Alle superiori c'è sempre il più bello e il più brutto.. la volete conoscere sta storia?

Sono una ragazza, quando andavo alle superiori ero uno sgorbio. Nel pieno della pubertà, sapevo giusto farmi la doccia e vestirmi... Così i miei compagni di scuola pensarono bene di iniziare a prendere in giro un altro ragazzo, quello che banalmente finiva sempre tra quelli considerati più brutti. Era alto, ossuto,... visualizza altro Sono una ragazza, quando andavo alle superiori ero uno sgorbio. Nel pieno della pubertà, sapevo giusto farmi la doccia e vestirmi... Così i miei compagni di scuola pensarono bene di iniziare a prendere in giro un altro ragazzo, quello che banalmente finiva sempre tra quelli considerati più brutti. Era alto, ossuto, con dei capelli banali leggermente ricci marroni. Di viso non era granché perché aveva il naso grande, occhi infossati.. fisicamente troppo magro, scoordinato e impacciato, timido. Ce le aveva addosso tutte lui.
Inclusa la presa per i fondelli, perché lo scherzavano tutti dicendo che gli piacevo (la più brutta delle ragazze).

Non ho mai capito se io gli piacessi, con me era gentile anche se faceva fatica a parlarmi e ricordo che quando ci avevano messi vicini di banco per un mese a stento mi rivolgeva la parola. Era come se gli avessi fatto un torto assurdo. Eppure non gli stavo antipatica, adesso siamo amici.

Però ai tempi, io non lo consideravo brutto. Anzi, da ragazzini non si è tutti perfetti... Passano gli anni è anche diventato un bell'uomo. Anche se gli altri lo prendevano in giro a me non è mai sembrato un cesso come altri dicevano.

Morale della favola: se ci avesse provato, ammesso che gli piacevo davvero e non se lo fossero inventato per prenderlo in giro, non avrebbe preso in rifiuto.
La gente non capisce niente...
4 risposte 4