Il Mio ha chiesto in Affari e finanzaTasseItalia · 5 mesi fa

Proposta tassazione sui piccoli commercianti?

Vista l'impossibilità di controllare che facciano scontrini io propongo d'imporgli una tassa fissa stimata sulla quantità di clienti servita.

Ad esempio a un bar di una zona trafficata gli s'impone tot. tassa più alta rispetto a uno posto in una zona isolata.

A un'erboristeria che tira meno si fa lo stesso calcolo al ribasso in entrambi i casi.

Così non devono preoccuparsi di fare scontrini o far finta di farli.

Lo stato decide per loro e insieme a loro le quote fisse da pagare anno dopo anno o mese per mese.

A mali estremi, estremi rimedi.

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    5 mesi fa

    No. I piccoli non dovrebbero pagare niente di tasse. Dovrebbero pagare tutto solo le grandi multinazionali e i ricchi / super ricchi.

    La motivazione nel diventare ricchi ci sarebbe ugualmente (sebbene molto meno) perchè se vuoi goderti di tanti soldi, tanti beni di lusso etc.. allora paghi le tasse per tutti. Ci deve essere questo risvolto della medaglia.

    Se non arrivi ad essere benestante non paghi niente. (e probabilmente non dovendo pagare niente arriverai ad essere benestante molto più facilmente / molte più persone) : si uniforma il grado di ricchezza, si limano le punte e cresce la ricchezza media.

    I piccoli non essendosi appunto realizzati ,devono essere esortati dal contribuire alla "res publica".

    Considerando quanto, le ricchezze, in Italia sono disomogenee (abbiamo super-ricchi che pagano pochissimo in propozione a quello che hanno con il sistema attuale) .

    Devono pagare SOLO i ricchi per tutti quanti.Ed è assolutamente possibile tecnicamente. Possibile e giusto.

    • Il Mio4 mesi faSegnala

      Ma dove iniziano i ricchi?
      Un edicolante che fattura 1000euro scarsi non lo è, ma un barista che ne guadagna 4-5000?
      E poi se i liberi prof non pagassero nulla, il peso fiscale si scaricherebbe sui dip pubblici da 1000 al mese.. secondo te anche loro non dovrebbero pagare?

  • .
    Lv 5
    5 mesi fa

    La tua proposta è una scemenza.

    Semmai tassare soltanto A MONTE le materie prime.

    Tassare a monte significa tassare soltanto i contadini, gli allevatori, i titolari di miniere, i pescatori.

    Ovviamente tassando sono quelli, i prezzi che faranno saranno altissimi ma poi il panettiere non dovrà fare scontrini e non pagherà tasse direttamente

    • Il Mio4 mesi faSegnala

      Ma tante volte i contadini soprattutto di sementi e più degli allevatori, fanno la fame, quindi tassandoli li penalizzeresti, al di là di quanto possano alzare i prezzi, secondo me verrebbe fuori un bel casino

  • franco
    Lv 7
    5 mesi fa

    sono già state fatte negli anni 90 prove del genere, mi ricordo che non funzionarono perchè era tutto basato sulla veridicità dei commercianti ovvero essi il 99,9% lamentava una tassa troppo alta, anche se non era vero dovettero ridargli i soldi a tutti che facevano reclamo con la conseguenza di un danno all' erario enorme.

    La cosa migliore, che esiste in tanti altri paesi europei è una lotteria inserita nello scontrino.

    In pratica ogni scontrino e ogni fattura ha un numero codice che settimanalmente vengono estratti premi alla tv generalista e sul sito della agenzia delle entrate. Premi che vanno da pochi decine di euro (premi di consolazione) a invece premi belli corposi, anche di migiaia di euro. Queste lotterie ci sono per esempio in Spagna e Portogallo, in Slovenia. Nei paesi anglosassoni, di radice culturale protestante come USA Germania e Gran Bretagna il problema non sussiste perchè li l' evasore fiscale viene da sempre visto come un fallito, un peccatore al quale non è stata concessa la grazia e destinato a Satana.

    E' vero che con gli immigrati questa cosa non è così sentita ma gli immigrati generalmente tendono a rispettate i sentimenti e modi di pensare dei paesi ospitanti quindi per esempio anche fra gli italoamericani è sentita questa cosa, come anche fra gli ispanoamericani, pur essendo cattolici hanno preso le usanze anglosassoni, diverso il discorso dell' evasore fiscale in casa propria tipo in Italia dove è considrato un figo quell che non paga le tasse.

    Quindi è necessario agire con la lotteria come sembra anche andare i n questa direzione il nostro paese

    • Il Mio4 mesi faSegnala

      Il metodo lotteria incentiverà seriamente solo chi n'è già malato, agli altri non fregherà di farsi rilasciare lo scontrino: mi sembra una gran cagata, può servire soltanto a sollazzare un po' ma non è un metodo serio.

  • Anonimo
    5 mesi fa

    Bravo, hai scoperto gli studi di settore che premiano i grandi evasori e penalizzano chi non riesce a pagare neppure le spese. L'unica soluzione facile e risolutiva è l'eliminazione del contante con cui combatti/elimini pure lavoro in nero, affitti in nero, corruzione, truffe, rapine, borseggi, spaccio, ecc

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.