Jim
Lv 6
Jim ha chiesto in Musica e intrattenimentoCinema · 2 mesi fa

#Consigli e Sconsigli: Novembre 2019?

Buonasera a tutti. Ho pensato di creare questa sorta di "rubrica" mensile, al cui interno parlare un po' dei film da voi visti nell'ultimo mese con annessi giudizi.

Insomma, un'occasione per scambiarci novità, impressioni e chicche varie, in maniera (si spera) un po' più ordinata. La speranza è quella di poterne ricavare informazioni utili e letture illuminanti. 

Quindi proviamoci dai, se vedo che piace la proseguirò. 

Non avete limiti, potete parlare di quanti film volete, potete scrivere quanto vi pare e quel che vi pare. 

Se volete potete anche consigliare libri, serie televisive, canzoni, fumetti e chi più ne ha più ne metta. Insomma, fate quel che volete. 

Per ciò che mi riguarda, consiglio fortemente:

* "Il Sospetto" , di Thomas Vinterberg (2012), strepitosamente strepitoso. 

* "Diario di una donna perduta" , di Georg Wilhelm Pabst (1929), modernissimamente moderno. 

* "Il Portaborse", di Daniele Lucchetti (1990), sorprendentemente sorprendente. 

Vi sconsiglio invece:

* "La casa degli spiriti", di Bille August (1993), mattonazzo interminabile con un Jeremy Irons insopportabile. 

* "Manhattan Baby", di Lucio Fulci (1982), soporifero come pochi. 

* "Ore 15:17 - attacco al treno", di Clint Eastwood (2018), orrido tra i più orridi di sempre. 

Detto ciò, a voi la parola! 

9 risposte

Classificazione
  • BASTA
    Lv 7
    2 mesi fa

    Consiglio:

    - I saw the devil 

    - I Am Mother 

    - Love actually 

    - Devil's Candy 

    - A Christmas Carol (Zemeckis)

    - Stati di Allucinazione 

    - La guerra dei Roses

    - Border, creature di confine  (splendido)

    Sconsiglio:

    - La stanza delle meraviglie 

    - The Majestic 

    - The green inferno 

    - Viy, la maschera del demonio (di una bruttezza indecifrabile)

    - Il risveglio dei guardiani (osceno)

    - Detective Pikatchu

  • 2 mesi fa

    Ottima idea, anche meglio della mia #MusicaNelCinema! Sarà difficile fare ordine visto che mi guardo almeno un film/documentario/serie al giorno però proviamoci:

    Partiamo dai film/documentari, ho appena finito di vedere un bellissimo documentario su Netflix "Pugni d'acciaio e calci Kung Fu" che parla appunto del cinema di arti marziali da Bruce Lee e gli Shaw Brothers fino a oggi, vabbè mi sono rivisto il primo Ace Ventura, divertente anche se di cinema c'è ben poco (per non dire NULLA), l'altra sera mi sono visto Control, il Biopic su Ian Curtis, cantante dei Joy Division, molto carino e non banale la scelta della colonna sonora visto che ci sono sì le canzoni dei Joy Division ma anche alcuni pezzi di David Bowie, uno di Lou Reed e uno dei KRAFTWERK! E già che li ho nominati, tipo una settimana fa mi sono visto il documentario sui Kraftwerk chiamato "Kraftwerk: Pop Art" forse uno dei migliori documentari su una band musicale che abbia mai visto, chiaramente ho visto More (già recensito), rivisto The Blues Brothers sottotitolato (per i testi delle canzoni), Amore e Rabbia di Lizzani, Pasolini, Godard, Bertolucci e Bellocchio, film completamente folle e indescrivibile, uno dei pochi film davvero sperimentali che sono rimasti (visto che ormai il cinema sperimentale è morto), metacinematografico il corto di Godard, quasi politico/teatrale quello di Bellocchio, metaforico quello di Pasolini, socialmente critico quello di Lizzani (infatti si chiama "indifferenza" e mostra scene di violenza per la strada con la gente che se ne fòtte e si guarda i suoi show dimmerda preferiti) e quasi psichedelico quello di Bertolucci, l'unica cosa è che non ho capito perché lasciare alcuni episodi in inglese, cioè quello di Lizzani è stato recitato in inglese ma non l'hanno doppiato, MAH, a parte questo il film è una bomba nucleare; Europa di Von Trier (anche questo bello schizzato, mezzo bianco e nero, mezzo a colori, decisamente Pre-Dogma95 e sembra quasi voler omaggiare i Noir anni 30-40 con però in sottofondo la Seconda Guerra Mondiale, anche questo sperimentale in un certo senso, figo ma dovrei rivederlo perché ero stanchissimo), Tutti per uno / A Hard Day's Night (il film coi Beatles praticamente, mi aspettavo una cagáta sinceramente invece non è malaccio, certo i Beatles recitano malino ma hanno una bella chimica, si vede che alcune battute le hanno improvvisate, poi il film ogni tanto ti piazza alcune gag da humor inglese che a me piace tanto, certo il film è schifosamente auto celebrativo e quello non era neanche il periodo d'oro dei Beatles, era il periodo pre-Revolver, cioè quello delle canzonette rockabilly da 4 soldi, quindi la colonna sonora non è niente di che però il film ha un bel bianco e nero e la regia ha i suoi momenti, non me l'aspettavo, lo consiglio solo se siete SUPER FAN dei Beatles, altrimenti statene alla larga), chiaramente Dear Wendy di Vinterberg e Von Trier (già recensito), Oliver Twist di Polanski (gradevole ma forse è uno dei suoi film più deboli, ho visto poco Polanski ecco, l'ho visto in alcuni campi lunghi bellissimi che sembrano un dipinto, però per il resto si trattiene, forse troppo e il film è un po' buonista, chiaramente va a finire bene, TROPPO bene e ti lascia l'amaro in bocca, non aspettatevi il Polanski de il Pianista che ti fa stare male), Todo Modo di Petri (anche questo devo rivederlo, un film di Petri fatto e finito, si vede il suo stile, ho rivisto alcune atmosfere de La Decima Vittima e Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, figo ma non è uno dei suoi migliori, comunque BISOGNA vederlo anche solo per il cast, cioè Mastroianni, Volontè, Melato e Ingrassia, siete ancora qui? Su, fiondatevi a vederlo!), All'assalto del rap italiano, documentario sul rap italiano (molto bello e ci mostra come il rap era praticamente un movimento politico di Estrema Sinistra), Inseparabili di Cronenberg (2 Jeremy Irons al prezzo di uno, non dico altro, dovete vederlo), La Mala Ordina di Fernando Di Leo (molto bello anche se ho preferito leggermente di più Milano Calibro 9), Fahrenheit 451 di François Truffaut (capolavoro assoluto, il film distopico per eccellenza, andate in cùlo a monnezze come L'uomo nell'altro castello, The Handmaid's Tale e altre serie dimmerda, recuperatevi questo capolavoro), la versione estesa di Shining (mi è piaciuta tantissimo nonostante alcune scene un po' inutili, montato DIVINAMENTE e completo sotto tutti i punti di vista), Midsommar di Ari Aster (non l'ho recensito perché avevo paura di dare impressioni troppo a caldo visto che a una prima visione mi sembrò un capolavoro assoluto, dovrei rivederlo almeno 2-3 volte, comunque film BOMBA, poco horror ma va più vicino al cinema d'autore), Benvenuti a Marwen (già recensito), mi sono rivisto Domino di De Palma, Il Cacciatore di Michael Cimino, Yesterday di Danny Boyle e Richard Curtis (molto carino)

    • ...Mostra tutti i contatti
    • ENDeavOUR
      Lv 7
      2 mesi faSegnala

      sei un utente dal palato fine, per te un consiglio, un film insolito, un thriller di grande spessore: Fuochi d' artificio in pieno giorno

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Purtroppo ultimamente non ho visto molti film nuovi, in compenso però ho rivisto diverse pellicole che non vedevo da tempo, in alcuni casi anche da anni (come "Oldboy" di Park Chan Wook e la trilogia del Padrino).

    L'unica cosa che sono riuscito a vedere di nuovo e che mi sento di consigliare fortemente è il nuovo film di Polanski, "l'ufficiale e la spia" che ho visto al cinema la settimana scorsa. Chiaramente non è il miglior Polanski degli ultimi anni ed è a tratti forse eccessivamente "autobiografico" (nel senso che è riempito di riferimenti, più o meno velati, alle numerose accuse di molestie sessuali che gli sono state rivolte negli anni), ma tutto sommato è un film notevole, che tra l'altro racconta il caso Dreyfus in maniera anche molto storicamente fedele, e nonostante già sapessi tutto di ciò che viene narrato è un film che è riuscito a tenermi incollato allo schermo fino alla fine, e quando un film riesce a fare questo già è un buon segno.

    di film brutti invece ne ho visti ancora meno recentemente. Gli unici due che mi vengono in mente sono film che ho visto pochi giorni fa, ma che fossero brutti me lo aspettavo ampiamente anche prima di vederli, quindi sono sconsigli abbastanza "scontati": il primo è "Spiderman: Far From Home" (probabilmente anche peggio del primo, e ho detto tutto) e il secondo è "I magnifici 7" remake, quello del 2016 (film inutile e fastidioso come pochi nella storia del cinema, non capirò mai il senso di questi remake, specie se sono fatti così, in più se consideriamo che io non ho mai amato alla follia neanche l'originale (che è un buon film, ma anni luce lontano dal capolavoro di Kurosawa da cui è ispirato), potete trarre le vostre conclusioni).

    Ampiamente sconsigliati entrambi.

  • 2 mesi fa

    Ciao Jim. E' un'ottima idea.

    Una rubrica tutta dedicata ai film visti, per poter confrontarci, mi piace. Ed anche parecchio.

    Ieri ho (ri) visto "Seven" (anzi 7even) con Brad Pitt e Morgan Freeman.

    Purtroppo, non avendo pay tv, mi risulterà un po' riduttivo proporre film, diciamo, inediti (nel senso che forse non tutti di voi li hanno visti) ma credo che potrei comunque dare il mio piccolo contributo. Naturalmente, il mio parere non andrà certo ad influenzare positivamente o negativamente i gusti degli altri. Come a dire: "Ho visto questo film. Per me è ecc... ecc..." è un mio giudizio (che può essere giusto o sbagliato. E nel caso della seconda ipotesi, ben felice e disponibile è il sottoscritto a parlarne).

    A divx, ho visto il film poliziesco/drammatico "Liberi, Armati e Pericolosi" scritto da Ferdinando di Leo e Giorgio Scerbanenco. Diretto da Romolo Guerrieri. Il film segnò l'esordio al cinema di un allora 24enne Diego Abatantuono (non certo in una parte comica).

    Per film, visto che sono un horror-maniaco (tranqulli, solo in senso cinefilo!!!) punto dritto sul genere, seguendo la linea del "tutto o niente", mantenendo fede ai miei gusti, ossia quelli di guardare i film più estremi da digerire. E con questo, chi non dovesse riuscirci, non lo biasimo né condanno. Ognuno ha un proprio livello di sopportazione e -in un certo senso- sdegno per alcune trame, scene, effetti speciali ecc. molto truculenti. A me piacciono, più che altro perché sono appassionato di Special Effects, make up, trucchi scenici (mi piace scovare tutti i bloopers eventuali in una pellicola) ma punto dritto sulla recitazione degli attori (dal protagonista alla comparsa di due secondi) poiché i film si basano al 99% su come impostano dialoghi, battute, movenze e sintonie, i protagonisti del cast.

    • ...Mostra tutti i contatti
    • Ciao Jim. Grazie a te per le gentili e cordiali parole!  Riguardo al film Liberi Armati e Pericolosi, riuscii anni dopo a collegare la sua presenza nel cast (come comparsa. "Lucio") solo perché fu Diego medesimo a citarla nella trasmissione "Stracult".

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 2 mesi fa

    La settimana scorsa ho visto la serie 8 giorni alla fine e mi è piaciuta, spero però in una seconda stagione perché ha lasciato un grosso, grosso punto interrogativo.

    Di film consiglio Il traditore, finalmente un film italiano ben fatto, Alita, American Animals, storia vera di una rapina sgangherata, e C'era una volta a Hollywood.

    Bello anche il francese Due amici, non mi sono fatta mancare John Wick 3, e il fantascienza Attack The Block.

    Finisco con 2 film anni 40: La città nuda e La donna del ritratto

    Sconsiglio La nostra terra, chiaro esempio del perché della decadenza del cinema italiano, L'uomo di neve e Arrivederci professore.

    • ...Mostra tutti i contatti
    • LolaCorre .
      Lv 7
      1 mese faSegnala

      Io sono più attratta dalle novità, ma ogni tanto anche i vecchi film hanno i loro perché.
      Mi dispiace che non ci sia più partecipazione... siamo rimasti in pochi...

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    se parliamo di film recenti o recentissimi, ieri sera ho visto l' ultimo di Woody Allen, eccellente e giovane come sempre, merita. Quello che però mi è piaciuto di più è stato La belle epoque, magistrale. Seguono anche l' ultimo di Tarantino, quello di Polanski ed anche il vincitore della palma a Cannes, è nelle sale in questi giorni, un film Coreano di grandissima qualità, molto ben girato e recitato.

    Se però vogliamo alzare l' assicella, il mio preferito di questi ultimi 10 anni è La donna che canta del grandissimo Villeneuve, stre-pi-to-so !! A rileggerti

    • Jim
      Lv 6
      1 mese faSegnala

      L'ultimo di Woody ho intenzione di vederlo pure io, quanto al resto consigli interessantissimi! 

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Tra i film visti - o rivisti - di recente, restringendo il campo all'ultima settimana, consiglio: "Capturing the Friedmans" (il titolo italiano è "Una storia americana"), che ho finalmente recuperato in dvd, si tratta di un documentario su un fatto di cronaca che sconvolse l'America degli anni Ottanta: padre e figlio, il più piccolo dei tre, accusati di abuso sessuale sui bambini che frequentavano casa loro per le lezioni private di pianoforte e informatica. Abomini che forse non sono mai avvenuti. Ma qualcosa c'è comunque qualcosa di mostruoso, di malato, soprattutto nel padre, a prescindere dalla veridicità dei fatti. Il film, comunque, costituito quasi totalmente da riprese amatoriali della famiglia Friedman, ha un ottimo montaggio, e permette in ogni caso di riflettere su temi come l'isteria collettiva (vedi il famoso "caso McMartin" - che ispirò anche il film "L'asilo maledetto"), l'identità e la vita delle piccole comunità, il rapporto tra genitori e figli, la paura come "collante" sociale, la fragilità e gli abissi della vita umana.

    "Wounds", film netflixiano, che personalmente ho trovato davvero ben fatto. E' la storia di un vuoto, di un corpo che è solo un involucro senza vita, io l'ho inteso così. Ci sono il trascendente, lo gnosticismo, gli insetti, i corpi che mutano (alla Cronenberg): è il racconto di un'assenza, un nulla a forma di uomo, che lotta per tramutarsi in essenza. Originale, ben scritto, con mancanze e piccole incongruenze perdonabili.

    Sconsiglio, invece, "Catacombs": horror di serie z (con Pink, la cantante), visto senza aspettative, anonimo, dimenticabile.

    Tra i fumetti, consiglio, a prescindere, Dylan Dog che con "Oggi sposi" si avvicina alla conclusione del cosiddetto "ciclo della meteora" - che ho apprezzato molto, seppure nutro qualche piccolo timore che spero non troverà riscontri (questo mese, tra l'altro, si arriva al numero 400); Morgan Lost, che ha inaugurato una nuova stagione, Night Novels, con nuovi mostri, nuovo orrore, tanta notte, tanto sangue, disperata speranza e luminosa oscurità; Darwin, arrivato al sesto numero, lontanissimo dalla meraviglia di DD e ML, ma piacevole e interessante.

  • 1 mese fa

    Ultimamente non ho visto brutti film (e non ne vado in cerca), quindi metto solo qualche consiglio.

    Fedora: dà l’idea di essere una produzione povera, ma la storia è stuzzicante, con una buona suspence nella prima parte e tanta umanità nella seconda. Il personaggio di Fedora fa trasparire iconicità già solo dalla locandina, nel film poi si fa ricordare per diversi motivi.

    Hustlers: Constance Wu, attrice protagonista del film, ha dichiarato come riferimento Quei bravi ragazzi. Io dico che è un sequel spirituale de La grande scommessa, non per lo stile adottato, ma per la cura con cui viene rappresentato questo mondo. Un film onesto, che dà dei giustificativi alle azioni che compiono le protagoniste ma allo stesso tempo non le giustifica affatto; che, pur mettendo in cattiva luce il settore finanziario, non calca la mano, senza risultare frivolo. Ne esce un quadro lucido e ben descritto, con un ottimo uso delle musiche (per lo più di quel periodo; la coerenza nell’omaggio ala bellissima Gimme More di Britney Spears mi ha lasciato di stucco) e in cui le scene iconiche non mancano. Fantastica la pioggia di banconote sul palco mentre sta ballando Ramona (Jennifer Lopez): con una semplice scena descrive benissimo le due classi sociali rappresentate.

    Dopo La grande scommessa, un altro grandissimo film sulla crisi del 2008.

    Cape Fear: un film avvincente e dinamico sul senso del dovere. Un criminale si fa 14 anni in prigione e scopre che il suo avvocato difensore ha nascosto delle prove che lo avrebbero potuto scagionare, seguirà una vendetta dapprima psicologica, poi anche fisica. Perché l’avvocato si è posto al di sopra della legge? Perché quel crimine era stato commesso. Ecco la questione spinosa. Un uomo che si pone al di sopra della legge porta un altro uomo a porsi al di sopra della legge, che a sua volta porta il primo a sforare di nuovo, a tradire i principi a cui convenientemente ha deciso di credere e ad annegare sotto le sue nuove ossessioni.

    4 mesi, 3 settimane, 2 giorni: un film dalle vicende drammatiche ma con delle sfumature da thriller (pur sempre mantenendo un profilo basso). Il tema è l’aborto illegale che una ragazza sta per compiere. Non viene mostrato come è arrivata a quella situazione e non viene giudicato il suo gesto. Tutta l’attenzione è rivolta al presente, alla sua scelta e alle peripezie della sua amica che ha promesso di aiutarla e fa di tutto per mantenere la parola data. Una bellissima fotografia tratteggia una Bucarest fredda di giorno, decisamente oscura e poco accogliente di notte.

    Commovente l’amicizia che lega le due protagoniste. 

    Dei quattro film, forse quest’ultimo è quello che valuto meglio, ma li considero tutti di ottima fattura.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    1 mese fa

    Consiglio vivamente Frozen 2.

    L'ho visto al cinema per 3 sere di seguito perché mi è piaciuto un sacco.

    Nei miei suggerimenti c'è anche il primo film di Frozen.

    Altri film che consiglio sono:

    -Love Actually (classica commedia romantica,spensierata ma ricca di sentimenti)

    -Aladdin (emozionante, divertente, bellissima colonna sonora)

    -50 volte il primo bacio (tipica commedia per rilassarsi e farsi una risata, con protagonista di bella presenza)

    - La principessa e il ranocchio (bellissimo film di animazione con una ragazza afroamericana che diviene principessa e corona il sogno di aprire un ristorante a New Orleans)

    - La vera storia di Babbo Natale (fa sognare e avvolge della magia natalizia, e fa comprendere la nascita della storia ,appunto, di tale personaggio)

    -Piccola peste (fa sbellicare dalle risate)

    -A Christmas Carol(intramontabile classico natalizio) 

    -Gotika (ricco di suspence)

    - Il Grinch (fa vedere quanto sia bello godersi le festività natalizie senza il fardello dei cattivi pensieri)

    -Biancaneve e i sette nani (il primo lungometraggio  di animazione disneyano,non tramontera ' mai)

    -E alla fine arriva Polly (divertente, coinvolge)

    -Piccole donne (sentimentale spaccato di una vita familiare durante l'epoca della Secessione degli Stati Uniti )

    -Cenerentola (personaggi e musiche impareggiabili)

    -Elf (realizzato benissimo, protagonista ultradivertente)

    - Come d'incanto (una principessa aiuta un avvocato divorzista a riprendere a sognare,e il lieto fine ovviamente non manca)

    -The others (due vite parallele...una famiglia di persone che sono defunte ma non sanno di esserlo, nuovi proprietari che prendono possesso della casa e vengono creduti essi stessi, dunque, dei fantasmi)

    - Bambi (Il cerbiatto più celebre dello schermo....storia bellissima e scenari curati, con grande attenzione ai particolari e musica da brividi gradevoli)

    Sconsigliati invece:

    -Detective Pikachu (L'ho trovato noiosissimo)

    - Il risveglio dei guardiani (Non ha capo né coda)

    -Biancaneve e il cacciatore (storia completamente stravolta...Non mi piace assolutamente)

    -Amici di letto (banalissimo, fa sbadigliare....due amici che 'vanno a letto assieme ',vabbe ',e allora? Tutto questo fenomeno per una scena che ormai di questi tempi è normalissima?😂)

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.