Perché in Italia quasi nessun parlamento e/o governo è mai durato un'intera legislatura?

8 risposte

Classificazione
  • 5 mesi fa

    A dire il vero, il secondo Governo Berlusconi è durato per l'intera legislatura e abbondantemente oltre. Per contro non risulta da nessuna parte che il Parlamento sia caduto prima della scadenza naturale. I governi possono cadere prima della legislatura, ma nel frattempo il potere legislativo(Parlamento..) continua nella sua piena regolare attività, fino a che non si indicono nuove elezioni. Anticipate o meno che siano...

  • 5 mesi fa

    Buongiorno.

    Mi pare però che il governo Berlusconi (quinquennio 2001-2006) ed il "governo tecnico" del centro-sinistra (quello di Monti, Letta, Renzi) dal 2011 al 2016 durarono per cinque anni.

  • Paolo
    Lv 7
    5 mesi fa

    PERCHE' NON RIESCONO NEMMENO A COMPIERE CINQUE ANNI DI FESSERIE.................!!!!!!!!!!!!!

  • .
    Lv 7
    5 mesi fa

    Classe politica corrotta + popolino ignorante

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    5 mesi fa

    Perché l'Italia é un paese difficile se non impossibile da governare.

  • 5 mesi fa

    perché l' unico che ebbe il coraggio di tentare di riformare la costituzione col MAGGIORITARIO, DOPPIO TURNO E BALLOTTAGGIO, di mandare a casa baroni, gufi, vecchi barbogi e parrucconi, il CNEL, il Senato, votato dal parlamento a maggioranza quasi 10 volte

    FU IMPALLINATO

    il bello è che la principale responsabilità fu da ascrivere ai

    SERPENTI EX PC, RIFONDATARI, CENTRI SOCIALI E DA QUEL MAIALE DI SPERANZA !!!

    Mò mangiatevi la diarrea gialloverde !!!

    Viva Renzi !!!!!

  • 5 mesi fa

    Perché l'Italia è politicamente immatura, meglio detto è profondamente ignorante.

    Abbiamo si' rinunciato alla dittatura fascista e alla incapace monarchia sabauda, ma abbiamo preso la Costituzione (che è costata una enormità di lavoro e di sacrifici politici) come un documento freddo, necessario, ma non da conoscere a fondo, e quasi nessun Italiano l'ha mai letta tutta almeno una volta.

    Oggi chi vota non sa per chi e per che; chi è votato non sa chi l'ha votato e quali sono le sue caratteristiche o aspettative.

    E un Italiano su quattro non va proprio nemmeno a votare.

    Il Paese non ha un Piano pluriennale di sviluppo e campa alla giornata: lo sanno bene i ragazzi che quando devono scegliere gli studi da fare brancolano nel buio.

    Nel 2013 hanno ammesso ad elezioni politiche nazionali una formazione politica dichiaratamente anticostituzionale (non rispetta l'art. 67 della Costituzione) generata e diretta da privati "esterni"

    alla politica e il popolo italiano gli ha dato una

    caterva di voti solo perché sparava proclami appetibili ma irrealizzabili.

    Questa formazione politica ha fatto entrare in Parlamento oves et boves et universa pecora, e alle elezioni politiche del 2018 ha ricevuto milioni e milioni di voti, piu' di tutti i partiti.

    Un anno dopo, alle Elezioni europee, il Popolo gliene ha tolti una metà, causando un aggravarsi della crisi di politica, già conclamata.

    A formare questo s-governo, il Capo dello Stato ha chiamato uno sconosciuto avvocaticchio, mai eletto da nessuno, che ha pensato bene di regalarci due Vice primo ministro e un programma di lavoro basato su un contratto civile di carattere privato. I due vice hanno imposto al presidente del consiglio un ministro per l'Economia e la Finanza, da loro ricattabile.

    Questo s-governo ha fatto piazza pulita di ogni legame politico con la Unione Europea e con la stragrande maggioranza dei governi e paesi europei.

    Eppure, l'esponente leghista (che fino a poco fa voleva separare la Padania dall'Italia) è osannato da milioni di elettori.

    Siamo un Popolo politicamente incivile e impreparato i cui "Rappresentanti in Parlamento" guarda solo al loro interesse privato, a quello del loro partito, ma non a quello di tutti gli Italiani, come la Costituzione esigerebbe.

  • clara
    Lv 6
    5 mesi fa

    Oltre agli esempi che ti ha fatto John Ryder

    Il problema sta proprio nella mentalità dell’itagliota medio, gli itagliani medi sono eterni sognatori, amano le promesse impossibili, “aboliremo la povertà con il reddito di cittadinanza” “niente più sbarchi in Italia”, alla fine queste promesse impossibili non si possono mantenere, si crea malcontento ed il governo vigenete se la fila via, e tutto ricomincia, come un cane che si morde la coda in eterno.

    Allora ti chiederai: e perché non si fanno promesse nei limiti di quello che lo stato Italiano si può permettere? Semplicemente perché non riceverebbe alcun voto dall’elettorato medio.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.