Qualcuno potrebbe spiegarmi quello che sta succedendo in Siria?

Sono solo un ragazzino e nessuno me ne parla mai, ma io ne sono interessato...

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 mese fa

    Tutti gli Stati arabi sono non democratici anche quando vi si svolgono elezioni. Vi si svolgono elezioni come retaggio del colonialismo occidentale che ha preteso che anche popoli non adatti alla democrazia andassero a votare per eleggere i loro parlamenti.  Quindi tutti gli Stati arabi sono dittature sia pure diverse tra loro più o meno oppressive.    Alcuni Stati arabi si avvicinano molto ai modelli occidentali di democrazia (il Libano soprattutto, ma anche lì la situazione sta sempre più degenerando e prima o poi anche lì si tornerà ai bagni di sangue tradizionali di tutti i Paesi arabi).    Nel 2011 si diffuse in vari Stati arabi la cosiddetta primavera araba, cioè una serie di grandi manifestazioni popolari per rovesciare alcuni dei dittatori di alcuni degli Stati, e finirono per essere rovesciati quello di Libia (Gheddafi), quello di Tunisia (Ben Ali) e quello d'Iraq (Saddam Husein). In Libia è rimasta da allora una situazione di guerra civile permanente ed anarchia. In Iraq idem ma con un governo che spara sui dimostranti come al solito. In Tunisia vi è il precario miracolo momentaneo di un governo che potrà sopravvivere almeno fino a quando gli integralisti musulmani non riusciranno a trovare il modo di rovesciarlo, e basterebbe per far precipitare la situazione che tornino in patria i foreign fighters tunisini che erano andati a dar man forte al califfo dell'Isis (e che sono migliaia e ben addestrati).

    In Siria è successo, grazie al provvidenziale intervento di Putin, che si è salvato ed è rimasto al potere il dittatore locale, Assad, che stava per essere rovesciato (e al suo posto sarebbe andato al potere un fondamentalista musulmano nemico giurato dell'occidente). Anche se è un dittatore, come è inevitabile per tutti gli Stati islamici, è almeno un amico dell'occidente ( e infatti i cristiani siriani sono tutti pro-Assad).

    Per fortuna ora c'è Putin a salvaguardare i nostri valori occidentali, dato che Trump va considerato ormai un infame traditore,  per come ha trattato la questione siriana e per come ora sta trattando i valorosi curdi.

  • ept
    Lv 7
    1 mese fa

    i Curdi, hanno contribuito in modo davvero efficiente a contrastare Isis.

    Lo spirito Curdo lo trovi speigato abbastanza bene alla fine dell'articolo di Huffingon post di gennaio 19 ma non solo li.

    Ma i Curdi sono un popolo senza stato, esattamente come lo erano gli Ebrei prima della nascita di Israele, e come era per gli Ebrei ancora lo è per i Curdi. Non si perde occasione di perseguitarli e di approfittare di loro.

    Gli unici che possono davvero aiutarli sono gli Ebrei di tutto il mondo e spero proprio che lo facciano come solo loro sanno dvvero fare.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.