Salvatore ha chiesto in Arte e culturaPoesia · 11 mesi fa

Salve potreste farmi un testo poetico in forma di acrostico con il nome Salvatore?

Grazie a chi lo farà

5 risposte

Classificazione
  • asso
    Lv 7
    11 mesi fa

    Senza

    Affrettanza

    La

    Vita

    Avanza.

    Turpiloquio +

    Orazione

    Rigenera l'

    Equazione

    Totò, capisci che il tuo nome contiene il senso di tutte le cose? 

  • Marco
    Lv 5
    10 mesi fa

    Si

    Alza

    Lieve,

    Verso

    Agresti

    Tramonti,

    Ogni

    Refolo

    Etereo

  • 11 mesi fa

    La storia dietro il giardino

    Ecco il resoconto di come questo bellissimo inno fu scritto dallo scrittore dell'inno, C. Austin Miles, lui stesso: “Un giorno nell'aprile del 1912, ero seduto nella stanza buia dove tenevo le mie attrezzature fotografiche e anche il mio organo. Ho disegnato la mia Bibbia verso di me e si è aperta al mio libro e capitolo preferiti, John, capitolo venti. Non so se questo sia stato per caso o per opera dello Spirito Santo. Ti lascerò decidere dal lettore. Quella storia di Gesù e Maria in Giovanni 20 non aveva perso nulla del suo potere e del suo fascino.

    Anche se ero in trance, mentre lo leggevo quel giorno, mi sembrava di far parte della scena. Sono diventato un testimone silenzioso di quel momento drammatico nella vita di Maria quando si è inginocchiata davanti al suo Signore e ha gridato "Rabboni". Appoggiai le mani sulla Bibbia aperta, mentre fissavo il muro azzurro. Mentre la luce sbiadiva, mi sembrava di essere in piedi all'ingresso di un giardino, a guardare un sentiero dolcemente tortuoso, ombreggiato da rami di ulivo. Una donna in bianco, con la testa, china, con la mano che le stringeva la gola, come per soffocare i singhiozzi, camminò lentamente nell'ombra. Era Maria. Quando arrivò alla tomba, sulla quale posò la mano, si chinò per guardare dentro e corse via.

    John, con una tunica fluente, apparve guardando la tomba. Poi venne Pietro, che entrò nella tomba, seguito lentamente da Giovanni. Mentre se ne andavano, Mary riapparve appoggiando la testa sul braccio alla tomba, pianse. Voltandosi, vide Gesù lì in piedi, e anch'io I. Sapevo che era Lui. Si inginocchiò davanti a lui, con le braccia aperte e guardandolo in faccia gridò "Rabboni".

    Mi sono svegliato alla luce del sole, afferrando la mia Bibbia con i muscoli tesi e i nervi che vibrano, sotto l'ispirazione dello Spirito Santo. Ho scritto con la stessa rapidità con cui le parole potevano essere formate il testo esattamente come viene cantato oggi. Quella stessa sera, ho scritto la melodia. È cantato oggi come è stato scritto nel 1912. ”

    In giardino

    Vengo nel giardino da solo,

    Mentre la rugiada è ancora sulle rose,

    E la voce che sento cadere sull'orecchio,

    Il Figlio di Dio rivela ...

    E cammina con me e parla con me

    E mi dice che sono suo,

    E la gioia che condividiamo mentre ci fermiamo lì,

    Nessun altro, mai, conosciuto!

    Parla e il suono della sua voce,

    È così dolce che gli uccelli zittiscono il loro canto,

    E la melodia che mi ha dato,

    Nel mio cuore sta suonando. . .

    E cammina con me e parla con me

    E mi dice che sono suo,

    E la gioia che condividiamo mentre ci fermiamo lì,

    Nessun altro, mai, conosciuto!

    E la gioia che condividiamo mentre ci fermiamo lì,

    Nessun altro, mai, conosciuto!

    - Parole e musica di C. Austin Miles, 1912

  • Anonimo
    11 mesi fa

    salvatorrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrre

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    11 mesi fa

    xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.