Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiSociologia · 1 anno fa

Età del consenso e società allo sbando?

Ho scaricato da poco periscope e ho notato che è pieno di minori. Ad un certo punto vedo in diretta queste 3 ragazzine , due di 13anni e una di 15. Fumavano canne e mostravano tette e **** e limonavano tra di loro, e le due 13enni si dichiaravano bisex. Hanno persino fatto un lungo discorso su come sono contrarie al razzismo.

La domanda che voglio farvi è questa. La legge dice che un 13enne puo avere rapporti con uno tra i 13 e i 16. Se l'adulto incontra un 13enne o anche un 12enne sveglio , l'adulto rischia di essere fregato legalmente dai giochi di questi ragazzini.

Io vorrei iniziare a non definirli ragazzini ma persone appena adulte (in quanto hanno intelligenza, forza fisica, e possono fare figli).

Sarebbe forse piu corretto se la legge valutasse se l'adulto è un violentatore aggressivo o se ha avuto rapporti senza obbligare. Dall'altra parte valutare se il minore (che ha gia sviluppato la sua sessualità da un po, quindi dai 12anni) è consapevole e sveglio o se ancora timido e chiuso, diverso è parlare di maturità (ci sono 40enni e 50enni che mentalmente non son maturi).

Dall'altra parte ci sono genitori assenti , uno stato assente e una società che offre sballo e discoteche ai giovani. Genitori che portano allo stadio e ai concerti figli di 10 o 12anni con rischio di risse e schiacciamento della folla.

Aggiornamento:

periscope lo usano anche i politici spesso

Aggiornamento 2:

Cmq specifico meglio. Periscope non è un sito per adulti e poi lo so che per legge è pedofilia. Ma se i nuovi giovani si svegliano cosi presto bisogna capire come comportarsi.

Aggiornamento 3:

E' vero che per legge è difficile stabilire chi è timido e chi sveglio, ma in tanti processi è difficile stabilire se uno ha commesso o no un reato. Ma la legge attuale parte da un ragionamento "sotto i 14anni", quindi il 13enne se sveglio e preparato può danneggiare l'adulto (che anche lui è adulto per l'età che ha, non significa che sia il piu forte mentalmente). Ma se un 12enne mi spara con la pistola , sono io colpevole perchè adulto?

Aggiornamento 4:

C'è un età dove si smette di giocare con le bambole. Devi fare i conti con la vita, che non è il jeans di marca o il concerto di turno, o fumare canne.

Aggiornamento 5:

Alice ho letto adesso la tua risposta, non la ricordavo , lhai modificata. Non esiste un sito porno per 12enni, ma che stai a dire. Periscope è aperto a tutti, lo usa anche fiorello per edicolafiore. Se non sai di cosa parli non sputtare sentenze. Poi mi fai ridere "segnali alla polizia postale" ???? Si aspetta che faccio tutto questo giro per tre ragazzine, non ho visto violenza ne botte, cavoli loro e della loro famiglia. Io a mie nipoti sino a 16anni ho fatto mettere il blocco pc a internet.

Aggiornamento 6:

STATE ANDANDO FUORI DISCORSO.

La legge dice una cosa. OK io la rispetto. La legge può sbagliare e fare errori. Io dico che non si può considerare stupido una persona solo perchè ha una certa età. Per me chi ha "desderi sessuali" sono tutte quelle persone sessualmente sviluppate, da li nasce la volonta di voler fare sesso. Due persone che hanno voglia di fare sesso decidono di farlo "per me non può essere considerato reato", se però c'è violenza fisica o psicologica o sequestro è reato.

Aggiornamento 7:

Poi posso dire che a me fa schifo, ma se devo formulare una legge la faccio "onestamente" e non in base a mentalità tradizionali. Penso sia piu grave levalizzare alcolici , droghe e sigarette. Per me sono gravi ben altre cose che una "******* innoqua".

Aggiornamento 8:

Poi è ovvio che non è sufficente avere desiderio sessuale, serve anche istruzione e formazione da parte della scuola. Non può una avere mestruazioni la prima volta senza sapere di cosa si tratta, potrebbe pensare che sta morendo. Oggi giorno molti a 50anni non sanno che esistono le infezioni. Qui non è l età il problema, qui non c'è "formazione alla vita", la scuola serve a farci la testa a pallone di cavolate.

Aggiornamento 9:

COSA E' L'INGENUITA?

è quella cosa che si ha quando si è troppo piccoli? NO, in realtà è quella che si ha quando non si è preparati alla vita, è quella che avevano i nostri nonni o bisnonni che non conoscevano nemmeno la parola omosessuale o sperma o clitoride e non sapevano cosa era la droga.

Aggiornamento 10:

No dai non si puo ragionare in base a statistiche (a volte nemmeno sono vere) , è come la fesseria del femminicio cioè l'uomo è violento contro la donna (invece dall'istat i dati dicono altro), che poi la maggiorparte di teppisti e vandali sono proprio i giovanissimi, chi si fa i slefie mezzo nudi e chi esce con perizoma in vista o chi fa uso di droghe sono in maggioranza i ragazzini o giovanissimi. Ma poi non si parla di stupro, qui ci sono ragazzini che frequentano certi luoghi e persone.

Aggiornamento 11:

PER ANONIMO.

Io non ce l ho contro di te, solo che puntate il dito sul discorso "pedofilia" ma io non volevo puntare su quel discorso, voglio solo responsabilizzare i giovani perchè è un rischio per gli adulti ritrovarseli all'ìinterno della società che tutti viviamo e condividiamo. La soluzione è istruirli a scuola e non lasciare il compito alle famiglie o amicizie che spesso sono un disastro. Tu fai discorsi sul pedofilo si o pedofili no, ma la pedofilia è quando uno non è sviluppato sessualme

Aggiornamento 12:

La LEGGE non è la natura e non è la verità, in alcuni paesi il consenso è 12anni o 19anni. Bisogna istruire il ragazzino, serve una materia sul funzionamento anatomico dal sesso all'alimentazione, successivamente vanno formati al lavoro (qua in Italia ci sono over40 che non sanno fare nessun mestiere e corsi a costi elevatissimi che non insegnano nulla). Poi i politici parlano di case chiuse, per me servono luoghi controllati e sicuri dove conoscere gente. Sapere se uno ha malattie contaggiose.

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 anno fa
    Risposta preferita

    Da un certo punto di vista il tuo discorso ha senso, d'altronde una volta i figli si facevano a 15 anni ed era considerato normale, perché il corpo era pronto e di conseguenza l'attività cerebrale e gli ormoni secreti facevano in modo che la persona nella sua totalità fosse pronta a generare ed accudire la vita, quindi che avesse una certa maturità.

    In maniera teorica quindi il tuo discorso funziona: nel momento in cui una persona giunge all'apice dello sviluppo fisico, perché non annoverarlo/a tra gli adulti?

    La risposta è semplice: perché ogni persona è un caso a sé. Ci sono persone che si sviluppano a 12 e altre a 16, inoltre si è visto come lo sviluppo non avvenga da un giorno all'altro e che ci siano tempi diversi. Pertanto un minore va tutelato nella maniera più assoluta e va stabilito un tetto che vada bene per tutti, 18 anni è un limite giusto entro il quale si ha la certezza che, salvo disfunzioni e malattie, tutti si siano sviluppati, sia maschi che femmine, sia precoci che "ritardatari".

    La legge dev'essere uguale per tutti quindi è giusto che le norme siano quelle attuali.

    È anche vero che ci sono ragazze che già a 14 anni sono davvero molto disinibite e non mi stupisce la storia che racconti. Alle medie una mia conoscente usciva con un ragazzo di dieci anni in più, per dire. Però questo non deve giustificare a "cadere nelle trappole" ma deve anzi essere un'occasione, per l'adulto che si trovasse a "rischiare di essere sedotto" per dimostrare la propria maturità e distogliere le/i giovani dal loro intento, educandole ai rischi delle loro azioni, che vanno da gravidanze indesiderate ad abusi da parte di uomini senza scrupoli, ad un'immagine distorta dell'affetto che sarebbe bene costruire senza bruciare le tappe.. Ma diventerebbe pressoché impossibile per la legge stabilire chi è timido e chi è sveglio..

    Se la maturità fisica e ormonale si raggiunge in breve, le emozioni e la razionalità richiedono di molto più tempo, quindi il discorso che faccio oggi, con la consapevolezza che si ha nel 2019, dovrebbe valere di più.

    Non basta fare un discorso contro il razzismo e dichiararsi bisessuali in un video per avere il patentino di persone mature.

    Certo, come dici tu ci sono molte persone di 50 anni che non sono mature... Vale lo stesso discorso: purtroppo o per fortuna, le leggi non si possono fare ad personam, occorre trovare una norma che sia il più possibile equa ed applicabile, e trovo che quella attuale sia funzionale.

    Inoltre penso che se c'è amore, prima o poi fiorirà. Un ragazzo di 20 anni che ama una di 15 ed è ricambiato, può aspettarla senza forzare le cose o correre rischi.

    AGGIORNAMENTO

    Se un dodicenne ti spara con la pistola la colpa è sua e dei suoi genitori che hanno legalmente la responsabilità.

    Ma non possiamo confondere la seduzione sessuale con l'attentato alla vita di una persona o la violenza fisica imposta.

    Se una ragazzina ti saltasse addosso e ti violentasse, la colpa è sua. Ti troveresti in una situazione scomoda perché dovresti dimostrare la tua innocenza, sarebbe una disgrazia ma naturalmente quando si subisce una violenza la colpa non è tua. Un po' di tempo fa ho letto una notizia terribile, ossia che una donna di vent'anni fu violentata da 4 ragazzi di 14 anni e rischiò grosso. In questo caso è ovvio che la magistratura e i metodi di indagine devono sviluppare strategie sempre più efficienti perché è chiaro che se dei ragazzini mi violentano non posso finire in galera io.

    Ma se la stessa persona ti seduce e tu cedi, la responsabilità è tua perché avresti dovuto tutelarla in senso ampio ed essere garante di un soggetto legalmente da tutelare.

    Giustamente potresti replicarmi che esiste anche la violenza psicologica, la minaccia e l'estorsione, e per questi ipotetici discorsi la legge prevede opportune tutele.

    Ma lasciamo il discorso al livello base senza complicazioni rocambolesche: se una persona ti seduce e questa persona è tutelata come minore, non devi cedere. Devi sempre informarti circa il tuo partner.

    Proprio perché la legge non può essere fatta ad personam allora si trova una soglia che stabilisca un limite oggettivo dal quale partire altrimenti non è più finita. Certo che ci sono persone "furbe e approfittatrici a 13 anni" ed immature a 30, ma l'ipotetico incontro tra questi due soggetti non prevede e dunque non giustifica un'effusione sessuale.

    Chiaro che se un ragazzo di 20 anni violenta una ragazza di 13 ha maggiore responsabilità rispetto a quando lei ammette candidamente di essere stata consenziente e anzi di aver desiderato lei il rapporto, sarà poi il giudice a valutare ogni caso ma dev'esserci un punto di partenza comune che vada oltre la soggettiva immaturità.

    Quello che dico è che l'intimità sessuale si può evitare pertanto che la si eviti con quei soggetti tutelati dalla legge come minori, avendo anzi cura di allontanarsi dalle situazioni di rischio ed agire sempre e comunque nel loro bene.. Dando sempre un valore morale ferreo alle azioni che si compiono, tuttalpiù nei confronti di colui o colei che per legge è un bambino.

    Poi la società dovrebbe permettere alle famiglie di essere più presenti e fare in modo che a ciascuna età corrisponda un idoneo ambiente di svago e condivisione, mantenendo divisi i gruppi.

    Poi chiaro che la realtà è sempre più complessa, se leggi fatti di cronaca vedi che spesso queste situazioni sono difficili da valutare e gestire, ma la mia idea resta che un ferreo controllo delle nostre relazioni unito ad un'idea sana di sessualità, da trasmettere e da tutelare nel rispetto della legge, sia il miglior antidoto di partenza a tante situazioni dannose potenzialmente.

    ALTRO AGGIORNAMENTO

    Dici bene che una persona non può essere considerata stupida solo perché ha una certa età, né metto in dubbio la tua volontà di rispettare la legge, men che meno il fatto che la legge possa essere sbagliata.

    Ho solo cercato di spiegare perché mi sembra giusta l'attuale legge. Mi sembra giusta perché pone dei gradini in merito a una questione delicata come la sessualità. Inoltre c'è una questione statistica. Sono infatti ben di più i ragazzini che ricevono avances da adulti senza scrupoli rispetto ai ragazzini furbi e disinibiti, ed in un certo senso è giusto che ci sia una legge che senza se e senza ma possa scoraggiare un adulto anche solo ad avvicinarsi a questi soggetti.

    Poi chiaro che come dici tu ci sono milioni di casi. Una cugina di mia mamma ha avuto il suo primo figlio a 16 anni con un uomo di 28, e si amavano molto. Ora di anni ne sono passati 50 e stanno ancora insieme amandosi come il primo giorno.

    Quello che voglio dirti è che capisco il tuo discorso, la legge per essere veramente etica dovrebbe essere diversa per ciascuno, ma sappiamo che questo è impossibile. Sappi che comunque ci sono vari step, se una persona ha 12 anni, 14 o 16 ha diversi diritti e diversi doveri, in modo da tutelare con maggiore delicatezza tutti i cavilli che possono porsi in questioni spinose come quella sessuale.

    Scusami perché ho scritto in modo confusionario ma sono di fretta e ci tenevo a spiegare un concetto che penso.

    A Geo, ti ringrazio molto, ho messo l'anonimo perché in queste risposte, aggiornandole, mi capita spesso di inserire dettagli personali e non vorrei che venissero ricollegati al mio account. Poi chiaro che l'anonimato non è mai vero e proprio però ecco mi fa sentire più sicura, è solo un fatto formale :)

    AGGIORNO

    Neanche a me piace scrivere di fretta di queste tematiche, purtroppo il treno stava giungendo a destinazione e con la mia capacità di usare internet, avrei sicuramente perso tutto il messaggio se non avessi inviato :D

    ULTIMO AGGIORNAMENTO

    Mi sembra di averti risposto con gentilezza senza dire che argomenti con fesserie, quindi mi aspetto lo stesso trattamento. Se poi pretendi che ti dia ragione mi dispiace, abbiamo opinioni differenti e questo forse è normale.

    D'altronde quando avevo 13 anni mi capitò di essere seguita da un uomo, ero al mare e chiaramente ero mezza nuda come sovente capita in spiaggia. Qualche anno dopo mi capitò di nuovo ed ero con mia sorella di 5 anni più piccola. Eravamo a fare una passeggiata in montagna e ovviamente eravamo ben vestite. Questi episodi sono capitati a molte persone che conosco, mentre ne conosco ben beno che hanno provocato anche se ne conosco (per quanto sia dell'idea che una provocazione di tipo sessuale non è una pistola alla fronte, c'è il libero arbitrio dunque la responsabilità anche della controparte con tutto ciò che consegue in termini di età)

    Detto questo possiamo anche dire che le statistiche siano una fesseria, va bene. Questo non mi farà mai giustificare la frequentazione di certe ragazzine a dei siti né l'eventuale giustificazione di adulti ad atteggiamenti di intimità, con tutte le variabili del caso che possono essere molte e non sta a me giudicare, anche se un parere lo esprimo visto che lo hai richiesto.

    Mi sembra di averti portato più esempi a sostegno sia del fatto che ci si trovi con una legge giusta, sia a sostegno del fatto che ovviamente la giustizia non sia sempre "giusta" e che vi siano trattamenti diversi a seconda dei casi. Semplicemente si è stabilita un'eta del consenso per tutelare tutti quei soggetti che per dati anagrafici potrebbero non aver ancora una piena maturità.

    Io davvero non so più cosa dire, non mi pare di averti offesoa semplicemente di aver detto la mia opinione su una tematica delicata ed importante.

    Se ti aspetti che qualcuno ti dia ragione al 100% mi dispiace ma non sarò io. Qua si answers troverai opinioni e pareri, non necessariamente approvazione.

  • 1 anno fa

    E' cm pedofilia e io che sono maggiorenne non frequento certi siti.

    Tu sei l'adulti e ti difendi da un dodicenne…

    Hai portato per primo il caso di 12 -13enni che fanno spettacolini… e tu li hai guardati… Hai scelto di guardarli!!! Nessuno ti puntava a casa tua la pistola.

    Io di certo non li guardo e se c'è qualcosa di equivoco segnalo alla Polizia Postale.

  • Geo
    Lv 7
    1 anno fa

    Quoto l'anonimo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.