Anonimo
Anonimo ha chiesto in Arte e culturaStoria · 6 mesi fa

Ma durante l'Impero Romano, il medioevo, prima e dopo, cosa si faceva con la gente che oggi avrebbe bisogno degli occhiali? Veniva soppressa?

Cioè non penso che prima del 1900/1800 ci fosse il concetto di problemi di vista

9 risposte

Classificazione
  • 6 mesi fa

    Le lenti da presbite esistevano già al tempo di Petrarca, e forse anche prima, le lenti da miope incominciarono ad essere usate nel sec. XVII e XVIII

  • Anonimo
    6 mesi fa

    C'è un libro interessantissimo che ti suggerisco di leggere, perché è anche molto divertente: "Medioevo sul naso" della Frugoni. Lì si risponde alla tua domanda, raccontando la storia delle prime lenti (ovviamente non disponibili per tutti, per esempio i popolani che non potevano permetterseli semplicemente si tenevano la loro miopia e si sforzavano o si facevano aiutare dai figli) ma si parla anche di molte altre invenzioni che noi riteniamo moderne e invece hanno radici molto più antiche.

  • 6 mesi fa

    Poteva anche capitare. Si dice che a Campaldino il vescovo Guglielmino Ubertini fosse così miope che confuse il muro di scudi dei fiorentini per le mura di una città :-) e in quella battaglia ci morì per un colpo di picca in testa.

    Calcola che all'epoca quasi tutti erano analfabeti, quindi non era un grosso handicap non riuscire a leggere. Per viaggiare non c'erano auto e il somaro o il cavallo la strada la vedeva per conto suo.

    Sarebbe stato un grosso problema per un orafo ma un problema minore per un bracciante che doveva usare la vanga.

  • Nick
    Lv 7
    6 mesi fa

    eccome se c era, e grave, perchè impediva un sacco di lavori a una percentuale enorme della popolazione, specialmente dopo i 30-40 anni... chi non ci vedeva doveva campare con lavori per i quali non serviva la vista perfetta, e per fortuna erano (e sono) tanti.... i ricchi potevano farsi aiutare da giovanicon occhi buoni, e qualcuno dal 1400 in poi poteva anche permettersi lenti e poi occhiali, ma erano pochi...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 6 mesi fa

    Le lenti, cioè vetri e pietre preziose lavorate in modo da correggere alcuni difetti di vista esistevano già ai tempi dei romani , è famoso lo smeraldo che Nerone usava per guardare cose lontane.Nel medioevo già c'erano lenti di vetro forgiate e montate in modo da poter essere indossate sul naso, soprattutto per vedere da vicino. Nessuno ammazzava la gente che non ci vedeva bene: chi poteva pagare ( pochissimi) si procurava questi occhiali embrionali che miglioravano ma non molto i problemi, e non certo tutti; chi non poteva, restava com'era. Non capisco come ti può venire in mente che venisse soppressa, a meno che non sia una battuta, ma non è certo brillante.

  • Anonimo
    6 mesi fa

    secondo me avevano un sistema anche se non cosi comodo come gli occhiali di oggi, avranno fatto qualsiasi cosa

  • 6 mesi fa

    Imperatori romani usavano pietre tagliate appositamente per compensare un visus ridotto.

  • 6 mesi fa

    Le patologie a carico della vista sono sempre esistite, dalla preistoria sino a oggi. Già gli Egizi avevano inventato una tecnica chirurgica per operare gli individui affetti da cataratta (offuscamento del cristallino). Nell'Antichità e nell'Alto Medioevo strabici, miopi, ipermetropi, presbiti, astigmatici, ipovedenti e ciechi cercavano, per quanto possibile, di condurre una vita normale, lavorando o mendicando, altrimenti venivano accuditi dalle loro famiglie (genitori, fratelli, mogli, figli) o da amici: in molti casi si recavano presso santuari pagani (celebre quello di Asclepio a Epidauro) o cristiani (san Martino a Tours e altri) nella speranza di recuperare la vista, o ricorrevano a rimedi empirici (impiastri, colliri, amuleti, incantesimi ecc.). Nei Vangeli sono narrati numerosi episodi di guarigioni di ciechi da parte di Gesù. Solo nel Basso Medioevo furono inventati gli occhiali da vista, che però erano piuttosto costosi, poiché montatura e lenti dovevano essere lavorate a mano: li usavano soprattutto chierici (Papi, cardinali, vescovi, presbiteri), nobili, mercanti, usurai e banchieri, notai, farmacisti, orafi, artigiani abbastanza facoltosi da poterseli permettere. Chi non aveva i soldi necessari, pregava e si accontentava della sua sorte, lavorando finché poteva o chiedendo la carità. In ogni caso, prima dei miglioramenti nelle condizioni igienico-sanitarie a partire dai primi decenni del Novecento, l'aspettativa di vita medie si aggirava intorno ai 45 anni, a causa dei pericoli legati al parto per le donne (febbri puerperali) e delle malattie infettive (tubercolosi, colera, vaiolo, varicella, scarlattina, ecc.).

  • Tanto la gente a 50 anni già moriva.

    Una volta ho letto un libro che parlava delle 8nvenxioni medievali, e tra le invenzioni si parlava degli occhiali.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.