Gabriele ha chiesto in Arte e culturaFilosofia · 3 mesi fa

Cos'è secondo voi la cosa più illogica? Nessuna restrizione, ascolterò ogni risposta, but just no memini?

6 risposte

Classificazione
  • 1 sett fa

    Dal punto di vista umano: Nascere e morire.

  • 3 mesi fa

    Sentirsi razionalisti e nello stesso tempo vedere non razionalità dappertutto!

    • • •

    Il razionalismo nasce con Pitagora, il quale ci lasciò in eredità il motto che sta alla base di tutta la scienza passata e moderna. Non mi sto riferendo al troppo cervellotico motto dei miscredenti … << L'onere della prova è a carico di chi afferma una qualche cosa e non certo a carico di chi quella cosa la nega! >> … bensì mi riferisco al motto: << Tutto è numero! >>.

    In realtà Pitagora anziché la parola << numero >> tirò in ballo la << logica >>! E questo perché ai suoi tempi la logica (il logos) era la << divisibilità >>, ossia la << commensurabilità >>, ossia la << razionalità >>.

    Insomma, a voler essere precisi, la decodificazione corretta del pensiero di Pitagora sarebbe << Tutto è numero razionale >>, pensiero poi accorciato in << Tutto è razionale! >>.

    Ho raccontato questo episodio per cercare di far capire che:

    Il razionalista non è una persona che si distingue per quel suo singolare essere razionale … il razionalista è una persona che vede la razionalità (o spiegabilità) in ogni cosa.

    ═════════════════════════ • ═════════════════════════

    Nella vita e negli scacchi non bisogna mai sottovalutare gli avversari! Non tanto

    per evitare pessime figure, quanto per dissuadere il nostro cervello da quel suo

    brutto vizio a cercar scuse per vivere nell'ozio.

    ═════════════════════════ • ═════════════════════════

    La sottovalutazione è una scusa per evitare l’impegno: << Tanto si vince comunque >>! Ma attenzione, anche la sopravvalutazione è la stessa scusa rigirata di 180 gradi: sarebbe un inutile spreco di energie tenere impegnato il proprio cervello … quando è evidente che si perderà comunque.

    In un certo senso l'intelligenza è simile ad paio occhi che percepisce SOLO e SOLAMENTE la UGUAGLIANZA! Cioè ogni cosa (uomo, animale, sasso o altro) ci appare come un sottile spiraglio di luce: resta insignificante fintantoché la guardiamo dall’alto in basso o dal basso in alto, se però la incrociamo all’altezza dei nostri occhi … di colpo osserveremo tutta la sua luminosità!

  • 3 mesi fa

    Non lo so ma potrebbe essere proprio come dici, un compendio di inelluttabili mancanze che sfociano inn un ventilatore elettrico e in una pala da pizza napoletana

    • Ecco la risposta che stavo cercando! è una pletora di certezze così ovvie da passare inosservate... 

  • Anonimo
    3 mesi fa

    L'idea di Dio la trovo di una illogicità e falsità assolute.

    Se un Dio fosse esistito, è logico che sarebbe stato ben visibile insieme a tutti noi in un mondo completamente differente da questo che invece è un mondo in cui Dio manifestamente non esiste.

    • Inoltre l'idea di un Dio, di un governatore alle redini del destino di tutti, alla fine è nata dalla necessità dell'uomo di voler avere ''le spalle coperte'', nel senso, di voler avere delle sicurezze in quel allora mondo con pochissime certezze.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • tutte le religioni, indiscriminatamente senza eccezione alcuna.

    • concreta quindi per quanto mi riguarda possono essere tranquillamente abolite, è qualcosa di cui l'uomo (inteso come umanità) non ha più bisogno. ma la loro assenza di logica è cosa che le contraddistingue sin dall' alba dei tempi

  • 3 mesi fa

    Magari le emozioni

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.