“La lettura dei buoni libri è una sorta di conversazione con gli spiriti migliori dei secoli passati” (Cartesio)?

si comprende perfettamente l'aforisma, ma se i libri scelti fossero una conversazione con gli spiriti peggiori del passato e del presente, meglio sarebbe non leggere? non aggiungo altro ed a voi le simpatiche/sagge risposte, grazie

11 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    7 mesi fa
    Migliore risposta

    Invece ti darò una risposta antipatica e ignorante 😝 perché io penso che anche un ottimo lettore (inteso come lettore dei migliori spiriti passati) possa rimanere un ottuso a vita, uno che apprende ma non comprende. Puoi leggere le migliori (o le peggiori) intuizioni che l’essere umano sia stato in grado di elaborare, puoi farne una cit, ma alla fine se quella cosa non ti appartiene, resta un libro non letto.

  • 7 mesi fa

    Diamo per assunto che sia una conversazione. Indipendentemente dalla natura dello spirito, è difficile che tu possa uscirne plagiata. Se un soggetto è malato non lo deve certo alle letture. Leggere pensieri abominevoli non fa altro che fartene prendere le distanze.

    Io trovo che leggere sia un grandissimo privilegio, ti consente di entrare nella testa di un altro, di parlare il suo linguaggio, di vedere le cose con i suoi occhi, restando te. Leggere è un super potere!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 7 mesi fa

    Io penso che la lettura di un libro sia invece capire o indagare quali siano i pensieri dell'autore e quale messaggio ti voglia trasmettere, oppure capire come erano le civiltà o città un tempo , quali erano le loro abitudini . La conversazione con degli spiriti è possibile perchè l'autore con il suo libro si apre al lettore in un dialogo e pensiero appassionato e coinvolgente al tempo stesso , penso che invece sbagliato sia proprio non leggere perchè la lettura o cinema o come tutte le arti sia fondamentale alla crescita personale , culturale e spirituale della persona.

    • ...Mostra tutti i contatti
    • Simone7 mesi faSegnala

      Io ho voluto dare una risposta sintetica ma giusta sul significato di lettura ,semplicemente come la penso io,per quanto riguarda le letture erronee è naturale che possono deviare poichè il messaggio è completamento sbagliato o addirittura inesistente è cosi non può fornire strumenti idonei.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Blu.
    Lv 7
    7 mesi fa

    Una conversazione è una conversazione

    Sta a te trarne il meglio :))

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 7 mesi fa

    Meglio sarebbe saper leggere. Ma la gente non lo sa fare, non sa leggere. Brodskij (che adoro) diceva che bruciare i libri è un crimine meno grave del non leggerli. Sì, sicuramente ha ragione, ma c'è un atto ancora più criminale: leggere nel modo sbagliato, stuprando il libro, perpetrando metastasi culturali, diffondendo il morbo del banale, il cancro della mediocrità. È stato citato Pennac, famosissimo è il suo manifesto del lettore, in cui ne elenca e ne rivendica i diritti: è giusto, va benissimo, ma la lettura non è un fatto individuale, è un fatto sociale: implica dei doveri. Il come si legge è importante quanto, e forse anche più, del cosa si legge. Non esistono letture "sbagliate" in sé: esistono modi sbagliati di leggere. Gli spiriti peggiori si presentano sempre col sorriso più cordiale e l'abito più elegante, sono quelli che ti tendono la mano e dicono "sai, io ti capisco".

  • 7 mesi fa

    Il Mein Kampf dimostra che Cartesio era molto ottimista, il che è più che comprensibile visto il periodo storico in cui è vissuto.

    Pennac diceva che leggere è come vivere più vite: credo che questa definizione sia più generale e meglio applicabile a qualunque libro, anche a quello scritto da uno spirito non dei migliori.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 7 mesi fa

    Ho visto citato il Mein Kampf: è uno dei libri più letti nei paesi musulmani

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • È tempo d ferie.... rilassati

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 7 mesi fa

    Bè, purtroppo non posso negare che lungo il tuo cammino incontrerai spiriti maligni. Ma penso anche che sia normale perché la vita ci sfida anche. Sta a noi, far tesoro dei nostri errori e diventare più forti. Capendo chi sono e chi non sono i nostri amici.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    7 mesi fa

    Hahahajaj il piano cartesiano+

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.