Vizi o virtù.... LETTERARIE📕?

Raccontami una figura letteraria che ti ha colpito in positivo o in negativo, per i suoi vizi o le sue virtù.

Ho iniziato a leggere "I fratelli Karamazof" e già sono tremendamente infastidita dal padre di questi tre fratelli, Fedor, un libertino lussurioso, menefreghista e pure cattivo.

Grrrr.... Grrrr...

8 risposte

Classificazione
  • 4 sett fa

    Mi viene in mente Patrick Bateman in “American Psycho”, di Bret Easton Ellis...in effetti credo di non essere riuscita a finire di leggere il romanzo per la crudezza del personaggio.

    Per il positivo devo pensarci...ce ne sono molti, e tante donne specialmente ( tipo Clara ne " La Casa degli Spiriti" di Isabel Allende ).

  • 4 sett fa

    C'è un personaggio letterario di cui ho subìto l'orrore e la fascinazione, credo uno dei peggiori mai incontrati, e che tuttavia non posso odiare: il Conte Lucien Jampolsky de "La fortezza" di Singer.

    E poi Valmont de "Le relazioni pericolose" di Laclos, per il quale nutro grande simpatia.

    La cattiveria animale, sorda, imperdonabile, è quella dei Thénardier (la coppia che cresce la piccola Cosette) ne "I miserabili" di Hugo.

    I personaggi davvero e perfettamente buoni della letteratura mondiale sono due: Don Chisciotte di Cervantes e il Principe Myskin, "L'idiota" di Dostoevskij.

    Un posto a parte occupa Javert, sempre nel romanzo di Hugo, che, a dispetto di quel che si dice di lui, ammiro profondamente per la coerenza dimostrata alla fine, che lo riscatta di tutto.

    Chi lo giudica solo come "il gendarme, il guardaciurma, la giustizia che non sa commentare" (parole di Baudelaire), non ne ha visto le profondità.

    In una scena del romanzo, Javert, sulle tracce di Jean Valjean, interroga Suor Simplicia, una suora conosciuta per la sua sincerità e la sua incapacità di proferire menzogna.

    La suora gli mente.

    Javert le crede ciecamente, neppure per un momento sospetta in lei la menzogna, perché la menzogna non appartiene a lui!

    In quel momento l'ho sentito fratello.

  • 4 sett fa

    Positivo o negativo non ho un polarizzatore per capirlo, per me è un personaggio letterario di fantasia, e stop. Può più o meno farmi simpatia. Fatto sta che Switters, il protagonista del romanzo che sto leggendo, incarna entrambi, vizi e virtù; è uno a cui piacciono le ragazze giovanissime, quelle alle quali ancora la pelle non si è afflosciata. Personaggio complesso e contraddittorio, conosce la parola vagina in tutte le lingue del mondo, un latin lover con la passione per le adolescenti, brama un rapporto intimo con la sorellastra di sedici anni. È un agente segreto, senza pistola, perché lui stesso è una pistola.

    Titolo: Feroci invalidi di ritorno dai paesi caldi, di Tom Robbins. Il più pericoloso scrittore vivente, secondo definizione della critica.

  • 4 sett fa

    Quando leggerai (mai) Le undicimila verghe, Le 120 giornate di Sodoma o Eugenie De Franval avrai chiara la mia risposta :)

    • Mi basta sapere che azioni abominevoli che compirono gli abitanti di Sodoma ai tempi di Lot, e quando la città fu data alle fiamme. :)

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Serena
    Lv 7
    4 sett fa

    Perdonami ma non mi viene in mente nulla al momento, ci penserò 😸

    Ah sì, il giovane amico di Davide Copperfield, quello cinico che seduce una ragazza e le rovina la vita. Bello, intelligente ma spietato.

    Per inciso si rovina la vita da solo.

  • 4 sett fa

    i compiti te li fai da solo

  • 4 sett fa

    La metamorfosi di Franz Kafka

  • 4 sett fa

    La bibbia e il vangelo. Ciao

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.