Come gustare al meglio i Massimo Volume?

Come ci si prepara ad ascoltare questo gruppo tanto particolare? Io ho avuto modo di approcciarli anche in passato, ma ho sempre glissato dopo un primo superficiale ascolto. All’epoca, tra me e me: ma che è sta roba? Ieri sera invece, non so perché - chissà, le strade della serendipità -, ho scelto “Dopo che” tra... visualizza altro Come ci si prepara ad ascoltare questo gruppo tanto particolare?
Io ho avuto modo di approcciarli anche in passato, ma ho sempre glissato dopo un primo superficiale ascolto. All’epoca, tra me e me: ma che è sta roba?

Ieri sera invece, non so perché - chissà, le strade della serendipità -, ho scelto “Dopo che” tra i suggerimenti di YT. Oltre al testo, molto bello e struggente, mi è rimasto anche qualcosa della melodia...per un brano in cui il ritmo è risicato al minimo, non è cosa da poco. Oggi l’ho riascoltata e l’ho apprezzata ancor di più. Allora ho voluto provare con “Alessandro” perché mi piaceva la copertina del video, e mi ci sono già affezionata.
Mi sono detta: bene, è il momento giusto per approfondire!
Dai, ditemi cosa pensate di questo gruppo. Magari suggeritemi cosa ascoltare e cosa forse non è memorabile. Insomma, non mi pare questi Massimo Volume facciano proprio schifo.



“Avuto conferma di vento a favore
tolgo gli ormeggi”
Aggiorna: @ Chiara, togli il link, altrimenti non pubblica la risposta!
I Diaframma mi piacciono assai! :)
6 risposte 6