Se, per pura ipotesi, l'omosessualità fosse una malattia non sarebbe un motivo in più per rispettare la libertà delle coppie gay?

Altrimenti, sarebbe come penalizzare una persona zoppa nella sua pretesa di camminare in maniera claudicante

15 risposte

Classificazione
  • 10 mesi fa
    Risposta preferita

    È da decenni che sono tutti concordi non lo sia. 

  • 10 mesi fa

    Esatto, se fosse una malattia, una disabilità bisognerebbe portar rispetto. Non essendo nemmeno questo bisogna portar rispetto lo stesso, essendo una scelta personale.

    Non ho mai sentito parlare di terzo cromosoma, al massimo si suppone un fattore genetico, ma finora non è stato provato ciò, anche se la mappatura di tutte le funzioni genetiche è ben lungi dall’essere completata 

    Non può essere un fattore culturale, dato che l’omosessualità esiste a tutte le latitudini e in tutte le popolazioni.

    Freud diceva che nasciamo tutti bisex e poi prendiamo la strada per l’etero o l’omosessualità.

    Scriveva Freud ad una madre che aveva il figlio gay

    “L'omosessualità non è di certo un vantaggio, ma non c'è nulla di cui vergognarsi, non è un vizio, non è degradante, non può essere classificata come una malattia, riteniamo che sia una variazione della funzione sessuale, prodotta da un arresto dello sviluppo sessuale. Molti individui altamente rispettabili di tempi antichi e moderni sono stati omosessuali, molti dei quali sono stati grandi uomini".

    Di certo la visione psicanalista attuale sull’omosessualità non è più quella di Freud, il che è anche ovvio, sono passati cent’anni e di progresssi ne sono stati fatti.

    Dato che non riesco a commentare sotto la risposta di Antonio Scalzo 

    Gli esseri umani hanno 23 coppie di cromosomi, i cromosomi sessuali, cioè che differenziano fra maschio e femmina sono 2, cromosoma X e Y, nessuno ha mai parlato di terzo cromosoma, l’omosessualità non è un terzo sesso! I geni sono oltre 20.000 e non è ancora completata la mappatura di tutte le funzioni per ogni gene, per questo si parla che forse, ripeto forse, l’omosessualità ha un fattore genetico o epigenetico.

    Inoltre invece di consigliare libri a @Ulixes Figlio della Terra, ti consiglio di cominciare a leggerne tu qualcuno, perché mi sa che quando @Ulixes scrive, scrive perché studia quell’argomento, sei tu che come fonti riporti documentari tv e non libri e studi!!!!!

    Riporto un link con uno degli ultimi studi, si parla di fattore genetico, non di singolo gene “gay”, e di fattori ambientali che possono o potrebbero indicare la via.

    https://www.wired.it/scienza/biotech/2019/08/30/ge...

    Giusta osservazione, la genetica non è una fede, ma non è neppure una scienza matura, ha pochi anni, rispetto alla fisica ad esempio, è ancora un bambino in fasce, poi ogni scoperta scientifica può essere rimpiazzata da nuove scoperte, la struttura dell’atomo attuale, dal punto di vista della fisica, è ben diversa da quella visione che aveva la fisica 200 o 100 anni fa.

  • Anonimo
    10 mesi fa

    L’omosessualità non è una malattia, non è una disabilità, è solo una variante dell’orientamento sessuale umano. Esistono bisonti gay, bonobo bisex, pinguini gay, delfini gay, topi gay, tori gay.

    Da cosa dipende? Non si sa, nel mondo animale alcuni comportamenti sono dovuti allo stress, ad esempio negli allevamenti alcuni tori hanno comportamenti omosessuali, di questi alcuni tornati in “libertà” tornano ad essere eterosessuali, altri restano gay. In alcune specie di uccelli una percentuale significativa di maschi è puramente gay, di fronte alla scelta di un partner di sesso opposto sceglie il maschio, questo in libertà, poi questi gay sono i primi ad accudire i piccoli rimasti orfani, che sia una strategia evolutiva per salvaguardare la specie?

    Mah.

    Per chi cita il terzo cromosoma:

    Nemmeno io ho mai sentito parlare di terzo cromosoma 

    Al massimo si sente parlare di fattori genetici.

    I cromosomi contengono i geni, di tutti i geni che ha la nostra specie ne sappiamo ben poco di quali funzioni comandano ogni singolo gene. Diamo tempo al tempo, sicuramente non può essere solo un fatto ambientale o culturale, dato che omosessuali ne trovi fra gli europei, fra gli statunitensi, fra i cinesi, fra gli africani, ne trovi fra chi vive nel mondo occidentale opulento e chi vive nel terzo mondo e pure nel quarto.

    2 link su genetica, epigenetica e omosessualità 

    https://www.lescienze.it/news/2012/12/11/news/omos...

    https://www.ilpost.it/2019/08/30/geni-omosessualit...

  • In teoria meriterebbero lo stesso rispetto di altri disabili se fossero disabili. Se poi fosse una malattia che non causa disabilità meriterebbero lo stesso rispetto di una qualsiasi malattia. Ma l'uomo è sempre alla ricerca di un "loro" da contrapporre a un "noi". Perché nello stesso istante in cui pone un "non io" pone anche un "io" (travisando e banalizzando di proposito il pensiero di Fichte... in poche parole ho solo ripreso e risignificato i termini perchè mi sembravano i migliori).

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Brian
    Lv 6
    10 mesi fa

    “Minorità è l'incapacità di valersi del proprio intelletto senza la guida di un altro. Imputabile a se stesso è questa minorità, se la causa di essa non dipende da difetto d'intelligenza, ma dalla mancanza di decisione e del coraggio di far uso del proprio intelletto senza essere guidati da un altro. “ Credo non esista frase migliore per descrivere alcuni credenti, in questo caso condannano gli omosessuali, ma se vai ad approfondire non sanno nemmeno il reale motivo per il quale compiono questa azione, loro non sfruttano il loro intelletto perché lo sostituiscono completamente con quella che loro chiamano “fede” che, sostanzialmente è una dittatura perché non si ha diritto di replica se non si è d’accordo con qualcosa, così è e così rimane.

    Fonte/i: La frase è di Immanuel Kant
  • 10 mesi fa

    Da eterosessuale, non vedo perché devo giudicare una persona dai gusti sessuali, se fa del sesso consenziente con persone adulte saranno cavoli loro.

    Mica giudico una persona per i suoi gusti musicali o perché ama il gelato al pistacchio .

  • Anonimo
    10 mesi fa

    Nessuno pensa che l'omosessualità sia una malattia, gli ignoranti ─ soprattutto alcuni comunisti, si sono inventati la menzogna che  i miscredenti e gli agnostici ─ però pensano (ripetono una filastrocca inculcata) che esista un terzo cromosoma: quello che determinerebbe la omosessualità.

    In natura non esiste il comunismo, infatti gli animali che vivono in branco hanno una gerarchia, ecco spiegato perché il comunismo è una strönzäta.

     

    P.S. in natura esistono animali eterosessuali, bisessuali, omosessuali, almeno questo dicono le osservazioni fatte dagli etologi.

  • 10 mesi fa

    Vero. Ogni persona è libera di avere i propri gusti, certo non deve essere di danno agli altri, far del male ad altri.

    Non vedo del male in chi è omosessuale.

    E dico ciò da eterosessuale, credente e madre.

    Se mio figlio mi dicesse che è omosessuale lo amerei come Se fosse eterosessuale.

  • Anonimo
    10 mesi fa

    Ma ormai è scientificamente dimostrato che l'omosessualità non è una malattia. C'è una predisposizione genetica ma viene, per così dire, attivata da condizioni ambientali. Ambientali non significa psicologiche. Non si diventa gay perché la fidanzata ti ha lasciato, traumatizzandoti. È una situazione ambientale che riguarda tutto ma proprio tutto quello che riguarda l'individuo fin dalla sua gestazione intrauterina. 

    Certamente se fosse una malattia, nel caso in cui si discriminasse, si dimostrerebbe forte ipocrisia. Nel mio quartiere si sono sposati due ragazzi con la sindrome di down. Con questa sindrome non è possibile avere dei figli, ma mica la gente pensa che non avrebbero dovuto sposarsi perché tanto non possono procreare! Mica la gente pensa che per strada non devono tenersi per mano (perché i down devono essere come dei bambini).

    Se certa gente si facesse gli affari propri, questo mondo sarebbe perfetto. 

  • 10 mesi fa

    Andrebbero rispettati in qualunque caso, non danno di certo fastidio a qualcuno.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.