Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Un dio che crea la catena alimentare è di amore?

Dio crea di punto in bianco una caterva di piante di animali, uomo compreso; e per sopravvivere debbono necessariamente uccidere sbranere sopraffare gli altri per sopravvivere:

https://www.dailymotion.com/video/xr6tt0

https://www.youtube.com/watch?v=KbVa9ThqeV4

https://youmedia.fanpage.it/video/ag/XBOP8OSwD5Rev...

... di tanto in tanto anche l' uomo è vittima di attacchi di animali.

Dove è l' amore di questo fantomatico dio che onniscientemente è consapevole spettatore di scene a mio parere raccapriccianti?

Dove è l' amore, la potenza di Dio che poteva creare tutto senza ricorrere a simili mezzi cruenti per sopravvivere?

... a volte è l' uomo stesso ad essere superiore a Dio:

https://www.youtube.com/watch?v=HBbeEH9hbZM

... ed anche gli animali:

https://www.youtube.com/watch?v=NTcw012d2ag

https://www.youtube.com/watch?v=xFWQaWWcswc

Grazie delle risposte.

7 risposte

Classificazione
  • 2 anni fa
    Risposta preferita

    non sappiamo se esiste una mente mostruosa capace di concepire appunto orrori come le catene alimentari. Questo è uno dei motivi che porta a escludere l'esistenza di dio. Motivi sia logici che etici.

  • astro
    Lv 4
    2 anni fa

    Quando Dio creò gli uomini e gli animali perché vivessero su questa terra, non li fece con istinti sanguinari. Furono creati perché avessero relazioni pacifiche gli uni con gli altri. Perciò le condizioni erano completamente diverse da quelle attuali. È scritto che “Dio vide poi tutto ciò che aveva fatto, ed ecco, era molto buono”. — Genesi 1:31.

    Le creature umane dovevano tenere amorevolmente sottoposti “i pesci del mare e le creature volatili dei cieli e ogni creatura vivente che si muove sopra la terra”. (Versetto 28) Nessuno degli animali che erano nel giardino di Eden aveva istinti sanguinari. Non rappresentavano una minaccia per l’uomo, né l’uomo rappresentava una minaccia per gli animali.

    Nella sua Parola Dio dice chiaramente riguardo alle prime creature umane: “Io vi ho dato tutta la vegetazione che fa seme sulla superficie dell’intera terra e ogni albero sul quale è il frutto d’un albero che fa seme. Vi serva di cibo”. (Genesi 1:29) Quindi l’uomo non uccideva gli animali per mangiarli.

    E di che cosa si nutrivano gli animali? Il racconto ispirato dice: “A ogni bestia selvaggia della terra e a ogni creatura volatile dei cieli e a ogni cosa che si muove sopra la terra in cui è vita come un’anima ho dato tutta la verde vegetazione per cibo”. O, come dice la versione della CEI: “A tutte le bestie selvatiche, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli esseri che strisciano sulla terra e nei quali è alito di vita, io do in cibo ogni erba verde”. — Genesi 1:30.

    Per cui quando Dio fece le creature umane, le mise in un pacifico paradiso detto Eden. Le fece perché vivessero in pace con gli animali, e né gli uomini né gli animali dovevano commettere azioni violente o uccidere per procurarsi il cibo. E gli uomini dovevano fare in modo che le cose restassero così avendo cura di sé, degli animali e del giardino paradisiaco che insieme ai loro discendenti avrebbero esteso infine a tutta la terra. — Genesi 1:27, 28.

    I problemi dell’umanità cominciarono quando i nostri primogenitori abusarono del loro libero arbitrio. Furono indotti da una ribelle creatura spirituale a credere di poter determinare il bene e il male senza l’aiuto di Dio. Vollero essere indipendenti da Dio. Ma non fu colpa del Progettista. “La sua attività è perfetta, poiché tutte le sue vie sono dirittura. Un Dio di fedeltà, presso cui non e ingiustizia; egli e giusto e retto”, dice la Bibbia. Sono i ribelli i responsabili delle conseguenze della ribellione: “Da parte loro hanno agito rovinosamente; non sono suoi figli, è il loro proprio difetto”. — Deuteronomio 32:4, 5; Genesi 2:15–3:24.

    Poiché gli uomini volevano l’indipendenza, Dio gliela diede. Ma non li avrebbe più sostenuti nella perfezione. Così vennero all’esistenza l’imperfezione e la morte. (Romani 5:12) E Dio lo permise — per un certo tempo — affinché tutti vedessero cosa sarebbe costato all’umanità, agli animali e alla terra seguire una condotta indipendente. Dio l’ha permesso per tutte queste migliaia d’anni affinché le tristi conseguenze della ribellione fossero manifeste una volta per tutte.

    Pertanto fu l’indipendenza da Dio e dalle sue leggi ad avviare l’uomo sulla via dell’imperfezione, della violenza e della morte. E quando l’uomo si volse all’illegalità, anche la restante creazione terrestre divenne caotica. L’uomo non esercitava più amorevole dominio sopra gli animali. Poiché gli uomini non sono in grado di governarsi pacificamente, non sorprende che gli animali siano nelle stesse condizioni.

    Gli animali, che in Eden erano vegetariani come le creature umane, cominciarono a nutrirsi l’uno dell’altro, e alcuni anche a divorare uomini all’occorrenza. (Genesi 1:30) Dopo il Diluvio inoltre, come concessione per la sua sopravvivenza, l’uomo fu autorizzato a mangiare carne animale. — Genesi 9:2-4.

    Ma che dire di quelle caratteristiche degli animali e degli uomini che sono usate per ferire e uccidere? Dato che Dio aveva creato una grande varietà di diverse caratteristiche, molte poterono adattarsi alla nuova situazione per permettere la sopravvivenza.

    Per esempio, la maggioranza degli animali avrebbe continuato a mangiare la vegetazione, come avviene ancor oggi. Un esempio è quello del possente gorilla, con i suoi terribili denti, denti usati ancora per strappare e divorare pesante vegetazione. Ma altri si adattarono a mangiare carne. I predatori però costituiscono solo una piccolissima percentuale degli animali.

    La Bibbia parla della “restaurazione di tutte le cose”. (Atti 3:21) Mostra inequivocabilmente che il misero esperimento di indipendenza da Dio tra breve avrà fine. Sia le malvage forze spirituali che sono nei luoghi celesti che gli uomini ribelli sulla terra saranno eliminati, preparando il terreno per “nuovi cieli e nuova terra [nei quali] dimorerà la giustizia”. — II Pietro 3:13; vedi anche Proverbi 2:21, 22; Rivelazione 19:11-21.

    Quindi saranno gradualmente ripristinate le condizioni edeniche, paradisiache. (Luca 23:43) Saranno così riportate la pace e l’armonia fra gli uomini e gli animali, che non si mangeranno più a vicenda. La Bibbia dice in Isaia 11:6-9: “In effetti il lupo risiederà temporaneamente con l’agnello, e il leopardo stesso giacerà col capretto, e il vitello e il giovane leone fornito di criniera e l’animale ingrassato tutti insieme; e un semplice ragazzino li condurrà. E la vacca e l’orso stessi pasceranno; e i loro piccoli giaceranno insieme. E pure il leone mangerà paglia proprio come il toro. E il piccino lattante per certo giocherà sulla buca del cobra; e un bambino svezzato effettivamente metterà la sua propria mano sull’apertura per la luce di una serpe velenosa. Non faranno nessun danno né causeranno alcuna rovina su tutto il mio monte santo”.

    Anche fra gli uomini ci sarà pace assoluta: “[Dio] fa cessare le guerre fino all’estremità della terra. Frantuma l’arco e taglia a pezzi la lancia; brucia i carri [da guerra] nel fuoco”. — Salmo 46:9.

    È quindi con buone ragioni che l’ispirata profezia biblica dice quanto segue riguardo al nuovo ordine che il Grande Progettista presto stabilirà: “I mansueti stessi possederanno la terra, e in realtà proveranno squisito diletto nell’abbondanza della pace”. — Salmo 37:11; Matteo 5:5.

    Pertanto le conseguenze della ribellione saranno cancellate

  • n
    Lv 4
    2 anni fa

    (che mi si corregga se sbaglio perché non me ne intendo assolutamente)

    approccio 1: nel mondo cristiano, nel giardino dell'Eden, tutti gli animali erano innocui (cosa questo voglia dire non lo so, probabilmente erbivori...) Poi c'è la storia del frutto proibito, la mela... (può essere interpretata come metafora della conoscenza o della scienza...) comunemente noto come "il peccato originale" che ci allontana da Dio e ci condanna.

    approccio 2: nel mondo buddista o induista (ricordo che il concetto di Dio per loro è diverso) la "carne" si reincarna. Muori uomo e rinasci vacca, o topo, o elefante... a seconda delle tue azioni in vita. Ti liberi dell'esistenza terrena solamente in un caso: NON REINCARNANDOTI.

    Morale: posto che la morte è parte integrante della vita, la seconda (teologicamente parlando) mi sembra enormemente sopravvalutata.

    Ergo puoi sopravvivere a tutti i leoni d'Africa e a tutti i coccodrilli del Nilo ma alla fine poi schiatti tu come schiattano tutti gli altri. Sposterei quindi l'asse del ragionamento dal COME al COSA... Ed eventualmente al PERCHE'... ;-))

  • Nick
    Lv 7
    2 anni fa

    Dio infatti è un ingegnere pragmatico, mica un filosofo da bar...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • ?
    Lv 7
    2 anni fa

    Negli atti degli apostoli Pietro ha una visione di una tovaglia che scende dal cielo con dentro deguli animali e Gesù gli dice di ammazzarli e mangiarli

  • Piero
    Lv 7
    2 anni fa

    Dio è Amore quindi devi tu creatura sforzarti di vedere le cose secondo il pensiero di Dio, non il contrario altrimenti si creano mostri come l'amore omosessuale o il correlato amore pedofilo che sono ben peggiori dell'animale sbranato per sopravvivenza. Neppure da nominare l'assassinio per aborto voluto richiesto dalle madri.

  • .
    Lv 6
    2 anni fa

    Secondo le loro leggende, la vita un tempo (nessuno ovviamente sa quando) era eterna e tutti vivevano in pace.

    Questo mi è stato detto da un Testimone di Geova, ed io ho risposto che dopo 5 minuti chiunque si sparerebbe un colpo in bocca, anche il più insospettabile.

    Se davvero Dio esistesse, non avremmo la fame nel mondo, la povertà, le guerre, ne tanto meno ci sarebbe stato l'Olocausto, ma l'unica cosa che sanno dire quando glielo chiedi, è che ha avuto ed ha i suoi motivi, questo a dimostrazione che non sanno nemmeno loro come rispondere alle loro stro**ate.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.