promotion image of download ymail app
Promoted
Chiara ha chiesto in Società e cultureTauromachia · 1 anno fa

Aiutoooo? Compiti?

Quali sono per noi oggi i principali diritti politici? Ricordi di quali diritti parlavano gli illuministi?

1 risposta

Classificazione
  • 1 anno fa
    Risposta preferita

    Chiamato anche "secolo dei Lumi", quest’ultimo ha visto l’affermarsi dell’Illuminismo e dei suoi principali filosofi e scrittori del ’700 ai quali si deve il merito di aver portato avanti le idee fondanti del movimento.

    L’Illuminismo fu, infatti, un movimento che è possibile definire non solo letterario, ma anche politico, sociale, culturale e filosofico il quale si è sviluppato intorno al XVIII secolo e ha abbracciato gran parte dell’Europa, fino a raggiungere l’America.

    Nato in Inghilterra ebbe larga diffusione in Francia fino a interessare tutta l’Europa: il nome che prese, ovvero illuminismo, divenne presto il termine per identificare ogni forma di pensiero che si pone l’obiettivo di illuminare le menti degli uomini, scacciando via l’ignoranza, le false credenze e la superstizione. Lo sguardo degli illuministi è proiettato sul futuro e in modo particolare sul progresso inteso come percorso verso il futuro.

    Le armi dell’Illuminismo sono principalmente due: da una parte la ragione, dall’altra la scienza, entrambe per eliminare l’oscurità e fare chiarezza sugli aspetti che interessano l’uomo, la vita e l’esistenza.

    Per gli illuministi la fede risiede nella ragione: a quest’ultima infatti è affidato il compito di determinare gli eventi, le possibilità, i limiti umani. L’Illuminismo non riconosce la verità intesa come rivelata o innata. A conferma di quanto detto vi è il pensiero che accompagna il movimento fin dalla sua nascita, ovvero l’idea che la maggioranza degli uomini si accontenta di rimanere “minorenni”.

    In altre parole l’uomo, creato libero dalla Natura, è affetto da prigrizia cronica o viltà, non ha quindi il coraggio per cercare la verità. Una scelta che si traduce, per i più furbi, in autoproclamarsi guide per coloro che hanno scelto la via comoda. E proprio queste guide possono essere abili manipolatori, capaci di imprigionare i pigri ad essere sempre non autonomi.

    Così l’illuminista si propone di tutelare gli uomini mostrando loro la strada per diventare maggiorenni, l’uso della ragione è l’unica via di salvezza per essere liberi davvero e liberarsi dalle verità già date, tanto nell’ambito della conoscenza quando in quello religioso.

    La ragione, infatti, rifiuta a priori tutto ciò che non deriva da essa e da una ricerca proficua in cui l’esperienza è parte fondamentale, in quanto oggetto di analisi e dibattiti.

    Vediamo nel dettaglio quali sono stati i maggiori esponenti dell’Illuminismo settecentesco, tra filosofi e scrittori famosi che hanno contribuito alla diffusione del movimento in Europa e oltreoceano.

    QUELLI DI OGGI:

    I diritti politici in Italia sono definiti dagli articoli 48-51 della Costituzione italiana, che fissa loro forme e limiti. Essi sono:

    l'elettorato attivo;

    l'elettorato passivo;

    i diversi referendum;

    la libertà di organizzazione in partiti;

    il diritto di petizione;

    il diritto di accedere agli uffici pubblici.

    Nel legare il possesso di questi diritti alla cittadinanza, la Costituzione italiana si richiama alla tradizione dello status activae civitatis, principio comunque mediato e in qualche modo attenuato dall'ingresso dell'Italia nell'Unione europea.

    I diritti politici si acquisiscono con la maggiore età. L'infermità mentale o una condanna per reati gravi può condurre alla loro perdita. L'interdizione dai pubblici uffici è, ad esempio, una pena accessoria, perpetua o temporanea, che include la perdita del diritto all'elettorato attivo, all'elettorato passivo e l'esclusione da ogni incarico pubblico.

    Per i falliti e per coloro che sono sottoposti a misure di prevenzione o a libertà vigilata è prevista la sospensione dei diritti politici, mentre la legge Severino prevede ulteriori fattispecie limitative riferite al solo elettorato passivo.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.