∞ V ∞ ha chiesto in Giochi e passatempiVideogiochi · 6 mesi fa

Cosa? Perché? Come sarebbe il tuo videogioco ideale, 'nel mulino che vorresti'?

Ho sempre avuto un profondo desiderio per quanto riguarda i videogiochi: te lo descrivo in breve.

Innanzitutto, vorrei che il il gioco in questione riguardasse una situazione di crisi planetaria, imminente, improvvisa, quale essa sia non importa in fondo.

Secondariamente, vorrei che fosse capace di raggiungere livelli di 'open world' mai visti. Ogni oggetto dovrebbe essere 'usabile': la birra in frigo bevibile, sulla sedia ci si dovrebbe poter sedere, il computer dovrebbe funzionare davvero - con internet, persino -.

Terzo, e questa è la cosa che 'amalgama il tutto e che gli dà senso': il tempo dovrebbe trascorrere davvero. Il tempo dei videogiochi, normalmente, è 'scemo': è un tempo scemo, 'un c'è niente da fa'. Serve al protagonista per avanzare nella trama. Non è veramente tempo: e il suo passare - magari inutilmente - non porta ad alcuna conseguenza. E' un tempo-non-tempo. Il mio videogioco non avrebbe trama. Quello vorrei è che il tempo passasse davvero, in un mondo che non tiene minimamente conto di te. Saresti semplicemente un civile che cerca di 'fuggire', magari, da una crisi.

Fondamentalmente il videogioco che vorrei dovrebbe replicare la vita fin nelle sue pieghe più profonde, ecco. Scaraventare un povero cristo in una situazione di emergenza e vedere come se la cava: meglio ancora se la regione geografica in cui si muove esistesse davvero, e venisse realmente ricostruita.

Questi sono i miei gusti. Ora narrami dei tuoi :)

Grazie :)

7 risposte

Classificazione
  • 6 mesi fa

    per avere tutte queste cose ti basta vivere la vita reale.

    non hai neanche problema di vite, hai già la tua.

  • hai mai giocato ad animal crossing? potrebbe piacerti

  • Anonimo
    6 mesi fa

    No, a me la meccanica degli open world non piace per niente. Sì, c'è maggiore libertà di esplorazione, ma non è bello che la trama vada avanti a "missioni". E poi un mondo apocalittico non mi piacerebbe, io sono più per gli RPG Fantasy anni '90. Non è solo il fantastico ad attirarmi, ma soprattutto l'inevitabile storia d'amore tra i protagonisti, che è l'elemento che a mio avviso manca in tutti i giochi moderni. Io ero adolescente quando uscì Final Fantasy VIII... Quanto l'ho amato: ogni giorno ci passavo ore solo per vedere negli occhi di Rinoa la ragazza che allora sognavo di incontrare nella vita reale. Ah, quant'ero cogliòne a pensarlo. Quegli occhi possono appartenere solo ad una donna che non esiste. Una donna che ti apre le gambe perde tutto il fascino. E' l'impossibilità dell'amore che allora muoveva il mio desiderio. Una donna, perché allora la desiderassi, doveva essere impossibile, doveva "scomparirenel momento stesso in cui le mie dita la sfioravano"... E questo desiderio dell'impossibile, che altro era se non il desiderio della morte? Scusa se sono andato OT, mi sono venute queste parole in libertà

  • Karym
    Lv 6
    5 mesi fa

    anni fa giocavo a GTA San Andreas Multiplayer..i server purtroppo non erano ufficiali, ma ne beccai uno ben fatto, con admin severi, gestito abbastanza bene. Era un server Role Play, cioè ti creavi un personaggio, sceglievi un lavoro (legale o illegale) e interagivi con gli altri giocatori, guadagnando soldi. Io facevo venditore di armi illegali..era davvero stupendo, perchè ti accordavi con le persone che avevano bisogno di armi in continuazione, potevi scegliere il prezzo e vendevi.. essi, a loro volta potevano decidere se tenderti la trappola e ucciderti o se farti entrare nelle proprie gang. Poi c'erano i giocatori che facevano i poliziotti, e se ti scoprivano fare lavori illeciti ti arrestavano..per essere scagionato ti serviva un avvocato, questo lavoro era sempre svolto da altri giocatori, che ti facevano scagionare in cambio di una bella ricompensa, altrimenti dovevi restare alcune ore in cella. Poi come altri lavori illegali c'era lo spacciatore, il venditore d'auto rubate..invece di lavori legali c'era avvocato, tassista, poliziotto.. Purtroppo, non essendo server ufficiale aveva tanti bugs, ai quali ho sempre sorvolato, fino a quando poi il server smise di funzionare. Poi tramite forum ho scoperto che erano entrati degli hackers e avevano mandato il server a putt4ne. Per me un gioco ben fatto con sta logica, sarebbe spettacolare.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 6 mesi fa

    Esiste già un gioco simulatore di vita, si chiama Second Life. Lì puoi vivere una vita totalmente virtuale, andare al lavoro, comprare cose, andare fuori con amici, ecc. Vedila come una versione avanzata di The Sims.

    Ovviamente manca tutta la parte post-apocalittica ma per quello esistono giochi come Fallout e Borderlands.

    Io invece vorrei un Fallout con mappa degli interi Stati Uniti (o di quello che ne resta per lo meno) giocabile in VR.

    Penso che fra una trentina d'anni arriveremo a un livello simile con gli open world e sarà l'inizio della fine, visto che molti preferiranno vivere nel gioco piuttosto che nella realtà.

  • Anonimo
    6 mesi fa

    Hjkkkkhgdbhhuyyytttrrr

  • 6 mesi fa

    La tua idea è davvero molto intrigante, ci giocherei ore a un videogioco del genere!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.