello per esempio è selettivo e silenzia tutti i suoni che non reputa utile come rumore di sottofondo. Questo perché la conoscenza è condizionata dai suoi obiettivi. La domanda, il modo con cui viene posta, condiziona la risposta.

    La religione non è cugina della filosofia. La teologia semmai si sovrappose alla filosofia per lunghissimo tempo. Anche l'idea che per la teologia tutto ruoti intorno all'uomo è discutibilissima. Semmai ruota intorno a Dio, se poi vogliamo di che Dio è una proiezione dell'uomo in grande scala, ok.

    Quello a cui probabilmente si riferisce il ragionamento è lo shock che subi il senso comune prima con Copernico e poi con Darwin. Prima si scopri che la terra non era affatto al centro dell'universo e che l'uomo non era affatto l'anello di congiunzione tra l'uomo e Dio, ma discendeva dalla scimmia. In questo senso forse puoi sostenere che la scienza ha messo in periferia l'uomo. Però non mi pare affatto la differenza sostanziale tra scienza e filosofia, dal momento che queste conosce interagirono poi con la filosofia producendo quasi tutte le filosofie post-hegeliane (esistenzialismo, materialismo storico ecc. ecc.).

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 anno fa

    La religione casomai parte dal presupposto che tutto ruota attorno a Dio, mica all’uomo.

    Nulla non ha senso in fisica.

    Omocentrica, non riesco a capire cosa intenda con questo termine, o almeno l’uso che ne fa.

    Omocentrico vuol dire che ha un solo centro. Cosa ci azzecchi con tutto il resto non lo capisco.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 anno fa

    Digli alla scienza che può andare a farsi fotterê con tutti gli scienziati

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.