Se la Luna sorge ad est e tramonta ad ovest, perché l'ombra di un'eclissi si muove in direzione opposta?

E' stato mostrato (specie nell'eclissi solare del 1999) che l'ombra sulla superficie terrestre si spostava da ovest ad est.

Anche la Luna orbita da ovest ad est ma, essendo la Terra più veloce (gira in circa 24 ore, la Luna in 27 giorni), noi la vediamo sorgere ad est e tramontare ad ovest, come il Sole.

Allora perché l'ombra di un'eclissi va in senso opposto?

Di recente ho sentito che la Luna, orbitando la Terra, è più veloce della rotazione terrestre, ecco spiegato lo spostamento verso est dell'ombra durante un'eclissi solare.

Ma allora dovremmo vedere la Luna sorgere ad ovest, invece no...

Come mai?

7 risposte

Classificazione
  • 5 mesi fa
    Migliore risposta

    La Luna, in cielo, si sposta ogni notte da Est verso Ovest per la rotazione terrestre, ovviamente, ma da Ovest verso Est per il suo moto attorno alla Terra in circa 29 giorni e mezzo.

    Quindi ogni giorno, il suo moto da Est verso Ovest si compie in circa 25 ore. Dato che invece il Sole fa un giro in 24 ore, la Luna viene RAGGIUNTA .

    Vista da Terra, la Luna (e logicamente la sua ombra) rispetto al Sole viaggiano da Ovest verso Est.

    P.S.

    Ehi, ma è bellissimo!

    Proprio vero che la disperazione aguzza l'ingegno...

    O meglio, l'aguzzerebbe se almeno un po' di ingegno ci fosse... Ma purtroppo uno stupido resta stupido anche nelle situazioni più disperate.

    P.P.S.

    RPrecisazione:

    nel corso delle 24 ore, Sole e Luna si spostano da Est verso Ovest per la rotazione terrestre.

    Però la Luna si sposta ANCHE da ovest verso Est, facendo un giro completo del cielo in circa 29,5 giorni.

    Quindi la Luna fa un giro completo del cielo ogni giorno, ma NON in 24 ore, bensì in quasi 25.

    Dato che il Sole lo fa in 24, in cielo, visto dalla Terra, va un po' più veloce della Luna. (circa 15° all'ora, contro i circa 14° della Luna).

    Quindi durante l'eclissi il Sole SORPASSA la Luna, che si muove in cielo un po' più lentamente.

    P.P.S.

    Visto che nomini l'eclisse del 1999, ti invio un resoconto della spedizione fatta per osservarla:

    L’ECLISSE: OVVERO, MAI DISPERARE

    Una decisione presa all’ultimo momento dopo tanti tentativi (non riusciti) di trovare un sostituto sul lavoro. Alla fine il tanto sospirato: “Vai, basta che ti togli dai piedi e la smetti, il tuo lavoro lo sbrighiamo noi”. Un giro di telefonate, ed il risultato: l’unica possibilità è partire in auto e sperare per il meglio, 1500 km tra andare e venire nella seconda settimana di agosto. Tra caldo, traffico, ingorghi, contano quasi il doppio, in più probabilità di cielo coperto di circa il 50%. Ma tant’è, ci si nasconde dietro un dito: se perdiamo l’eclisse, vediamo Salisburgo, che certo vale un viaggio anche più impegnativo. E allora via, armi e bagagli.

    La partenza è ad un’ora raccapricciante: le 6 del mattino. Durante la prima parte del viaggio, forniamo un generoso contributo agli utili di TIM ed OMNITEL: (Voi dove siete, noi siamo qui, ci vediamo qua, ci vediamo là). Il tutto per riuscire a perdersi e non incontrarsi all’ultimo appuntamento in Italia prima della divisione in due gruppi: uno diretto a Monaco, l’altro a Salisburgo. Un tempo alla partenza si diceva: “Ci vediamo nel tal posto chi arriva prima aspetta”, e ci si trovava. (Richiamo ai Bei Tempi Andati, inevitabile passati i 50).

    Il pranzo nell’autoporto di Vipiteno è un anticipo del tipo d’alimentazione che ci aspetta in Austria. Beati i serpenti, che possono stare anche un mese senza mangiare!

    Arrivati in serata alla meta, un graziosissimo paesino dal nome impronunciabile vicino ad

    Attersee, perdiamo una buona mezz'ora per trovare il nostro albergo, vittime di una numerazione civica misteriosa. Le regole auree dicono: “Entra in un bar e chiedi”: semplice, no? Bisogna provare, in tedesco! Così rischiamo di perder cena, (Pare che siano tassativi: entro le 19 o saltare). Ma va tutto bene, l’alberghetto è delizioso, lindo, ordinato. Nell’arte dell’accoglienza quanto abbiamo da imparare, noi liguri!

    In serata, riceviamo il benvenuto climatico: un acquazzone per poco non coglie in pieno alcuni dei nostri usciti in passeggiata. E l’indomani, martedì, prove generali di eclisse. Nel posto prescelto (a Wyregg, dall’altra parte del lago, mezz'ora di auto), si montano gli strumenti e si fanno le simulazioni di quanto avverrà il giorno dopo.

    Per fotografare le varie fasi, bisogna cambiare esposizioni e diaframmi diverse volte in tempi ristrettissimi. Una specie di Pit Stop da Formula Uno, quindi bisogna provare, cronometro alla mano, tutte le sequenze (detto per inciso, col cielo completamente coperto). Beh, se anche non vedremo l’eclisse, lo spettacolo dato dai fotografi durante le prove valeva il viaggio. La moglie del “coordinatore" col cronometro in mano che scandisce le varie fasi, e gli operatori che simulano cambi di diaframma ed esposizione sulle macchine montate ma, quel che è più esilarante, anche su quelle che saranno montate solo domani. Il tutto inframmezzato da rimproveri reciproci. Spettacoloso. Un'ora di buon umore piovuta dal cielo.

    Smontato il tutto, andiamo in gita a Salisburgo. Dopo 50 minuti di coda in auto per entrare in città, facciamo il giro turistico di un posto di una bellezza incredibile, sotto una maledetta pioggia battente che non molla un attimo. Dopo alcune piccole delusioni alimentari (una torta Sacher che di glorioso conserva solo il nome) con l'occhio all'orologio (ore 19, non dimenticare), un'altra ora di coda per uscire di città. Volata in autostrada, albergo ore 18,58. Fiuuu ! Col morale sotto i piedi.

    In serata, invece, il morale è alle stelle, letteralmente: un cielo terso, la notte buia, stelle cadenti, la Via Lattea nettissima. Montati gli strumenti nel cortile dell'albergo facciamo osservazioni da favola fino a notte fonda. Francamente, ci voleva.

    Ed eccoci a mercoledì mattina: prestissimo, tra le tapparelle filtra la luce inconfondibile del Sole. Però... già verso le otto una spessa coltre di nubi ha coperto tutto. Appuntamento, con la pioggia che pare appesa, alle 9,30 in un Internet Point (si dice così?) per vedere le ultime immagini dal satellite: niente, neanche spostandoci di qua o di la. Il tempo è compromesso un po’ dappertutto, nel nostro raggio di possibilità. Tanto vale restare qui. Col morale addirittura sotto terra, torniamo nel posto prescelto per l'installazione degli strumenti.

    Ora, su una fascia di totalità che attraversa tutta l'Europa, larga un centinaio di chilometri e lunga diverse migliaia, abbiamo scelto l’unico chilometro quadrato in cui venga chiesto di pagare per entrare! C'è la festa del Sole Nero, con salsicce e crauti, e sborsiamo cinquanta scellini a macchina. Proprio da ridere se, come pare, neppure vedremo l'eclisse.

    Però installiamo tutto lo stesso: “Spes ultima dea", dicevano i latini. Personalmente, propongo di rifare una bella prova generale, prima che cominci a piovere, così, solo per godermi ancora lo spettacolo. Attirandomi, mescolati agli scongiuri vari, inviti irripetibili sulla meta dei miei prossimi itinerari (vai di qua, vai di là, vai a fare questo, vai a fare quello).

    Intanto il tempo si allarga un po'. Vuoi vedere che… ma si, sempre più tratti sgombri di nuvole arrivano e vanno. Il Sole si mostra a più riprese, sino a quando, ad un certo punto, esce dalle nuvole già coperto (dalla Luna) per un 10%. Urla, voti di

    pellegrinaggio alla Madonna della Guardia, magari camminando sui ceci. Sempre meglio, i nembi passano veloci, ma la tendenza pare netta, il Sole è sempre più eclissato, il cielo sempre più sgombro. Atri nuvoloni arrivano da lontano, minacciosi, ma l'ottimismo cresce. Cominciamo proprio a crederci, adesso incitiamo il Sole alla voce: Dai, sbrigati, dai spettacolo finché dura il bel tempo, "facce vedè" prima che le cose volgano al peggio.

    E dopo un tempo di alti e bassi che pare eterno, finalmente, eccola, l'eclisse. Pochi minuti prima della totalità una nuvoletta impalpabile si piazza davanti al Sole,

    permettendoci di guardare le ultime fasi senza gli occhialini appositi. Il cielo e le nuvole sono diventati di un color viola spettrale, non si muove una foglia; l'ultima falcetta diventa sempre più sottile, mentre la penombra cresce. Quando il Sole è ormai ridotto ad una esigua linea, mostra un profilo irregolare, dovuto alla sagoma dei monti della Luna che lo stanno coprendo.

    Succede in un attimo. Come se spegnessero la luce, viene notte. La falce esilissima, ma ancora abbastanza luminosa da rischiarare il cielo, sparisce, e la corona solare pare esploda. Un disco nero è comparso in cielo come dal nulla, e questo alone bianco attorno che sembra la criniera di un leone. Il cielo è buio, compaiono le stelle. Lontano, all’orizzonte si vede una specie di tramonto rosso, che si va spegnendo.

    Forse perché ormai disperavamo di vederla, forse per il viaggio, forse perché nel 1961 avevo 16 anni ed oggi 54, non saprei. Ma questa eclisse mi ha dato una sensazione che da quella passata non ricordavo. Due minuti che paiono un’eternità. Un po’ ad occhio nudo, un po’ con binocoli piccoli e grandi, un po’ col telescopio, non si sa più come guardare. Con gli strumenti si intravedono dei puntini rossi radenti il disco nero della Luna: sono le eruzioni solari, spettacolo nello spettacolo.

    E poi il ritorno del Sole, prepotente, che si apre la strada tra il profilo frastagliato delle montagne lunari. Un bagliore vivissimo, chiamato, a ragione, anello di diamanti. Riacceso l’interruttore, in un secondo è giorno. Gioia incontenibile, e, anche se “dopo” nessuno lo ammetterà, sono convinto che siamo in molti ad esserci commossi.

    Visto che abbiamo pagato, andiamo a mangiare le salsicce, e bere una birra con etichetta commemorativa speciale (ho ancora la bottiglia, da qualche parte). Questi due minuti hanno reso allegro anche il successivo giro turistico dei laghi, naturalmente tutto sotto una pioggia battente. Un’ora di sereno, proprio quando e dove ci serviva. Che fortuna sfacciata! Quelli andati a Monaco hanno avuto pioggia ed altri amici andati in Francia cielo coperto. Visto come è andato il viaggio di ritorno (acqua ininterrotta dal Brennero a Genova), viene da pensare che qualche Santo abbia deciso di favorirci. Beh, è proprio andata di lusso e tutto è bene quel che finisce bene.

    Come dice Woody Allen, dato che c’è la sinfonia Jupiter di Mozart (tanto per restare a Salisburgo) e, come diciamo noi, dato che ci sono alcune cosucce tra cui questi spettacoli della natura, veramente vale la pena di vivere

    • criceto, solo un intervento? io guadagno in base al NUMERO degli interventi, datti da fare, c'è spazio...

  • Anonimo
    5 mesi fa

    Ehm... il rottame di 85 anni detto la capra calabrese dell'astronomia (difficilmente esistono imbecilli simili in natura umana) all'arte Planezio Pietro @sesquiossidodip (al ristorante a lui intestato lo chiamavano il Pelatone di Quinto perchè calzava un riporto sintetico Moplen), che striscia con la lingua bavosa addosso a Roberto Maroni per avere l'aggiudicamento di bandi di gara ad affidamento diretto senza bando di selezione (stessa cosa con Toti, Bucci, Meloni, a suo tempo Berlusconi, Crosetto, Salvini... per non parlare dell'assessore di Genova Grossi) non ha capito (e conseguentemente si sarebbe domandato come un demente, essendo tale) che l'orbita apparente lunare, osservata secondo le coordinate geografiche terrestri non retrocede. L'appartente retrocessione è invece riservata al nodo lunare, ovvero i punti in cui l'orbita di un pianeta o di un satellite taglia l'eclittica terrestre.

    Per le coordinate "celesti" la Luna è "trascinata" (in apparenza relativa) dalla volta celeste in senso contrario, e perciò da Est verso Ovest. Tutto ciò si traduce in realtà in uno spostamento medio diurno, verso Est e rispetto alla sfera celeste, di circa 13°, che conseguentemente causerà un ritardo degli istanti di levata e tramonto pari a quasi 50 minuti.

    Non serve sottolineare (per la capra) che il ritardo di 50 minuti non si traduce nella troiaggine del cono d'ombra lunare che retrocede rispetto al moto apparente solare.

    E' UN FENOMENO CHE NON ESISTE e in virtu' di questo, l'analfabeta che ha fatto questa domanda,

    https://www.vialattea.net/content/1004/

    che praticamente chiede la stessa vaccata di @MICHELE ... non puo' che essere Planezio Pietro.

    Planezio, ma è vera l'illazione che hai intimità con la Polizia Postale ?

    Tra capre ignoranti l'amicizia e gli amori nascono facili e nascono gay (lo sapevamo che ambiente di omosex fosse lo staff di Yahoo e le divise che ci collaborano).

  • Anonimo
    5 mesi fa

    Sono aperte le offerte per la rottamazione di Planezio Pietro, l'idiota che ha postato questa domanda.

    Con Planezio l'Italia ha raggiunto il picco piu' basso della sua storia. Il somaro di Quinto, psicopatico e in demenza senile, cerca di giustificare le proprie cappellate con ulteriori errori nelle cappellate che ha già collezionato in questa autodomanda:

    "Comunque, fai mente locale: La prima falcetta di Luna nuova la vedi ad ovest subito dopo il tramonto. Ogni giorno, alla stessa ora, la vedi un po' più alta in cielo e tarda circa un'oretta a tramontare, sino a quando, due settimane dopo, la vedi sorgere piena ad Est al tramonto.

    sesquiossidodip · 1 ora fa

    Segnala abuso

    Quindi, se guardi la sua posizione appunto alla stessa ora, rispetto al Sole, la vedi che nel corso del mese procede da Ovest verso est. Una dozzina di gradi al giorno.

    sesquiossidodip · 1 ora fa"

    La Luna non è retrograda rispetto al Sole e nemmeno rispetto al moto rotatorio terrestre. Semplicemente "rallenta" il suo moto a seconda dell'ampiezza dell'angolo tra l'eclittica e l'orizzonte terrestre. Nel suo moto la Luna sorge e tramonta alternativamente negli emisferi australi e boreali ma nel suo "su e giu" (rispetto ai rispettivi orizzonti) non retrocede. Il rottame di 85 anni è convinto che il Sole sia un sistema di riferimento assoluto mentre la retrocessione di un pianeta/satellite ha come riferimento la combinazione dei moti terrestri e del moto apparente del corpo celeste. Il ritardo lunare di 50 minuti è rispetto alla sfera celeste. La retrogradazione non è correlata al moto lunare ma rispetto al nodo lunare (ciascuno dei due punti in cui l'orbita di un pianeta taglia l'eclittica). E' su questo aspetto che Planezio ha cappellato domandandosi una idiozia di eclisse retrograda e rispondendo affermativamente (confermando l'idiozia della domanda), una identica domanda pare essere stata posta da Planezio anche qui https://www.vialattea.net/content/1009/ (notare l'arroganza del richiedente che è tipica di Planezio).

    https://www.astronomia.com/guide/impariamo-ad-osse...

    https://it.wikipedia.org/wiki/Retrogradazione_dei_... (la retrogradazione è dei nodi lunari ma non del moto)

    https://www.vialattea.net/content/1004/

    Planezio Pietro, la Luna non ha alcun moto retrogrado e la sua orbita non è allineata al moto apparente del Sole (non è allineata all'orbita terrestre). Non esistono moti retrogradi lunari (esiste per il nodo lunare rispetto alla volta celeste), non esiste un moto lunare che attraversa interamente il cielo in 25 ore, la Luna non è fissa rispetto al moto orbitale terrestre (DEMENTE SENILE) cone il Sole. La Luna sorge e tramonta con una media di circa 8 1/2 ore giornaliere. La Terra compie un giro su se stessa, rispetto al Sole, in media, in 24 ore.

    La Luna gira attorno alla Terra, con riferimento al Sole, in media, in circa 29 giorni e mezzo.

    Quanta COCA hai sniffato per scrivere che la Luna compie un giro completo del cielo in 25 ore ?

    La badante ROM ti ha venduto la COCA allungata di polvere di asbesto, gesso, borotalco e farina tipo 00 ? ahahahahahahahaha

    Necessiti di un TSO immediato "O" ricovero urgente e permanente in Casa di cura per dementi senili. Sei scemo ai massimi livelli. Il TSO deve essere accompagnato da mazzate che difficilmente le dimenticheresti.

    Planezio, quando chiedi udienza all'assessore della Giunta FI di Genova, Sig.ra Grossi (per affidamento diretto degli appalti) dalle lekkate che pratichi l'ufficio è pieno di bava salivare che rende viscido il pavimento ?

    ---------------------

    @sesquiossidodip è il ladro dei social net e il truffatore della comunità scientifica italiana e internazionale.

    @sesquiossidodip = @MICHELE = Planezio Pietro, la ruffiana della DIGOS, delle Polizie Postali, della magistratura, che lekka il cul.o all'assessore GROSSI (cultura e spettacolo) a Roberto Maroni, a Matteo Salvini alla Meloni, a Crosetto, al Sindaco Bucci a Marco Pallavicini, a Toti, per vincere appalti in affidamento diretto per UNI 3, UNIFISICA, Festival della SCIENZA, congressi, seminari, convegni, corsi abusivi universitari.

    Siamo quindi davanti ad una troya di 85 anni che parassita ed elemosina, come un cane randagio alla ricerca di un padrone da difendere in cambio di mantenimento, vitto e alloggio, appalti e assunzioni nei social net come Quora Italia e Yahoo.

    E' ovviamente un abusivo, un incapace, un pregiudicato e la domanda di @MICHELE (dei contenuti non vi è traccia nei motori di ricerca) e la autorisposta di @sesquiossidodip troya sono notizie di reato per la Polizia Postale che il medesimo Planezio ha imposto nel social e fare da repressione e schedatura dei detrattori di questo truffatore di Quinto, Via Antica Romana di Quinto 11/b interland di Genova.

    Il contenuto della domanda e della risposta è stato copiato da questo forum

    https://www.vialattea.net/content/1009/

    La risposta corretta è quindi

    "La causa

    è la velocità orbitale della Luna.

    Infatti

    l’eclisse è dovuta al transito del cono dell’ombra lunare sulla

    superficie terrestre, e dato che la Luna si sposta in senso diretto (cioè

    da Ovest a Est) rispetto al Sole con una velocità angolare di 2/(29,53*24)=0,0088655

    radianti/ora, lungo la propria orbita questa velocità angolare

    corrisponde ad una velocità lineare di 3404 km/h. D’altro canto

    la superficie terrestre ruota, rispetto al Sole, con una velocità

    angolare di 2/24

    radianti/h corrispondenti ad una velocità lineare al suolo di 1670

    km/h.

    Dato che

    le velocità lineari sono equiverse, con una piccola approssimazione

    la velocità dell’ombra rispetto alla superficie terrestre sarà

    la differenza tra le due, che vale dunque 1734 km/h.

    Questo conto

    semplicistico fornisce però la velocità proiettata sul piano

    fondamentale, ovvero un ipotetico “schermo” perpendicolare alla

    linea Terra-Luna e passante per il centro della Terra. Dato che la Terra

    è grosso modo sferica, la velocità del cono d’ombra può

    apparire maggiorata anche del 40% nelle zone periferiche dell’eclisse,

    nelle quali l’ombra della Luna corre radente."

    Si tratta di un effetto ottico.

    L'ombra lunare, rispetto alla velocità tangenziale orbitale della medesima, proietta sulla Terra un cono penomberale che possiede una velocità tangenziale maggiore di quella lunare.

    Ne deriva che a differenza delle troyate scritte da questo 85 enne che lo scorso 13 Luglio si è presentato, senza essere invitato come conferenziere, ad una conferenza OAG, disturbando i relatori ufficiali, strappandogli di mano il microfono. per un effetto prospettico, la penombra lunare si muove più velecemente del cono d'ombra dell'eclissi e questo è la causa del moto apparente retrogrado della penombra, non dell'ombra, dell'eclissi.

    Non si tratta di una Luna raggiunta dal Sole e di altre baggianate che questo incapace e ignorante posta nelle sue domande e risposte.

    Se ci fate caso l'errore è contenuto sia nella domanda che nella risposta.

    Non l'ombra ma la penombra puo' , in certe occasioni, avere moto retrogrado.

    @MICHELE ha scritto che premierà Planezio .... e su questo non avevamo dubbi (conferma dell'autopremiazione potenziale).

    Non avevamo inoltre dubbi sul fatto che nè richiedente nè risponditore (sono la stessa persona) non ci abbiano capito molto.

    Infatti di questo fenomeno non se ne occupa nessuno essendo trascurabile.

    Sia chiaro che la Luna non ha mai moto retrogrado rispetto alle boiate domandate e risposte da Planezio.

  • 3 mesi fa

    Non ho mai letto tante idiozie come nelle 2 risposte date da CL con 2 account ( i 2 anonimi) .

    La penombra e più veloce sell’ombta. Claudio posa il fiasco, che di ombre ne hai bevute troppe!!!!!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Nick
    Lv 7
    4 mesi fa

    ossignore...........

  • Mars79
    Lv 7
    5 mesi fa

    Si scrive Ovest, Est.

    -------------

    Se fai un esperimento lo capisci da te.

  • 5 mesi fa

    una questione di ottica geometrica

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.