Anonimo
Anonimo ha chiesto in Arte e culturaFilosofia · 6 mesi fa

a cosa serve l'amore? ve lo siete mai chiesti?

Aggiornamento:

brother: tu parli da uomo ferito...e poi non tutti si fanno le corna

Aggiornamento 2:

bravo filippo!! "non tutti sanno amare", quanto è vero!!

Aggiornamento 3:

侘寂 : bella questa definizione!!! sarebbe interessante se completassi il tuo pensiero con maggiori delucidazioni! se ti va, ti leggo volentieri!

scalzo: il tuo punto di vista è molto particolare! mi ha colpito! mi stupisce anche il fatto che in questa "desolata terra" di answers sia rimasto ancora qualcuno dalla mente così brillante!

7 risposte

Classificazione
  • 6 mesi fa

    Probabilmente l'amore è nato dall'evoluzione dell'istinto protettivo che possono avere tra loro membri animali o umani appartenenti alla stessa tribù. L'amore tra amici e parenti è dato dal senso di protezione che uno ti da e dalla gratitudine (l'affetto, l'attaccamento) che gli ricambi. L'amore passionale invece è creato dall'attrazione tra due esseri che provano reciprocamente e che provano un senso di protezione simile a quello tra amici e parenti. Serve a trovare un partner, vuole farti trovare un partner. E serve a proteggerti. Ma non sempre l'amore è spiegabile e classificabile. E non tutti riescono ad amare. Non tutti gli animali. Non tutti gli uomini

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 6 mesi fa

    Ognuno di noi ha idee diverse ...

    ─ sia sulla << idea >> (che cos'è) del concetto amore;

    ─ sia sul << senso >> (a cosa serve) dell’idea amore.

    Tanto per fare un esempio banale, se l’AMORE fosse un sinonimo di << attrazione sessuale >> (cosa che pensano in tanti), allora noi NON dovremmo poter affermare che il cane "ama" il suo padrone ... e nello stesso tempo dovremmo SÌ affermare che la vedova nera "ama" il ragno maschio … che intende divorare.

    Personalmente io penso che la << attrazione sessuale >> sia un sinonimo della parola ARDORE e questa non c’entra nulla con l’AMORE … che invece è quella cosa che tiene unito un branco. Ossia l’amore è la caratteristica fondamentale che accomuna tutti gli animali (intelligenti) sociali e li distingue dagli animali primordiali od asociali.

    Detta in altre parole l’AMORE un sinonimo di << profonda conoscenza >>, ossia tanto per ripetere un mio pensiero …

    << La conoscenza è come il calore: non c’è (forse) un limite verso l’alto, oltre una certa soglia (però) diventa incandescente … è amore! >>

    ===================

    Controprova

    ===================

    Se l’AMORE fosse un sinonimo di << conoscenza >> allora il suo CONTRARIO non sarebbe l'<< odio >> (quella cosa inspiegabile e tipica del demonio) ma sarebbe ... l'<< ignoranza >> e la << paura >>!

    Proviamo a vedere se il discorso torna.

    Il cane - ogni volta che vede qualcuno che ben conosce - festeggia a più non posso, viceversa quando vede un estraneo diventa aggressivo … come mai???

    Forse perché dell'estraneo ne IGNORA ogni cosa e dunque … ne ha PAURA???

    ☺☺☺☺☺☺

    PS. Per poter pensare che tutto sia spiegabile (capibile, commensurabile), bisogna partire dal presupposto che qualunque cosa noi osserviamo ... DEVE ESSERE sensata: ogni cosa DEVE ESSERE legata (interlacciata, intrallazzata, interconnessa) a noi e DEVE ESSERE legata a tutte le altre cose!

    Cioè se nel mondo regnasse il "non senso", noi non avremmo oggetti con cui commisurare (confrontare, spiegare, capire) quello che noi vogliamo misurare.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 6 mesi fa

    A nobilitare l'animo...

    Attachment image
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 5 mesi fa

    Per riuscire a provare Amore, bisogna innanzitutto provare rispetto per la vita e per se stessi. Con questo metro di misura si deve vedere l'altro/a come una parte di se stessi, tenere quindi alla sua tutela e alla sua protezione. Pensare che l'amore sia soltanto un'esigenza di conservazione della specie, mi sembra troppo poco. A mio avviso l'Amore rappresenta un bisogno di espansione dell'essere, al fine di dare un significato alla propria esistenza e per realizzare questa condizione, proietta la propria benevolenza verso altri soggetti amandoli, pur rischiando di non essere apprezzato, di venire deluso e perciò di soffrire, perché non amando la sua sofferenza esistenziale non potrebbe essere che maggiore.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    6 mesi fa

    L’amore ha sfumature diverse, nel senso che la stessa parola ha valore diverso a seconda del contesto.

    Amore materno/paterno/familiare ha un valore che è diverso da amore per l’arte, oppure da amore inteso come sesso.

    L’amore materno/paterno/familiare è condizione per cui gli adulti proteggono i cuccioli e i cuccioli esprimo questo impegno dei genitori con effusioni.

    Questo sentimento da anche vita all’aiuto reciproco che si ha nella vita di branco, e l’essere umano è un animale gregario.

    In definitiva l’amore, lasciando da parte il significato sessuale, è un meccanismo evolutivo che serve agli animali per proteggere/aiutare/crescere i cuccioli e per il branco stesso.

    Negli esseri umani e negli animali superiori i processi cognitivi maggiori hanno dato vita a un sentimento che non è solo per vantaggio della specie, ma fine a se stesso.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 6 mesi fa

    Non esiste perchè l'essere umano non ne prova. Lo si nota dal fatto che fanno tutti le corna e fanno cattiverie

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 6 mesi fa

    No, io penso solo al sesso

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.