Cambiare scuola al quarto anno da liceo scientifico a ITIS (istituto tecnico industriale statale) ?

Ciao a tutti. Sono al quarto anno in un liceo scientifico a Brescia. Nonostante prima di andarci sia professori che genitori mi consigliavano di andarci e che ce L’avrei fatta senza problemi; fin dalla prima ho riscontrato numerose difficoltà, sono sempre stato rimandato in tre materie ma sono sempre riuscito a superare gli esami. Arrivato in quarta mi sono reso conto di quanto questa scuola non sia adatta a me, e di quanto mi stia portando a un odio per lo studio e anche solo l’idea di fare necessariamente un Università dopo mi fa sotterrare. Anche perché secondo chi mi conosce sono sempre stato portato per le cose pratiche. 

La domanda è, avrebbe senso cambiare ora ? Legislativamente sarebbe fattibile prima della fine del primo quadrimestre o appena finito; ma non so se conviene o dovrei continuare così strascicando fino alla fine della quinta e dell università ?

 Ringrazio in anticipo per le risposte 

1 risposta

Classificazione
  • 4 sett fa

    Col fatto che passeresti a quasi metà anno, e col fatto che in terza itis si studiano argomenti già specifici -e dunque già "radicati"- negli altri compagni...rischieresti di fare molta fatica.

    In più, ti assicuro da ex studente itis, ciò che vai ad imparare a scuola per il lavoro non sarà direttamente spendibile. Non fai altro che studiare dal punto di vista più teorico una branca della fisica. Io che facevo elettrotecnica, per dirti, mi sono dovuto ciucciare tantissime materie come elettrotecnica, sistemi elettrici ed automazione, impianti elettrici...solo da punto di vista TEORICO. Quindi, calcoli, calcoli, calcoli e calcoli...solo riferiti a quel settore. Ma non sapevo tenere in mano un cacciavite. 

    Molti miei ex compagni hanno fatto dei corsi professionali di aggiornamento propedeutici che insegnassero un po' più nello specifico (nel tecnico) il lavoro della progettazione (oggi però ci vuole una laurea breve, sennò non ti assume nessuno).

    Quelli con vocazione più "pratica" hanno dovuto ripartire da zero a fianco dell'elettricista o del tecnico.

    Io ti consiglierei di tenere botta, ormai ti manca poco, e di valutare una facoltà di ingegneria. Se poi non hai più voglia di studiare, ti consiglio un bel corso professionale (e spesso danno la possibilità di stage in azienda).

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.