Ordinamento giuridico e...uomini?

La nostra società dispone di un “sistema di regole” (ovvero ordinamento giuridico) posto in essere da uomini, i cc.dd. “Padri fondatori”, che dopo aver vissuto le drammaticità, lo strazio e la povertà della guerra e della miseria umana; dopo aver combattuto e donato la propria gioventù e il proprio intelletto per le generazioni future, hanno posto in essere un sistema di regole così “curato” nel dare la possibilità a tutti di esseri liberi, autodeterminarsi e vivere con dignità umana. Nonostante tutto questo idealismo, perché tutto ciò, al giorno d’oggi, resta spesso solo inchiostro su enormi codici, visti dai più come “macigni” di regole che opprimono la vita o, dai più furbi, come strumenti per curare e accrescere a dismisura i propri interessi a discapito altrui?

Perché, secondo voi, molti (dal più ricco al più povero) non riescono a rispettare o ad apprezzare  delle “leggi” che sono create con lo scopo di tutelarci, proteggerci da farci vivere nel migliore possibile dei modi?

Scusate per il saggio e grazie per le risposte😂

Aggiornamento:

Qui il nocciolo della questione è un’altra...premettendo che, tutte quelle leggi, leggine ecc., di cui qualcuno scrive, sono, per un principio di gerarchia delle fonti del diritto, “sottoposte” al rispetto dei principi e delle disposizioni costituzionali (compreso il canone Rai)...i “padri” di cui parlo io, sono quelli che hanno vissuto l’apice della violenza e della miseria umana, le guerre...dopo aver vissuto l’inferno in terra hanno fatto il possibile per farci vivere nel “paradiso”...

6 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    1 mese fa
    Migliore risposta

    Bellissima domanda, ma questa sezione non è proprio il posto adatto, ti suggerisco di spostare il post qui

    https://it.answers.yahoo.com/dir/index?sid=3965454...

    La risposta, per come la vedo io, è semplice: prepotenza, ingordigia ed ignoranza, caratteristiche umane tipiche. E il gioco è fatto. E non vale solo per il Diritto, ma in qualsiasi contesto.

    Prendi il caso della Libia. La guerra, specie in casa propria, teoricamente non piace a nessuno. Eppure, anche dopo la fine (apparente, dobbiamo dire a questo punto) della guerra civile, le bande armate sono rimaste tali, essendosi accorte del vantaggio che avrebbero avuto dall'esercizio del sopruso.

    I Padri Costituenti di cui parli non furono uomini qualsiasi, ma persone eccezionali. Eppure, nel tempo, molti di loro ebbero modo di essere "guastati" dai difetti umani tipici. La vicenda giudiziaria dell'ultimo, Emilio Colombo, venuto meno nel 2013, fu emblematica in tal senso. Non solo assumeva cocaina, ma se la faceva procurare dalla sua scorta.

    http://www.brindisireport.it/cronaca/portavano-la-...

    Sic transit gloria mundi.

  • Paolo
    Lv 5
    1 mese fa

    Hai le idee e la conoscenza del diritto alquanto confuse. I padri fondatori hanno approvato la Costituzione e non l'ordinamento giuridico che è costituito da una miriade di leggi, Decreti, Dpr, D:Lgs, Sentenze della Corte Costituzionale, Decisioni della Cassazione, i Codici che son stati quasi tutti emanati in epoca fascista e che ancora oggi una parte di essi sopravvive. La Costituzione non è fondamentale per una democrazia, infatti la Gran Bretagna non ha una Costituzione eppure è un paese democratico forse più dell'Italia. Continui a fare confusione non ho mai scritto che le nostre leggi non debbano essere rispettose della Costituzione, ti ho spiegato che l'Ordinamento giuridico non è nato con la Costituzione e che essa non indispensabile per la democrazia, Inoltre, ti aggiorno che oggi non è la nostra Costituzione il limite per le nostre leggi ma le Direttive europee  che ci hanno tolto parte della nostra sovranità. studia e aggiornati.

    • Voglio ricordare, che la Costituzione resta la legge suprema del nostro ordinamento, fino a prova contraria...e che le miriadi di leggi cui fai riferimento, sempre fino a prova contraria, dovrebbero ispirarsi alle disposizioni (e quindi ai principi) costituzionali.

  • 1 mese fa

    I "padri fondatori" hanno redatto la Costituzione, non tutte le leggi e leggine che sono venute in seguito. Un corpo di leggi nato per sovrapposizioni continue che andavano a demolire codice civile e penale, un groviglio che serve solo a chi vuole approfittarne.

    P.S. E anche il debito pubblico ,l'enorme debito pubblico. è nella Costituzione?

  • 1 mese fa

    È l'indole umana.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • ept
    Lv 7
    1 mese fa

    che bello il tuo modo di interpretare, potresti entrare in politica e spiegare a tutti il perché utile e nobile di tutte le norme che quotidianamente vengono pubblicate in GU e diventano obbligo.

    Grazie

    • La politica mi ha sempre affascinato per lo scopo nobile che ha...curare l’interesse collettivo...crescendo però ho capito che forse, non per tutti i politici ma per una buona parte di loro, non è così...

  • 1 mese fa

    Dimmi un po’, l’obbligo del canone Rai pur non guardando le sue reti è una legge per tutelarci e per farci vivere nel migliore dei modi? E l’IVA? E il bollo auto? E l’imu? E l’imposta sul reddito? E la tassa sulla monnezza in base alle dimensioni della casa? 

    Spiegami ora che c’azzecca la legge con il quieto vivere dei cittadini...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.