Sono stata molestata in autobus?

Premetto che sono una ragazza di 16 anni. Qualche giorno fa dovevo uscire con delle amiche e, come ogni giorno, ho preso l'autobus. La ragazza con cui lo prendo di solito però non c'era, quindi ero sola. Salgo ed era quasi vuoto, fatta eccezione per un uomo sui quarant'anni, seduto in fondo; so chi è, è... visualizza altro Premetto che sono una ragazza di 16 anni. Qualche giorno fa dovevo uscire con delle amiche e, come ogni giorno, ho preso l'autobus. La ragazza con cui lo prendo di solito però non c'era, quindi ero sola. Salgo ed era quasi vuoto, fatta eccezione per un uomo sui quarant'anni, seduto in fondo; so chi è, è un drogato delle mie parti, ma non aveva mai dato fastidio a nessuno. Mi siedo, e dopo qualche minuto me lo ritrovo di fianco, che mi bloccava qualsiasi uscita, e mi ha chiamata. Mi tolgo le cuffiette ma lui non rispondeva più, quindi non capivo se gli servisse qualcosa. Dopo qualche secondo di silenzio, mi inizia a fare domande e mi chiede dove stessi andando. Io rispondo per educazione ma non lo guardo nemmeno in faccia, però pensavo che se ne sarebbe andato via subito. Poi mi ha chiesto dove dovevo scendere, e lì mi si è gelato il sangue. Ho smesso di rispondere, e lui ha iniziato a dire che sarebbe sceso con me. Mi sono spostata e sono andata accanto all'autista, ma mi ha seguita e continuava a dirmi che sarebbe sceso con me. Non sapevo che fare, e ho iniziato a dirgli di andarsene, di lasciami stare perché ero stanca. Ad un certo punto è sceso, dicendo che sapeva chi ero, e che un giorno sarebbe sceso con me. L'autista, vedendo e sentendo tutta la scena non ha detto NIENTE. Quando sono scesa sono scoppiata a piangere. Devo prendere il bus da sola per altri quattro giorni e non so che fare, sono disperata, non ho altro modo per spostarmi.
3 risposte 3