Perché i testimoni di geova tempo fa celebravano il natale e oggi lo condannano come festa "pagana"?

Risulta anche dalle loro pubblicazioni che lo festeggiavano:

"È del tutto senza importanza il giorno in cui il Natale è celebrato; noi possiamo giustamente celebrarlo" - WT del 15/12/1903

"Anche se il giorno di Natale non è realmente l'anniversario della nascita di nostro Signore... Poiché la celebrazione della nascita di nostro Signore non è materia di decreto divino, ossia di comando, ma semplicemente un segno di rispetto per Lui, non è necessario cavillare sulla data. Possiamo quindi unirci al mondo civilizzato celebrando questo grande avvenimento nel giorno in cui la maggioranza lo celebra, il giorno di Natale" - WT del 1/12/1904

Oggi affermano che non si deve festeggiare perché:

1. Il 25 dicembre non è il giorno esatto (perché giorno del sole invitto)

2. È una festa pagana

Prima affermavano

1. Non è importante se il giorno sia esattamente quello

2. Si può "giustamente celebrarlo"

Come reagiresti se un giorno scopri che la dottrina che stai seguendo è mutata così radicalmente da condannare qualcosa che prima era considerato addirittura "segno di rispetto per Lui?"

5 risposte

Classificazione
  • 1 mese fa
    Migliore risposta

    Perche la loro dottrina cambia continuamente. Loro seguono una teoria che si chiama "Bordeggio":

    <Si potrebbe fare un paragone con la tecnica che, in gergo nautico, è chiamato "bordeggio". Manovrando le vele, i marinai possono mandare la barca a destra a sinistra, avanti e indietro, ma sempre procedendo verso la meta, nonostante i venti contrari> (La Torre di Guardia, 1 giugno 1982, pag. 27)

    Ecco un esempio di "bordeggio"

    - Nel 1963 per i tdg il trapiano di organi è lecito (La Torre di Guardia, 15 marzo 1963, pag.

    192)

    - Nel 1968 il trapiano di organi è un atto di cannibalismo (La Torre di Guardia, 15 marzo 1968, pag. 190)

    - Nel 1980 il trapianto di organi è di nuovo lecito (La Torre di Guardia, 1 settembre 1980)

    Per quale assurdo motivo una "verità fodata sulla Parola di Dio" deve bordeggiare?

    Con argomentazioni tipo quella del bordeggio un adepto tdg accetta di tutto e il contrario di tutto senza esitare.

    Esempio: Se i capi decidono che la "la borsa è blu" tutti i tdg devono dire che è blu. Se dopo 10 anni dicono che la borsa è rossa, i tdg devono dire che è rossa senza criticare. Quella borsa che ora è rossa era rossa già prima della grande apostasia. Se qualcuno fa notare loro che nelle riviste di 10 anni prima la borsa era di colore blu anziché rossa, loro risponderanno ammettendo che è vero "ma il sentiero dei giusti è come la fulgida luce che risplende sempre più finché il giorno è fermamente stabilito" (Proverbi 4,18).

    Strano che questa luce che risplende <sempre più> a momenti si spegne per poi riaccendersi di nuovo. Meglio non perdere tempo con i tdg. Nascono discussioni interminabili senza mai arrivare a una conclusione perche sono convinti di essere nella verità assoluta (quella attuale ovviamente, quella precedente non è più valida)

    • Il principio di non contraddizione vale solo per chi ragiona. Con questo ho detto tutto...

  • 1 mese fa

    La chiamano "nuova luce" o "nuovo intendimento".... eppure secondo loro sono gli unici sulla terra ad essere guidati da Dio, gli altri sono tutti nell'errore. Io penso che quando ci sono questi cambi di vedute si dovrebbe ammettere che nessuno ha la verità assoluta e che in ogni culto c'è l'imperfezione

  • 1 mese fa

    il natale pasquale

  • 1 mese fa

    Quando nella seconda metà dell'800 un gruppo di persone sincere cominciò a studiare la Bibbia avevano un solo scopo quello di conoscere le verità contenute nella Parola di Dio e adeguarsi ad esse. 

    Man mano che studiavano e approfondivano certi argomenti si accorsero che alcune tradizione religiose erano sbagliate (rispetto agli insegnamenti biblici) e apportarono i dovuti cambiamenti.

    Questo modo di pensare e agire è scritto nella Bibbia.

    (Proverbi 4:18) ...Ma il sentiero dei giusti è come la fulgida luce del mattino, che risplende sempre più finché non sia pieno giorno. 

    Le cose quando la luce non è chiara possono essere confuse o scambiate per altre… ma quando la luce del giorno risplende la luce allora le cose sono chiare e ben definite.

    (Isaia 60:17) ...Al posto del rame farò venire l’oro, al posto del ferro farò venire l’argento, al posto del legno il rame, e al posto delle pietre il ferro; costituirò la pace tuo governatore e la giustizia tuo soprintendente. 

    Dal contesto si capisce che il popolo di Dio avrebbe subito un raffinamento riguardante l'intendimento delle scritture.

    • Grazie per la tua chiarissima risposta. Ho fatto uno screen e l'ho messa nella cartella "arrampicate sugli specchi"

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 mese fa

    ma chissenefrega del vostro signore di merdha!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.