Anonimo
Anonimo ha chiesto in Affari e finanzaCredito · 9 mesi fa

Ma è vero che gli assegni non si possono più incassare in banca ?

Oggi la banca mi ha detto che questa operazione non è più possibile per via delle nuove regole sulla limitazione del contante... È vero? Che ne pensate? 

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 mesi fa
    Risposta preferita

    La regola è stringente per determinati fattori che ti andrò ad elencare: 

    Era la tua banca? Se sì e non te l'hanno cambiato...forse l'assegno era di altro istituto. NO cambio perché non si sa se l'assegno sarà coperto. Si versa, si aspetta che sia pagato (che dunque ci sia copertura) e poi si preleva. Potrebbero anche cambiartelo, ma detta come va detta...lo si fa se si conosce molto bene la situazione del cliente. Ad uno che ha 400 mila euro lo si fa che tanto non si rischia, POTENZIALMENTE. Ad uno che fatica a sbarcare il lunario...no; considera, se cambi un assegno scoperto in contanti (tu, anzi IO cassiere...i soldi ce li caccio io di mia tasca).

    L'assegno era del tuo istituto ma di altra filiale? Nel mio istituto la valuta è giornaliera. Io e te siamo clienti della stessa banca, ma tu a Bologna (per dire) ed io a Piacenza...se il cassiere ti conosce, sei un buon cliente e l'assegno è sotto i 3000 euro...il cambio si può anche fare. 

    In altri istituti, per il discorso di clienti su filiali diverse...gli assegni entrano in valuta il giorno dopo. Quindi, se ti viene staccato un assegno di altra filiale...non è detto che il giorno dopo ci sia la copertura. Quindi NO CAMBIO. 

    Tu NON sei cliente della banca in cui vai a cambiare l'assegno (che è di quell'istituto ed addirittura di quella stessa filiale). 

    NO CAMBIO: non sei cliente, chi ti conosce? E se sei un truffatore? Se viene il titolare del conto, cioè chi ti ha dato l'assegno, a garantire che effettivamente tu sia il beneficiario, sotto i 3000, e con adeguata verifica...si può anche cambiare. 

    Poi, ti dico, in linea di massima il cambio assegni è un'operazione a rischio. Nel mio istituto, che non ti cito, siamo più "liberi" perché c'è un clima di buonafede anche da parte di chi ti deve controllare. 

    In altri istituti, soprattutto nei crediti cooperativi (banche mezze fallite per definizione)...ti controllano anche i peli nel sedere. E nel dubbio, per stare tranquilli, l'operazione di cambio assegni è vietata.

    Anche se la teoria non vorrebbe il divieto. Solo attenzione e rispetto delle norme.

    Che ne penso, da bancario penso che non vorrei MAI essere pagato con assegno bancario; ma CIRCOLARE. Intanto.

    E seconda cosa, al giorno d'oggi, ci vuole un conto corrente. Se ne trovano di davvero economici. Quindi...BONIFICO. Oggi c'è anche l'istantaneo, voglio dire.

    Se il datore di lavoro, under 60, ti paga con assegni...vuol dire che non naviga in buone acque tendenzialmente.

  • mario
    Lv 5
    9 mesi fa

    dipende dalla banca non sono tutte uguali

  • Anonimo
    9 mesi fa

    Certo, ormai gli assegni sono carta straccia, adesso è il momento delle carte igieniche.

  • Anonimo
    9 mesi fa

    Tuwosfukffhkasfhkhsfksfhkdf

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.