Potrei essere un sociopatico?

Vi spiego la mia storia. C é questa ragazza che conobbi quando andai alle scuole superiori in 1 superiore, molto lunatica e difficile ma anche molto fragile per via di suoi traumi passati. La stessa cosa si può dire per me, con la differenza che la sua fragilità si dimostra con le altre persone, a me no. Praticamente questa ragazza ha fatto una brutta fine(almeno questo è quello che mi ha detto un suo caro amico) e si è messa con una persona cattiva(che peró altri 2 miei amici mi dicono che è buono e che è lei la ******* che fa passare lui per cattivo), anche se io molte volte l ho vista molte volte piangere per avermi ferito(perché ho affermato che la amo e lei ha detto che lo sapeva ma che non ci poteva fare niente). Detto questo non so se posso fidarmi di lei oppure no, ma so che neanche io sono affatto tutto d un pezzo. Quando penso a lei scoppio in lacrime perché mi dispiace per quello che ho fatto(non aiutarla), ma é come se non riuscissi ad amarla. Quando sono vicino a lei mi viene dentro qualcosa come se avessi mangiato tre KG di pasta al sugo che peró viene bloccata, e quindi stranamente sfocia nell aggressività e nella dipendenza affettiva, e questo con tutte le ragazze che conosco. Riesco solo a provare affetto per lei come se avessi sviluppato un istinto materno(perché i sociopatici hanno la coscienza danneggiata sebbene ce l hanno comunque a differenza degli psicopatici, quindi possono soffrire). Ora sono in 3 superiore e non é cambiata la sit. Che ne pensate?

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 anno fa

    Tu dici che non riesci ad amare questa ragazza, che provi quelle sensazioni quando sei con lei e ti è successo anche con altre ragazze. Quello che fai tu è che ti forzi a volerla amare ma questo non lo puoi fare per forza. Ecco il perché di quello che senti. Non sei obbligato e se succederà avverrà spontaneamente oppure se proprio e passato tanto tempo devi lasciar perdere. Non sei un sociopatico per questo. 

  • 1 anno fa

    Direi che qui non possiamo darti risposte, dovresti parlarne con uno psicologo o uno psichiatra per capire meglio la tua situazione.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.