promotion image of download ymail app
Promoted
Diana ha chiesto in Scuola ed educazioneUniversità · 10 mesi fa

Com'è la laurea specialistica lm38 (lingue e letterature moderne per i servizi culturali) dell'università di Genova?

é ben organizzata, i professori seguono gli studenti? Se qualcuno ci studia o ci ha studiato, per favore vorrei qualche opinione..

1 risposta

Classificazione
  • 10 mesi fa
    Risposta preferita

    Ciao, io volevo fare il Dottorato di ricerca a Genova in Digital Humanities: uno schifo assurdo, e il corso da me nominato è l'ex Dottorato di ricerca in Lingue e letterature straniere. Una disorganizzazione assurda!

    Una Laurea magistrale in Lingue è utile solo ed esclusivamente se vuoi concorrere per diventare docente, altrimenti non fai una mazza, giacché il principio è: "Bene, sai parlare inglese/francese/tedesco/spagnolo a livello C1, ma che altro sai fare?". Ci sono laureati in Economia o materie giuridiche che hanno anche certificazioni di livello C1, se non C2, senza contare i madrilingua arabofoni/sinofoni/russofoni che di per sé parlano almeno 2-3 lingue.

    Una mia amica, per esempio, è laureata con la Lode in Economia (Magistrale) e lavora soprattutto grazie al DELE e al DALF. Il livello acquisito è pari a quello di un laureato in Lingue, ma con la competenza (non trascurabile) del settore economico.

    La LM38 ha due grossi limiti:

    1) generalmente si impartiscono insegnamenti che nei Dipartimenti di Economia o Scienze politiche si fanno al più tardi al secondo anno della triennale: economia aziendale, economia e gestione delle imprese (turistiche e non), marketing, diritto commerciale da una parte, dall'altra diritto dell'UE, diritto internazionale, sociologia, storia contemporanea, antropologia... insomma avresti un'infarinatura generale, certo una base aziendalistica o commerciale che però rimane inferiore a quella dei laureati in altri corsi, i quali, tuttavia, potrebbero avere una competenza linguistica pari alla tua (magari non sanno come gestire un corso di lingua, fare una traduzione letteraria, ma sapranno usare i linguaggi specialistici: non ci vuole molto a trovare un corso serio di Business English!).

    2) Il livello di lingua può essere alto (escludendo eventuali certificazioni linguistiche) solo se opti per le quattro lingue "classiche", poiché i corsi della triennale non partono da 0. Se fai russo e cinese (come ho fatto io), o altre lingue come polacco, ceco, serbo-croato, giapponese, arabo, hindi, coreano, turco, finlandese, ungherese o lingue scandinave, sappi che l'università non basta. Di questo ne sono consapevoli veramente pochi studenti di Lingue (forse 2 su 100), poiché troppa gente è allegramente ignorante del mondo reale. Ti dico: dopo la triennale ho fatto un Erasmus e lo SVE in Russia, al mio ritorno ho preparato l'esame della Magistrale di russo in tempo 0 perché il livello era basso (ma lo avrei trovato altissimo se non avessi passato un lungo periodo in Russia, e credimi il primo giorno avrebbero potuto parlarmi in tibetano, non lo avrei distinto dal russo). Un aneddoto: "vaffancùlo" si dice in tipo 12 modi diversi. Tutti appresi all'estero. Al mio ritorno le mie compagne discutevano con quelle di altre lingue: nella Magistrale, queste dicevano che i russi sono molto educati e non bestemmiano, quando io alla fine distinguevo tutto il turpiloquio che i russi riversavano dal supermercato alla strada. La lingua parlata non la sapevo: generalmente mi dicevano che parlavo come Tolstoj perché usavo espressioni sì corrette ma talmente complesse che nessun russo, neanche laureato in Slavistica, oggi userebbe (un po' come se un russo venisse a dirti in italiano: "oggigiorno vi è un meraviglioso sole, codesta giornata non prevede procella"); stessa cosa mi è capitata col cinese: dai camerieri che mi portavano il sushi a quelli che dirigono grosse aziende a Milano mi è stata detta la stessa cosa, cioè che parlo un cinese artificiale e molto (troppo) arcaico.

    Pertanto ti consiglio di puntare su altro: la LM 38 non va bene per l'insegnamento delle lingue straniere (solo per l'abilitazione per insegnare italiano L2 agli stranieri, ma dovresti conseguire, tra gli altri, anche 12 crediti di Lingua e letteratura latina).

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.