promotion image of download ymail app
Promoted

Vi siete mai chiesti cosa accade quando si muore?!?

11 risposte

Classificazione
  • 1 anno fa

    è logico che tutti ce lo siamo chiesti. Quelli di noi meno propensi alle illusioni si sono anche attrezzati culturalmente per documentarsi e fare ricerche in merito. I risultati delle ricerche sono però deprimenti, poiché matematicamente sono equivalenti a zero.

    • @Preziosa:Di Gesù si dice che sia asceso al cielo su una nuvola con il proprio corpo,di altri non si sa niente di simile.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 anno fa

    Ovviamente me lo sono domandato e non una volta sola.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 anno fa

    Siccome tutti ci dovremo passare ce lo chiediamo tutti.

    Spaventa un po ma essendo un passaggio obbligatorio non dovrebbe.

    Io sono convinto che tutto esista per un motivo. L'uomo dentro al suo corpo ha un'energia che lo anima da dentro e che è bloccata dal corpo e credo una parte di questa energia sia la coscienza. Una volta che il cuore cessa di battere e si spegne tutto questa energia si libera ed è la nostra vera essenza,noi al 100% senza filtri.

    Questa energia cosciente si muove e vive in varie dimensioni.

    La nostra della dualità e densa passando ad altre dimensioni più sottili mantenendo ricordi esperienze di crescita personale.

    Non avrebbe alcun senso vivere 80 anni su questo pianeta,essere coscienti del proprio sé e poi morire e sparire non esistere più.

    Non avrebbe senso. Quando si muore credo accada una cosa a livello di sensazioni, dolore fisico xchè il cuore subisce un arresto, paura e una stanchezza molto forte poi l'abbandono in quella che sarà l'esperienza del trapasso

    Fonte/i: Leggo mi informo e penso ma con la mia testa
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • la paura dell'ignoto spesso ci zittisce.

    la "religione" consumistica spinge a tutta forza per farci credere che più robe possiedi più felice sarai.

    Non funziona così. e lo sappiamo benissimo tutti.

    da credente,penso che ci sia un'altra dimensione, moooooolto meno materiale di quella attuale.

    e lo sapete nell'intimo...non sono storielle...

    ciao

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 anno fa

    Polvere sei e polvere ritornerai..

  • exProf
    Lv 7
    1 anno fa

    Morire sembra già di suo un accadimento.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 anno fa

    accade che non si esiste più, esattamente come prima di nascere

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 1 anno fa

    Me lo domando in continuazione e sono proprio curioso di verificare di persona.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 anno fa

    Che il corpo va in decomposizione, la vita continua secondo altre forme e lo spirito continua a vagare negli infiniti mondi di Dio.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Credo che chiunque se lo sia chiesto almeno una volta nella vita. Poi però, dopo aver soppesato varie opzioni e aver visto quale mi sembrava la più verosimile, sono giunto a una conclusione: non me ne importa una cippa alla fine.

    Insomma, se dopo non ci fosse nulla, significherebbe che avremmo solo sta vita e quindi dovremmo non sprecarla "una vita è più che abbastanza se ben vissuta" scriveva Seneca... E alla fine cosa significa vivere bene? Realizzare la propria natura, e quindi quale è la natura umana? Cosa fa di un uomo un uomo a differenza delle altre bestie, quale è la sua Humanitas? L'Humanitas (ossia ciò che differenzia l'uomo da un altro animale) è la ragione, dunque vivere bene vuol dire vivere secondo ragione, mettendo la ragione a comando sugli istinti, ossia, generando la Virtù.

    Se dopo la morte ci fosse qualcosa di eterno (es. Tartaro, Paradiso, Inferno, Campi Elisi, Helaheimr, Valahalla, ecc.) sarebbe plausibile che o possiamo influenzare il nostro destino dopo la morte (ma in caso non dovremmo tenerne in considerazione o più che agire secondo Virtù, agiremmo secondo opportunismo, che non mi sembra sia mai stato premiato nelle rivelazioni), quindi sarebbe intelligente agire secondo Virtù e dunque agire bene, o non possiamo influenzarlo, quindi tanto vale concentrarsi su questa vita e fare come sopra.

    Se dopo la morte (come credo) c'è la metempsicosi,.stesso discorso di sopra.

    In sostanza, se anche ci fosse qualcosa o non ci fosse nulla, non cambierebbe assolutamente nulla per noi. Ergo: ha ancora senso porsi il dubbio? A mio avviso solo per fini speculativi.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.