Una katana riuscirebbe a penetrare un armatura a piastre del XV secolo?

6 risposte

Classificazione
  • 1 mese fa

    Penso che ben difficilmente potrebbe farlo:  la katana è fatta per menare fendenti, e le migliori armature del XV secolo (quelle milanesi) riuscivano a proteggere anche dai colpi di punta, ben più temibili perché concentravano lo sforzo su una zona molto limitata, e in particolare temibili se portati sulle giunzioni.  Un fendente ben difficilmente riuscirebbe a aprire una giunzione (di solito le giunzioni non erano rettilinee).  Ricordo il caso di un cavaliere che, disarcionato, fu salvato dalla sua corazza che resistette ai tentativi dei nemici di penetrarla con la spada.

  • Anonimo
    1 mese fa

    Non al primo colpo. Ti faccio un esempio se prendi un cucchiaino e lo pieghi una volta non si spezza lo fai più volte e si spezza

  • Anonimo
    1 mese fa

    Secondo me sarebbero state efficaci se si colpiva sul collo del malcapitato.

  • Caìgo
    Lv 7
    1 mese fa

    Ho letto la tua domanda all'ora di pranzo, rientrato al lavoro ho chiesto ad un collega appassionato di "metalli" e fabbro nel tempo libero.

    Le sue parole: le armature non erano così impenetrabili come tanti credono, all'epoca c'era una un vero e proprio studio per creare punte di frecce in grado di perforarle.

    Tra le mani di un maestro (ha sottolineato maestro) una katana le potrebbe penetrare. Non è una sola questione di forza ma di precisione e corretta angolazione.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 1 mese fa

    francamente me ne infischio, anche senza armatura, una botta con la Sig Sauer, al massimo due, e tonfi in terra

  • 1 mese fa

    Più di un utente in passato ha già risposto a questa e a domande analoghe, ribadendo quanto il minerale ferroso delle katana giapponesi fosse di pessima qualità e pertanto costringesse i fabbri nipponici alle leggendarie 200 piegature per forgiare una spada in cui strati di ferro dolce e di acciaio si alternassero per garantire alla lama flessibilità e durezza. Le spade europee medievali, come quelle realizzate dagli armaioli di Toledo (Spagna) e a Solingen (Germania), erano nettamente superiori, e d'altra parte in tutto il Vecchio Continente erano celebri le armature milanesi e tedesche. Con ogni probabilità, una katana giapponese riuscirebbe a penetrare un'armatura a piastre europea del XV secolo soltanto infilandosi nei punti di giunzione fra i vari pezzi per arrivare agli organi vitali o ai grandi vasi sanguigni. Diverso invece il discorso per quanto riguarda verrettoni e quadrelli (dardi da balestra), con una grande forza d'impatto e un elevato potere di penetrazione: gravi danni al cavaliere potevano essere portati anche da colpi di azza o d'ascia a distanza ravvicinata, o da proietti scagliati da catapulte, mangani o trabucchi. 

    • Non è vero. il minerale della Katana era ottimo dando resistenza e flessibilità alla spada... vedi ad esempio il fatto che le spade europee si spezzavano più facilmente di quelle giapponesi

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.