Perchè chi pratica tiro a segno o detiene armi da fuoco - permesse dalla Legge- è considerato "violento"?

Moltissime persone, soprattutto se di cultura universitaria, disprezzano coloro che praticano il tiro a segno e/o che posseggono armi da fuoco, dicendo che sono "brutte persone" o addirittura "violente". Sono stati mandati in onda anche servizi televisivi in cui si facevano vedere i praticanti tiro a segno come persone con lo sguardo da pazzi

8 risposte

Classificazione
  • Anna
    Lv 7
    2 mesi fa
    Migliore risposta

    Il vizio di pensare per stereotipi è molto diffuso, e un'istruzione universitaria non basta per liberarsene. Ogni tanto si sente la notizia che un delitto è stato commesso da un tizio che aveva in casa varie armi da fuoco, e allora tutti quelli con la passione per il tiro sportivo diventano sospetti. 

    Affrontando l'argomento con logica stringente molte persone riescono a capire la contraddizione che c'è nel considerare positivamente il tiro con l'arco (perché è "zen") e stigmatizzare quello con la pistola (che secondo loro è "da fascisti") ma anche dopo tutti questi ragionamenti rimangono nelle loro convinzioni, che sono puramente emotive.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Carlo
    Lv 4
    2 mesi fa

    ho detto che sei un uomo di violenza non ho affatto detto che sei violento ! c'è una grande differenza

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    2 mesi fa

    Forse sarò uno dei pochi che ha trovato giusto fare un servizio in merito, non perchè penso che quelli che fanno tiro a segno siano tipi loschi, ma perchè penso che una licenza del genere anche per uso sportivo non deve essere concessa facilmente come se stessi vendendo caramelle, ma solo previo superamento di test di una certa complessità, con struttura simile a quella dei test d'ingresso delle facoltà a numero chiuso. 

    • Simone2 mesi faSegnala

      A mio parere le armi da fuoco non automatche sno pericolose come le automobili o i motorini, l'esame e i requisiti psicofisici di idoneità attualmente richiesti sono, sempre secondo me, già piuttosto restrittivi

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Diciamo che chi detiene le armi ha spesso delle idee che non condivido legate a giustificare l’uso di esse anche per uccidere. Io posso capire che se uno ti aggredisce o entra in casa tua hai tutto il diritto di difenderti, anche con armi, ma non lo puoi uccidere (tranne se non minaccia direttamente la tua vita), ovviamente se lo vedi spaventato, che sta scappando lo lasci andare o al massimo gli spari alle gambe.

    L’idea che ci viene propinata di chi usa armi è quella del classico zotico texano che cerca qualsiasi pretesto per spararti. Io personalmente non sono contro le armi, ma preferirei che esse venissero usati in casi estremi, cioè invasione da parte di altri stati e contro chi prova o riesce a far cadere la repubblica per istituire una dittatura

    • Simone2 mesi faSegnala

      Mi sembrano discorsi molto ragionevoli

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 2 mesi fa

    Io forse parlo per stereotipi, ma da quel che ho vissuto da ex studente universitario ho constatato che la maggior parte dei miei ex colleghi avevano una mentalità un po' da "figli dei fiori", non proprio da centri sociali (questa forma mentis l'ho percepita soprattutto per gli studenti appartenenti a facoltà umanistiche/scienze politiche); una mentalità ipocrita e tagliata con l'accetta che si configurava nell'esasperazione dei concetti che riassumerei in "famo l'amore e non famo la guerra" o "abbasso i soldi, viva l'amore" (anche se in realtà sono carogne che godono se il loro compagno di studi viene bocciato così come il fatto che i maggiori rappresentati delle succitate "categorie" sono figli di squali capitalisti affamatori che li mantengono in un loft del centro storico della città in cui studiano, ma questo è altro discorso).

    Quindi, di conseguenza, ciò che evade da questa "esasperazione pacifista" (ed avere passione per il mondo delle armi ed affini potrebbe rientrare nella fattispecie)...è per forza di cose pre-etichettato come VIOLENTO(H). O FASCISTA(H).

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Disarmare la popolazione restituisce supremazia allo Stato.

    A questo processo contribuisce fortemente la sinistra e i media; ...che poi sono sempre di sinistra.

    • Mario
      Lv 5
      2 mesi faSegnala

      non ci riuscirà perche il popolo si rivolterà e molte teste finiranno infilzate su una picca !

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    La risposta la puoi trovare nei 5 minuti di applausi ke ha ricevuto mattarella alla skala. 

    Devi fare alkuni passaggi mentali, se vuoi te li illustro io: 

    1-popolo disarmato ammansito drogato = inkapace di ribellarsi in alkun modo verso ki detiene il potere. 

    2-Ma km si può arrivare a kuesto risultato? 

    3-kampagna mediatika kontro le armi da fuoko ke sn il male assoluto. 

    Anke io ho tirato kon l'arko kualke annetto fa ^_^

    <3

    • ivan2 mesi faSegnala

      mi sa che non posso più giocare liberamente con l' mp40 di mio nonno

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 2 mesi fa

    Perché sono ricóglioniti.

    Tipicamente sono radical chic nullafacenti che giustificano le violenze commesse da ladri e rapinatori specie se stranieri e condannano chi difendendosi da un'aggressione uccide il criminale. 

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.