promotion image of download ymail app
Promoted

Sapete dirmi quali sono le lingue più importanti dal punto di vista della letteratura, cultura, poesia ecc.? (No del commercio).?

3 risposte

Classificazione
  • 10 mesi fa
    Risposta preferita

    Non c'è un primato assoluto: qualsiasi dichiarazione di un primato implica quello che in antropologia si chiama etnocentrismo. Ogni Paese, di per sé, ha una letteratura degna di prestigio, ma se non ha un'eco internazionale è solo per questioni commerciali. Io ho studiato la letteratura polacca, ungherese e serbo-croata: al di là del parere soggettivo che si può avere, ci sono dei premi Nobel ai più ignoti e opere che non hanno nulla da invidiare a Dante, Manzoni, Dickens o Dumas. Mai sentito parlare, che ne so, di Herling, Gombrowicz, Ivo Andric o Sandor Marai? Non credo. Eppure sono dei colossi per i propri Paesi di appartenenza, e non solo: quel polacco a tutti ignoti, Herling, è morto a Napoli nel 2000, e nelle sue opere parla anche di cose napoletane e italiane. Oltre a essere, tra l'altro, uno dei maggiori rappresentanti della letteratura del gulag.

    Io di specifico mi occupo di letterature comparate, quella disciplina accademica che vede la comparazione tra opere letterarie a prescindere dallo spazio geografico, permettendo quindi di superare il dato nazionale (oltre che la traduzione e il rapporto che la letteratura instaura con le altre arti: a me interessa il cinema per esempio).

    Ebbene la critica mossa alle letterature comparate è questa: mettere la letteratura europea occidentale al centro di tutto, principalmente inglese, francese e tedesca, per poi analizzare lo sviluppo di temi e motivi nella letteratura nordamericana. Neanche quella italiana, come quella spagnola, è stata presa in considerazione, se non per Dante e Cervantes.

    Ora la tendenza è quella di estendere i confini della ricerca all'Europa centro-orientale e quindi al mondo intero. Per dire: se studio la bellezza, parto dalla letteratura greca per poi approdare a una selezione di testi che abbia valore universale: per esempio Lolita, di Nabokov, Morte a Venezia di Thomas Mann, ma ci aggiungerei anche un romanzo ignoto come quello di Gombrowicz, Transatlantico (autore polacco che però ripara in Argentina dopo la Seconda guerra mondiale).

    Va quindi a gusto: a me piace la letteratura russa, e quella ho studiato, con tutti i suoi romanzieri del calibro di Tolstoj e Dostoevskij (pensa ad Anna Karenina, a Guerra e pace, alle Notti bianche, a Delitto e castigo... sebbene i due abbiano scritto molto più di quanto ci si aspetta!), e con una produzione poetica incredibile. Certo, se paragoni Russia e altri Paesi centro-orientali ti rendi conto della differenza quantitativa, ma ciò non deve andare a nascondere la qualità delle opere prodotte.

    Diventa stupido dirti che la letteratura francese è la migliore perché c'è Madame Bovary: io posso dirti allora che è migliore quella russa perché c'è Anna Karenina. Un altro ancora ti dirà che è meglio quella tedesca per Effi Briest.

    Insomma, hai tre romanzi che hanno parecchio in comune: ha più senso parlare di Weltliteratur, "letteratura mondiale", superando questa ridicolaggine dei Paesi più importanti. E' come chiedersi quale razza sia la migliore al mondo, è la stessa cosa sotto altre spoglie.

    Se poi a te interessa la produzione quantitativa in lingua straniera, beh, la risposta è più facile: inglese, francese, spagnolo e arabo, in quanto lingue policentriche parlate in più Paesi, e di conseguenza lingua letteraria di più ampio uso.

    Si parla infatti di letteratura inglese, letteratura anglo-americana e letteratura di lingua inglese (Canada, Oceania, India); dall'altra di letterature francofone (per i Paesi di lingua francese), nonché lingua e letteratura franco-canadese, oltre alla più "tradizionale" letteratura francese".

    Per lo spagnolo la differenza vige tra letteratura spagnola e letterature ispano-americane, con approccio comparatistico (nel senso che tutte le letterature prodotte in America latina vengono considerate nel loro complesso).

    Anche il portoghese prevede una distinzione tra letteratura portoghese, lingua e letteratura brasiliana e letterature africane di lingua portoghese (sao Tomé, Principe ecc).

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    10 mesi fa

    Italiano e tedesco

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 10 mesi fa

    Greco antico, latino, italiano, francese, inglese, tedesco, spagnolo, arabo, persiano, norreno, anglosassone.

    • ...Mostra tutti i contatti
    • Sashimi San
      Lv 6
      10 mesi faSegnala

      prese singolarmente hanno una ricca produzione di poesie, canti, leggende, fiabe e favole, fino all'uso letterario del siciliano. Non si può stilare una classifica, né un misero elenco di 12 righe (e il norreno rispetto allo svedese o al danese non ha prodotto nulla!).

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.