La famiglia è un'istituzione destinata a scomparire?

Di seguito un paio di luoghi comuni.

Sempre meno coppie si sposano. Sempre meno coppie fanno figli.

Eventualmente, prima si hanno figli, poi ci si sposa. E in caso, poi si divorzia.

Si trovano compagni/e nuovi, ma le relazioni durano sempre meno.

Perché?

La libertà, la percezione di libertà, è qualcosa che non deve essere in alcun modo limitato?

Così, il tuo diritto di andare a letto con questo e quello, vale più del diritto di tuo figlio di avere due figure di riferimento stabili.

Oggi che le separazioni non sono l'eccezione, ma la regola, i figli la vivono come l'abbiamo vissuta "noi" figli cresciuti con genitori divorziati?

Come ti immagini la famiglia di domani?

PS: non voglio dire assolutamente che divorziare è sbagliato o che non dovremmo farlo. Una volta la decenza contava più dei diritti delle persone e le mogli si facevano picchiare dai mariti per tutta la vita per non perdere il decoro. Per fortuna oggi non è così.. ma abbiamo problemi nuovi.

PPS: chiedo scusa a tutti se tratto così questo tema. Non mi sento nessuno per poter dire cosa sia giusto e cosa no. Volevo solo chiedervi quali sono le vostre sensazioni in merito. Se siete aperti a questi cambiamenti che sono sempre più veloci oppure se date più valore alle tradizioni secolari a cui ha dato ragione il tempo.

Grazie

14 risposte

Classificazione
  • Faith
    Lv 7
    6 mesi fa

    per me sempre più coppie si sposano e fanno figli,

    è una questione matematica, siamo molti più rispetto a qualche decina di anni fa, quindi oggettivamente il numero di coppie che si sposa e che fa figli, dato che c'è la tradizione di farlo a prescindere (anche se non ci sono posti di lavoro, anche se le città sono inquinate, anche se le mode del momento stanno devastando l'integrità dell'essere umano), è altissimo. In tutto il periodo da Novembre fino a Aprile in parrocchia da me c'era almeno un battesimo ogni domenica, con picchi di 3 battesimi a singola domenica. In media 2. E parliamo di una delle tantissime parrocchie e nemmeno una delle più frequentate, siamo 4 gatti.

    Dire che ci si sposa di meno e si fanno meno figli facendo la proporzione con il numero di persone in circolazione, quindi considerando che ci sono tanti single non ha senso, perchè sta di fatto che per l'enormità del numero di gente a cui ammonta oggi la società, si fanno TROPPI figli, e questo sta portando la nostra società ancora di più in un abisso irrimediabile. Più figli significa ancora più disoccupazione, ancora più consumo di risorse, la povertà aumenterà, aumenterà la rabbia sociale, aumenterà l'inquinamento. Questo aumento demografico non porta a niente di buono.

    E di cose potrei dirne milioni, come ad esempio il fatto che il matrimonio è un sacramento basato sui soldi e non sull'amore, perchè è ovvio che se non c'hai i soldi non puoi manco sposarti, e a me una cosa del genere fa schifo, che l'amore, oltre che sull'aspetto fisico, debba essere una questione di soldi. Il pensiero di sposarsi è una di quelle cose che rende gli essere umani meno umani e più macchine vuote superficiali pieni di regole invece che di coscienza.

    Il vero matrimonio, per persone dotate di coscienza e capaci di amare, è il momento in cui ci si mette insieme. Il matrimonio tradizionale non è altro che una cerimonia pubblica per persone indecise che devono dimostrare agli altri di stare insieme, e dopo mesi o anni di fidanzamento, il che è ridicolo, come se prima fosse una relazione finta o di poco conto, una roba che si paga tra l'altro, e che si fonda spesso su una lunga lista di ex, cosa che non esisterebbero se il "matrimonio" non esistesse come distinzione col fidanzamento, e ci si mettesse direttamente con la persona giusta, senza dover fare stupide prove casuali con sconosciuti che son belli e hanno soldi, ma puntando all'amore piuttosto, cosa che quasi nessuno è mentalmente abituato a concepire.

    Le separazioni esistono un po perchè esiste il "matrimonio" (fondato su soldi e su sfilze di ex, cioè tentativi ciechi falliti in precedenza), un po perchè c'è l'educazione alla superficialità, quella dei centimetri, dei soldi, invece che a stare con la persona giusta, e la scuola, che dovrebbe aver il compito di formare esseri umani, insegna l'educazione sessuale ma non l'educazione a essere persone, a cercare quello che è giusto per se, autorispettarsi e rispettare gli altri, ciò che difatti eviterebbe sta cultura della separazione, dell'occasionalità, del vanto di avere ex, e questo è un altro dei grandi paradossi delle nostre istituzioni

    poi a me non interessano discorsi del tipo che una volta si facevano 4 figli a famiglia e ora solo uno. Anche uno a coppia è troppo per il numero che abbiamo raggiunto come specie

    • ...Mostra tutti i contatti
    • ???6 mesi faSegnala

      Mi è piaciuto molto il tuo commento, e anche le tue risposte a questa persona che ti ha solo saputa offendere gratuitamente senza saper commentare (mi dispiace per questa persona se sono stata così diretta ma lui per primo non è stato corretto con te)

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 6 mesi fa

    Chi nega l'esistenza del complotto per eliminare la famiglia tradizionale, mente sapendo di mentire.

    A fare figli sono gli stranieri. Che sostituiranno le popolazioni locali.

    La famiglia funzionale nella società consumistica europea è allargata, multietnica, multisessuale, agerarchica.

    Si inizia con l'eliminazione del ruolo del capofamiglia, si prosegue con quella dell'autorità di ambedue i genitori e si conclude con figli oggetto di consumo per il mercato più redditizio che è quello della deviazione. Cosa se ne farebbe la società di bambini italiani diligenti figli di famiglie italiane tradizionali?

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 6 mesi fa

    Mah. Non mi sembra che sia vero quello che dici, con tutto il rispetto parlando per la tua domanda. Io vedo sempre più coppie sposarsi e avere figli prima o dopo (Pensa i miei ex compagni sono tutti sposati e con figli, alcuni hanno da poco avuto il secondo figlio) e alcuni colleghi di lavoro che ho conosciuto si sono sposati anche una seconda volta (persone di 40 e passi anni) quindi, non mi sembra che sia una verità generale la tua. In base alla mia esperienza. Poi, io non ho i dati dell'Istat ma a me sembra questo. Le persone si sposano e fanno i figli nonostante le difficoltà perché ci saranno sempre le difficoltà nella vita.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 6 mesi fa

    I giovani adulti di oggi (in genere) sono cresciuti in famiglie dove, per controbilanciare l'assenza, i genitori hanno facilitato la loro vita e risolto i loro problemi.

    Il giovane adulto di oggi (in genere) non concepisce il valore dell'impegno per raggiungere un obiettivo, della necessità di soffrire e stringere i denti quando necessario.

    La genitorialità (nei confronti di coniuge e figli) è un insieme di fattori, di valori, di impegni, che il giovane di oggi (in genere) non si dà la pena di studiare e quindi non la capisce e non la accetta.

    Il giovane adulto di oggi (in genere) non è capace di concepire e voler realizzare un progetto di vita, per tutta la vita.

    Preferisce (in genere) farsi guidare dalle sue esigenze personali, di volta in volta, prendendo e lasciando.

    Essere padre, e ancor piu' essere madre, oggi è molto impegnativo e il giovane adulto di oggi (in genere) non prende impegni.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 6 mesi fa

    Questa è la società liquida, io mi preoccuperei più dell'islamizzazione dell'europa

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    6 mesi fa

    molti si dividono perchè la donna vuole comandare e l'uomo deve tenere la coda tra le gambe....l'inverso di un tempo dove la donna doveva sottostare al volere dell'uomo.

    poi molte non vogliono fare sesso mai e l'uomo invece si incu lerebbe un cavallo ogni mattina appena sveglio.

    io fossi uomo metterei l'uccello in bocca a sberle alla mia donna e se non su ca son ca zzi.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    6 mesi fa

    Al giorno d'oggi non conviene fare figli e sposarsi.. Meglio rimanere liberi

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    6 mesi fa

    ..................

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    6 mesi fa

    É magari, è ora che sparisca.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 6 mesi fa

    Sono fasi che, da sempre nella storia delle società umane, si succedono in alternanza. Nel passato si sono succedute generazioni con natalità inflazionata e generazioni che, come nell'Italia attuale, si trovano a rappresentare una popolazione sbilanciata tra anziani e giovani, dove le condizioni per generare famiglie numerose e precoci sono molto rare e contrarie.

    Quindi quelle che possono sembrare realtà di questi tempi moderni, dovute alle varie implicazioni di quest'ultimi sugli sviluppi sociali, in realtà non sono delle novità assolute come possono apparire.

    Questo suggerisce che la famiglia è una struttura sociale mutevole e instabile ma altrettanto fondamentale e costante nel percorso della civiltà. Dire che sia in declino e destinata a scomparire credo sia ingiustificato e non veritiero.

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.